Contenuto sponsorizzato

Albero in postazione sull'Adige a San Michele: ''Tradizione salva, un simbolo per la nostra comunità''

Dopo la richiesta di aiuto del comitato sulle pagine de Il Dolomiti, gli organizzatori sono stati contattati da tantissime persone. La scelta è poi ricaduta su un albero si sarebbe comunque dovuto tagliare in un giardino di un condominio per ragioni di sicurezza

Di Luca Andreazza - 02 dicembre 2018 - 19:38

SAN MICHELE. Il tradizionale albero sull'Adige è stato posizionato. Un tour de force per il Comitato di carnevale quasi venti di volontari si sono radunati all'alba di sabato 1 dicembre per iniziare l'installazione del caratteristico abete sul fiume. Un'operazione che si è conclusa al tramonto con le verifiche di stabilità della pianta sulla zattera. 

 

Nel giro di due settimane si è "salvato" il Natale in quel di San Michele. Dopo la richiesta di aiuto del comitato sulle pagine de Il Dolomiti, gli organizzatori sono stati contattati da tantissime persone. La scelta è poi ricaduta su un albero che si sarebbe comunque dovuto tagliare all'interno del giardino di un condominio per ragioni di sicurezza (Qui articolo).

 

 

"Siamo entusiasti - spiega il Comitato - siamo riusciti a mantenere una tradizione molto sentita e importante per la nostra comunità, come hanno dimostrato i numerosissimi interessamenti di questi giorni per un'iniziativa sempre apprezzata anche da parte di escursionisti e turisti per la curiosità e lo stupore che riesce a suscitare, adulti compresi".

 

L'albero sull'Adige impreziosisce inoltre un ricco calendario di appuntamenti previsti tra San Michele e Grumo per le festività natalizie.

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 giugno - 16:33

Il punto vendita sarà aperto in piazza Venezia 12 la prossima settimana. All'interno si potranno trovare formaggi, ortaggi ma anche un punto lettura e tanto altro

02 giugno - 06:01

Ci sono date che incarnano più di altre i passaggi decisivi della storia di un Paese. Il 2 giugno 1946 ha per una famiglia roveretana una doppia valenza, legata alla vicenda di un fante partito per la guerra in Africa settentrionale, caduto prigioniero degli inglesi e ritornato in patria proprio quando c'era da decidere tra "Repubblica" e "Monarchia". Riabbracciati i propri cari, Aldo Farinati non avrebbe avuto dubbi su cosa votare

02 giugno - 10:41

Secondo le prime informazioni lo schiacciamento della mano avrebbe portato al piccolo all'amputazione di alcune dita. Sul posto l'elicottero che lo ha trasporto in codice rosso a Peschiera 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato