Contenuto sponsorizzato

Arriva il primo temporary store targato The North Face, da Tamara Lunger a Conrad Anker all'asta otto cimeli per la Sat di Trento

Il punto apre in Val San Nicolò tra le Dolomiti della Val di Fassa a quota 2.100 metri in occasione della prima edizione italiana del The North Face mountain festival. Dopo questa apertura lo store si sposta poi a Berlino e Manchester

Pubblicato il - 31 luglio 2018 - 13:01

POZZA DI FASSA. Arriva il temporary store del noto brand The North Face, il punto apre in Val San Nicolò tra le Dolomiti della Val di Fassa a quota 2.100 metri

 

Qui, in occasione della prima edizione italiana del The North Face mountain festival, è possibile scoprire in esclusiva la collezione di capi indossati da vere leggende dell'outdoor.

 

Un appuntamento imperdibile per esploratori, appassionati, intrepidi e spiriti ribelli. Il temporary store è raggiungibile solo a piedi, dopo circa due ore di hiking i visitatori possono scoprire gli otto prodotti utilizzati da straordinari atleti in occasione di grandi  imprese sportive.  

 

Si va dal piumino antarctica summit series L3 indossato da Alex Honnold per proteggersi dal freddo dell’Antartide in una recente spedizione al piumino summit series da Tamara Lunger, un simbolo della sua forza e motivazione nel tentativo di scalare il Nanga Parbat.

 

Spazio alla giacca antarctica summit series Ventrix Expedition donata dalla leggenda americana del climbing Conrad Anker, lo zaino Verto 32 Legacy, il quale ha resistito oltre undici ore sulla roccia con il climber James Pearson durante la sua sfida sulla Punta Giraldili, il piumino summit series, che ha accompagnato Caroline Ciavaldini sul Grand Capucin in una delle route più impegnative d’Europa.

 

E ancora il borsone base camp Xl dello snowboarder Xavier de le Rue nella spedizione sul vulcano attivo nell’isola di Vanuatu (in quell'occasione è sceso in snowboard tra pietre laviche e tempeste di cenere), il borsone base camp S usato da David Göttler nel tentativo di scalare la “montagna killer” Nanga Parbat e il piumino summit series della prima scalata di Hervé Barmasse della inaccessibile parete ovest del Cerro Piergiorgio in Patagonia.

 

Gli otto pezzi della collezione sono stati selezionati tra quelli indossati dagli atleti The North Face durante i loro momenti di gloria, rinnovati e arricchiti da una dedica che punta a ispirare i nuovi proprietari a non smettere mai di esplorare e raggiungere nuove vette.

 

Gli appassionati di grandi storie di sport possono provare a aggiudicarsi questi cimeli partecipando all’asta online, aperta fino alle 23.59 di domenica 5 agosto e il ricavato viene devoluto alla Sat di Trento (Qui link per partecipare all'asta).

 

Dopo questa apertura il “Pinnacle project”, un tour in tre città che invita gli spiriti ribelli a unirsi all’esplorazione attraverso un’esperienza unica tra outdoor, fashion, design e musica, si sposta poi a Berlino e Manchester.

 

La storia del marchio The North Face affonda le radici alla fine degli anni '60. E' il 26 ottobre 1966, quando viene inaugurato un piccolo negozio di prodotti per l'outdoor a North Beach di San Francisco. Dopo oltre 50 anni il brand americano lancia i temporary store, il primo nel cuore delle Dolomiti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 18 novembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 novembre - 10:25

Una decisione irrevocabile, non c'è spazio di contrattazione o ripensamenti. A far traboccare il vaso è stato il mancato sostegno da parte di alcuni componenti di maggioranza sulle modifiche al Prg. "Non ci interessa 'tirare a campare': non intendiamo tradire nessun elettore che ha riposto in noi e nella nostra coalizione la propria fiducia". Ora verrà nominato un commissario per traghettare il Comune a prossime elezioni

19 novembre - 11:11

E' avvenuto al casello di Bolzano Sud, dove la squadra mobile della polizia del capoluogo altoatesino, impegnata in un regolare controllo anticrimine, ha fermato un veicolo con alla guida un pregiudicato 39enne. Dalla successiva perquisizione emergevano una consistente somma di denaro in contanti e 4 etti di cocaina nascosti nell'autoradio

19 novembre - 05:01

C'è voluta una richiesta di accesso agli atti dell'ex assessore Michele Dallapiccola per avere quelle conferme in più, che la Provincia fin dal primo momento non ha voluto comunicare: "Da veterinario alcuni aspetti nella relazione non mi convincono: farò delle interrogazioni". Intanto sulla vicenda è silenzio da piazza Dante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato