Contenuto sponsorizzato

Dove si va in camporella? Ce lo dice un'app: da Mesiano alle campagne di Ravina, da Tempesta sul Garda a Moena ce n'è per tutti i gusti

La mappa geolocalizzata permette di segnalare la location e recensirla per "trovare il posto perfetto per andare in camporella e fare l'amore tranquillamente". Tanti i luoghi indicati in Trentino (meno in Alto Adige) con tanto di commento: "E' frequentato da molti giovani dalle 21 in poi... A volte anche durante il giorno"

Di Luca Pianesi - 26 marzo 2018 - 20:16

TRENTO. Spesso è un problema. In un mondo sempre più civilizzato, pieno di telecamere, illuminazione a giorno in ogni dove e campagne compresse tra decine di case trovare un luogo appartato diventa sempre più difficile. E decidere "dove si va in camporella" può diventare complicato. Ecco, allora, che ci pensa la tecnologia a venire in soccorso alle moderne coppiette, con un'app per il cellulare che ha un nome che è tutto un programma: "trovacamporella.com".

 

Il titolo del sito spiega tutto in poche parole: "Trova nella mappa il posto perfetto per andare in camporella e fare l'amore tranquillamente" e in Trentino Alto Adige sono davvero tante le località "recensite" dalla community di camporellosi, circa un centinaio in provincia di Trento, una decina in quella di Bolzano con 5 location in intorno al capoluogo altoatesino, una tra Vilpiano e Gargazzone e tre a Merano. Per il resto è il Trentino a farla da padrona con Trento grande protagonista assieme alle "zone laghi". Qualche esempio? Per le coppiette cittadine c'è la "Salita di Mesiano" descritta come "ideale per innamorati, consigliata in notturna" o il Parco di Gocciadoro che oltre alle indicazioni per raggiungerlo ha la spiegazione: "E' frequentato da molti giovani dalle 21 in poi... A volte anche durante il giorno".

 

Un grande classico sono le campagne e allora ecco "Campagne di Ravina" in via Belvedere ma c'è l'allert: "Ricordiamoci comunque che in italia la camporella è illegale e i carabinieri potrebbero passare, quindi luci e fari spenti". Passando sul Lago di Garda c'è a Tempesta una zona bella appartata "frequentata da gay e coppie" mentre sopra Centa San Nicolò in località Menegoi "c´è una strada che sale nel bosco. Se è una giornata piovosa o fredda - si legge nella recensione - non ci sarà gente a lavorare e sarà possibile stare in auto anche di giorno. Ottimo panorama e bellissimi boschi".

 

In zona Levico, salendo per la strada della Panarotta c'è la località Giuzza "orari migliori: sera o notte". E anche a Rovereto ci sono varie segnalazioni, una in via Campagnole con descrizione "possibilità di trovare Pokemon B. che si aggrega volentieri alla camporella". A Moena "si gira per il passo di S. Pellegrino, dopo 50 mt si gira a dx... dopo mezzanotte singole e coppiette esibizioniste... colpetti di abbaglianti come segnale". Intorno a Fiera di Primiero ci sono ben tre location e in Val di Non tra Don e Romeno c'è la zona "Zo al Troz".

 

Insomma c'è davvero di tutto e per tutti i gusti e la app con mappa geolocalizzata è in continua evoluzione come si legge nella home page del sito: "Trovacamporella.com ha bisogno della vostra collaborazione. Le informazioni le aggiungete voi e tra tutti potremo creare una mappa per andare in camporella in qualsiasi luogo d’Italia". Camporellosi di tutto il mondo, unitevi.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 luglio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

16 luglio - 05:01

Dallapiccola: “Il Trentino può essere un territorio all’avanguardia nella gestione dei grandi carnivori, eppure la Giunta continua ad evitare di affrontare il problema esasperando la situazione fra allevatori e ambientalisti”. Sono tante le soluzioni che possono essere adottate per la prevenzione dei danni da grandi carnivori ma tra il 2018 e il 2019 la Pat ha realizzato meno opere e investito meno soldi

15 luglio - 19:17

Il presidente Renato Villotti: " Purtroppo quando uno è debole e disperato tutto gli va bene pur di non morire. E la criminalità si presenta con soldi contanti pronti per essere usati”. Per Confesercenti tra gli interventi utili a superare questa crisi che sta sconvolgendo bar e ristoranti vi è il blocco dello smart working

15 luglio - 17:36
Il totale sul territorio resta così a 5.503 casi e 470 morti da inizio epidemia. Sono stati analizzati 1.138 tamponi. Il presidente della Provincia, Maurizio Fugatti, ha firmato una nuova ordinanza che introduce alcune novità nella gestione delle misure di sicurezza per fronteggiare Covid-19
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato