Contenuto sponsorizzato

Da Gad Lerner a Daniele Bellocchio, tutto pronto per il Festival delle Resistenze

Torna a Trento il Festival delle Resistenze Contemporanee tra il 14 e il 16 settembre in piazza Cesare Battisti. L’evento verrà riproposto, dopo l’edizione primaverile tenutasi a Bolzano, dalla Piattaforma delle Resistenze con il sostegno e la collaborazione degli Uffici politiche giovanili delle Province di Trento e Bolzano e alla Regione Trentino-Alto Adige

Pubblicato il - 29 agosto 2018 - 21:20

TRENTO. Da Motta a Tiziana Ferrario, da Gad Lerner a Daniele Bellocchio e tanti altri ancora. Sarà un'edizione all'insegna dei giovani, che ruoterà attorno al concetto di periferie, che si interrogherà sulle nuove forme di resistenza e su come 

 

Torna a Trento il Festival delle Resistenze Contemporanee tra il 14 e il 16 settembre in piazza Cesare Battisti. L’evento verrà riproposto, dopo l’edizione primaverile tenutasi a Bolzano, dalla Piattaforma delle Resistenze con il sostegno e la collaborazione degli Uffici politiche giovanili delle Province di Trento e Bolzano e alla Regione Trentino-Alto Adige.

 

Al centro del dibattito ci sarà il tema delle periferie, come luoghi di rigenerazione di territori e di pensiero, argomento a cui si ispira il titolo del progetto: “FUORI DAL CENTRO. Il futuro da altri punti di vista”. Il festival coinvolgerà la popolazione, le associazioni e varie organizzazioni provinciali per i giovani e la cultura; saranno ospiti diverse personalità del mondo dell’arte, del giornalismo e della cultura.

All’anteprima del festival che sarà il 9 settembre, seguirà l’inizio vero e proprio dell’iniziativa. Il programma prevede attività fisse per i tre giorni, come: Caffè e giornale, la rassegna stampa mattutina delle 9.30 con il direttore del Trentino Alberto Faustini; tra le 14 e le 20 di ogni giorno di Festival rimarrà attiva anche la Giacomella di Studio Tangram, la roulotte sociale dove grandi e piccini si riuniscono all’insegna di giochi e divertimento e infine Radio Dolomiti interverrà in occasione di alcuni appuntamenti.

 

Il 14 settembre la mattinata sarà dedicata ai giovani: scuola, nuovi progetti tecnologici e progetti provinciali già attivati che verranno raccontati attraverso le voci dei giovani stessi coinvolti. Saranno inoltre tenuti un laboratorio per avvicinare la Costituzione ai più piccoli e un approfondimento sulla vita di coloro che hanno votato le loro vite all’impegno umanitario in zone di conflitto.

 

Nel pomeriggio alle 15 ecco "Dietro le quinte dell'impegno civile", la parola a Daniele Bellocchio (giovane reporter d'inchiesta), Sara Ballardini (operatrice umanitaria) e Ingrid Powell (psicologa d'emergenza), un incontro di Forum Trentino per la pace e i diritti umani moderato da Luca Pianesi, direttore de Il Dolomiti.

 

In serata verrà invece proiettato il documentario: “On The Road – Sulle rotte dei migranti”. Alle ore 18, sul palco di Resistenze, il giornalista Francesco Costa, vicedirettore de Il Post che parlerà dell’attuale situazione di passaggio americana fra Obama e Trump. In serata si discuterà il ruolo della donna nella società odierna: carriera, salari, diritti: tutti argomenti centro del dibattito fra la giornalista Tiziana Ferrario e l'attrice teatrale Marta Cuscunà.

 

Sabato 15 settembre durante la mattinata si svolgeranno il laboratorio, Giovani cittadini effervescenti – Articolo 9 e alle 14 inizierà il tour Oltrepassare del centro storico, che inviterà i partecipanti a cambiare prospettiva passeggiando per le vie del centro.

 

Il pomeriggio sarà all’insegna della letteratura con Davide Longo e i suoi racconti della montagna. Alle 21 torna al Festival delle Resistenze Gad Lerner, giornalista e conduttore televisivo che proporrà un dibattito sul mondo del lavoro ai giorni nostri.

 

Domenica 16 settembre: l’intenso pomeriggio dell'ultima giornata inizia alle ore 15 con la proiezione del documentario firmato da Barbara Fruet e Stefania Viola e girato da Giampiero Mendini, Senza far rumore: emigranti in Valle di Cembra, ieri e oggi.

 

Non è un paese per giovani? È il titolo del dibattito a seguire incentrato sulle possibilità che “ci sono ma non si vedono” nella nostra regione.

 

L’appuntamento successivo sarà alle 18, organizzato in collaborazione con Trentino Film Commission, e si concentrerà sui mestieri “fuori dal centro” che popolano i set: un mondo dietro la telecamera punta l'obiettivo sulle professionalità che poco si conoscono, ma senza le quali le produzioni non esisterebbero.

 

Per chiudere in bellezza quest’edizione del Festival ci saranno i racconti e le canzoni di Motta, cantautore e polistrumentista toscano, che verrà intervistato dal noto giornalista musicale Pierfrancesco Pacoda.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

31 ottobre - 04:01

Una ricerca dell'Ispi, l'Istituto per gli studi di politica internazionale prova a valutare dati alla mano l'ipotesi dell'isolamento per fasce d'età. Secondo una proiezione, imponendo un lockdown ai soli over 80 la mortalità da Covid verrebbe dimezzata, mentre l'isolamento per gli over 60 diminuirebbe di 10 volte la letalità del virus. Le criticità però non mancano

30 ottobre - 20:13

Ci sono 127 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 9 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 12 in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 222 positivi a fronte dell'analisi di 2.861 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,6%

30 ottobre - 18:15

La misura introdotta per evitare assembramenti: l’1 e il 2 novembre i cimiteri di tutto il Trentino rimarranno chiusi. Fugatti: “L’azienda sanitaria ci segnala un rischio aumento dei contagi sugli anziani, una settimana dopo le feste di Ognissanti”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato