Contenuto sponsorizzato

24 ore in vasca, dalla staffetta al nuoto sincronizzato: è il grande evento della solidarietà

Organizzata da Snd Nuotatori Trentini, la manifestazione avrà il sostengo delle associazioni del dono Avis, Admo e Aido, alle quali quest'anno si uniranno anche Ail e Lilt. Oltre alla tradizionale staffetta nella vasca quattro della piscina di Gardolo, spazio alla sensibilizzazione sul dono di sangue, midollo osseo, organi e cura e prevenzione di tumori e leucemie

Di Cinzia Patruno - 26 luglio 2018 - 18:58

TRENTO. Una manifestazione di cuore, che da dieci anni a questa parte si è ritagliata uno spazio speciale nell'autunno trentino: è "La" 24 Ore di Nuoto, che taglia quest'anno il suo decimo traguardo e torna il weekend del 20 e 21 ottobre con la sua staffetta della solidarietà. Un "la" virgolettato che è diventato un'istituzione, una sorta di marchio di fabbrica. Anche perché, in tutta Italia, è difficile trovare manifestazioni sportive nelle quali si nuoti per ventiquattr'ore di seguito.

 

"Il nostro – spiega l'associazione Snd Nuotatori Trentini, rappresentata dal presidente Nerio Danieli – è un unicum a livello nazionale. In Italia stanno nascendo qua e là gli eventi di dodici ore di nuoto, quelli in cui si nuota ventiquattro ore continuativamente sono rari". Dalle 19 di sabato 20 ottobre alle 19 di domenica 20, la vasca quattro della piscina di Gardolo sarà interamente dedicata alla staffetta della solidarietà. La partecipazione, come ogni anno, sarà gratuita e gli staffettisti riceveranno la caratteristica cuffia rossa, colore del sangue e simbolo del dono.

 

E' proprio il dono la chiave di lettura di questa manifestazione: da sempre sostenuta dalle "associazioni del dono" trentine, quali Avis (sangue), Admo (midollo osseo) e Aido (organi). "Quest'anno – spiega Snd – abbiamo fortemente voluto che si unissero anche altre associazioni che si occupano di prevenzione, sostegno e sensibilizzazione". Per la decima edizione collaboreranno all'organizzazione anche Ail e Lilt. La partecipazione delle associazioni si concretizzerà in vari momenti informativi e di sensibilizzazione nella giornata di domenica, ai quali chiunque potrà partecipare e raccogliere le informazioni necessarie. Il messaggio veicolato verterà sull'importanza dei piccoli gesti, come nel caso della donazione di sangue e midollo osseo, che possono però salvare una vita.

 

Una manifestazione ormai consolidata, che negli anni ha visto la partecipazione di figure istituzionali molto diverse, dall'arcivescovo di Trento alla neoeletta Miss Italia Alice Rachele Arlanch che nel 2017 ha fatto da madrina. Ma Snd Nuotatori Trentini non vuole fermarsi. Tra le novità dell'edizione 2018 ci saranno delle esibizioni di nuoto sincronizzato e verrà riproposta la staffetta "parenti", a cui potranno prendere parte coppie legate da un certo grado di parentela. Spazio quindi a padri e figlie, madri e figli, zii e cugini che dovranno percorrere 50 metri a testa e che saranno premiati al termine de "La" 24 Ore di Nuoto.

"Un ringraziamento particolare – conclude Snd Nuotatori Trentini – va certamente alla sensibilità dimostrata dal Comune di Trento, nella persona dell'assessore Uez, che permette agli staffettisti di entrare a titolo gratuito nella struttura".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 settembre - 23:37

A livello provinciale l'affluenza alle urne si attesta a circa il 50% degli aventi diritto. Urne aperte anche lunedì 21 settembre dalle 7 alle 15 per rinnovare i consigli comunali e indicare "Sì" o "No" al referendum

20 settembre - 20:58
L'allerta è scattata intorno alle 18 di questa sera, domenica 20 settembre, quando è stato trovato un pezzo di un cadavere. A lanciare l'allarme un pescatore che ha notato una sagoma affiorare dall'acqua. Avviate le indagini da parte della scientifica e dei carabinieri. In azione anche i vigili del fuoco
20 settembre - 20:29

Sono 13 le persone che ricorrono alle cure del sistema sanitario, nessun paziente si trova in terapia intensiva ma 5 cittadini sono in alta intensità. Sono 5.318 i guariti da inizio emergenza e 568 gli attuali positivi. Nel rapporto odierno, domenica 20 settembre, si specifica che 20 sono sintomatici, compreso 1 minorenne, e 8 casi sono ascrivibili ai focolai scoppiati negli ultimi giorni sul territorio provinciale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato