Contenuto sponsorizzato

"La" 24 ore di nuoto: in vasca no stop per la solidarietà. "Una cosa incredibile, che non ti fa sentire la fatica"

Si comincia alle 19 di sabato e si termina alle 19 di domenica. Le associazioni del dono che partecipano all'organizzazione a fianco di Snd Nuotatori Trentini sono Avis, Admo e Aido. A queste si aggiungono per la decima edizione del 2018 anche Lilt e Ail

Di Cinzia Patruno - 08 ottobre 2018 - 13:38

GARDOLO. Torna "La" 24 Ore di Nuoto e lo fa in grande per la sua decima edizione. Quest'anno, sabato 20 e domenica 21 ottobre alla piscina di Gardolo saranno cinque le associazioni che daranno il loro supporto a Snd Nuotatori Trentini, promotrice e organizzatrice dell'evento. Rinnovano il loro consenso le tre 'associazioni del dono' Avis, Admo e Aido, con l'appoggio delle nuove arrivate Lilt e Ail. Si preannuncia un evento unico, nel quale una vasca a stile libero, dorso o rana significa molto di più.

 

"Vedere "La" 24 Ore di Nuoto - spiega Nerio Danieli, presidente di Snd Nuotatori Trentini - andare avanti per una giornata intera con tutte le persone che si danno il cambio in una staffetta di solidarietà è una cosa incredibile, che riempie il cuore, che non ti fa sentire la fatica. Sono tutti quanti lì per lo stesso motivo, cioè sensibilizzare alla donazione. La staffetta ha un significato veramente importante perché è la continuità di quello che vuole essere la donazione verso il prossimo.

La possibilità di donare al prossimo penso che sia la cosa più bella e la staffetta, con la sua continuità, vuole proprio esserne un simbolo".

 

"La" 24 Ore di Nuoto (ormai l'iconico "La" si è guadagnato le virgolette) nasce come staffetta di solidarietà e prevede che i partecipanti nuotino uno dopo l’altro senza interruzione per 24 ore. La staffetta si apre sabato 20 ottobre alle 19 e termina domenica 21 alla stessa ora. Ad ogni partecipante, anche quest'anno, sarà regalata la cuffia rossa simbolo della manifestazione. Non occorre essere atleti per tuffarsi e dare il proprio contributo: la staffetta solidale vuole far trasparire il messaggio che l'apporto di ogni singolo individuo è un tassello importante.

 

"L’intento della manifestazione - spiega Nerio Danieli - è quello di sensibilizzare le persone sul tema della donazione". Infatti è sempre stata organizzata in collaborazione con Avis (Associazioni Volontari Italiani Sangue), Aido (Associazione Italiana Donatori Organi), Admo (Associazione Donatori Midollo Osseo). Nell'edizione 2018 si sono aggiunte con entusiasmo anche Lilt (Lega Italiana per la lotta contro i tumori) e Ail (Associazione contro leucemie-linfomi e mieloma).

 

"L’occasione - continua Danieli - permette ai volontari delle associazioni coinvolte di divulgare il loro importante impegno verso la donazione sensibilizzando i partecipanti e le persone presenti. Allo stesso tempo la staffetta rappresenta l’unica occasione per il cittadino di nuotare di notte. Non da trascurare anche la possibilità che si dà ai giovani". Un'opportunità unica per trascorrere un sabato sera alternativo o una domenica sana ma, al tempo stesso, ricca di significato grazie al messaggio del dono.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato