Contenuto sponsorizzato

Kristian Ghedina e Federico Liberatore di corsa al Festival dello Sport per lanciare i Mondiali di Fassa e Cortina

L'intervista all'ex discesista tra i protagonisti alla kermesse di Gazzetta e Provincia: "Un onore essere il testimonial. Durante la carriera bisogna essere disponibili e poi sapersi reinventare per restare sulla breccia una volta finita l'attività"

Di Luca Andreazza - 10 ottobre 2018 - 20:15

TRENTO. E' tra gli ospiti del Festival dello Sport ormai ai nastri di partenza. Tra i protagonisti della prima edizione della kermesse targata Gazzetta e Provincia c'è anche Kristian Ghedina, il più vittorioso discesista italiano nella storia della Coppa del Mondo di sci alpino

 

L'appuntamento con l'ex discesista, tra i migliori specialisti degli anni '90 e grande sostenitore delle Olimpiadi Milano-Cortina 2026 (Qui articolo), è per domenica 14 ottobre alle 7 con "Run to alpine ski championship", un training di corsa mattutino di 4,04 chilometri gratuito e fino ad esaurimento posti.

 

Una distanza scelta non a caso, Ghedina è il testimonial dei Mondiali di sci alpino di Cortina 2021 e corre a staffetta con Federico Liberatore, testimonial dei Mondiali juniores di sci alpino Val di Fassa 2019. I 4,04 chilometri sono la sommatoria degli anni delle competizioni iridate. 

 

"Sono fiero di poter essere a Trento in qualità di testimonial di Cortina - dice l'ex discesista - un ruolo che mi rende molto orgoglioso, sono veramente tanti gli atleti forti della Regina delle Dolomiti e quindi è un onore".

 

L'esperienza a livello internazionale non manca tra mondiali e cinque edizioni dei giochi Olimpici da Albertville 1992 a Torino 2006. Ora sei testimonial per i Mondiali di casa, quelli di Cortina 2021.

Il team di lavoro è veramente ottimo, mentre il lavoro è tanto per arrivare pronti all'appuntamento. L'organizzazione è complessa e si cerca di fare il meglio, poi ci sono sempre gelosie, invidie e critiche, ma è anche giusto così. Si cerca di trovare la quadra tra privati, amministrazioni e governo.

 

Ritirato nel 2006, la figura di Ghedina resta comunque ai massimi livelli, nonostante la carriera di discesista sia ormai conclusa.

E' importante approcciarsi nel migliore dei modi durante la carriera. A volte può essere difficile corrispondere all'affetto e alle aspettative dei tifosi, ma è fondamentale essere disponibili. Terminati gli impegni di sci alpino poi non mi sono chiuso in casa, ma ho cercato di reinventarmi tra la televisione, eventi e l'automobilismo. Se sei troppo riservato la gente rischia di dimenticarti e sostenerti solo quando ci sono i risultati.

 

Specialista nella discesa, come si migliora la performance una volta raggiunto il top

Sicuramente bisogna essere portati, rischio, velocità e adrenalina devono piacere. Ma la base è l'allenamento: sono tanti gli atleti che gareggiano, anche bene, perché necessitano dei punti per la classifica di Coppa del Mondo. Sono abbastanza spericolato e ovviamente questa specialità mi è sempre piaciuta più di altre, ma il lavoro ripaga sempre.

 

Mai avuto paura prima di qualche gara

Quella è fondamentale, ma più che paura parlerei di tensione e guai se non ci fosse, altrimenti diventa pericoloso. Durante la gara e gli allenamenti è importante gestire l'emotività e la situazione: bisogna sempre viaggiare al limite. Oltre si sbaglia, sotto anche. Serve il giusto equilibrio. 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 06:01

E questa emergenza Covid-19 ha portato in luce pregi e difetti della Dad. Una professoressa: "Stabilizzarsi tramite il concorso? In Trentino sembra che non sia possibile". La sindacalista Cinzia Mazzacca: "A rischio la continuità didattica in molte scuole della nostra provincia, un docente potrebbe trasferirsi in un altro territorio"

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato