Contenuto sponsorizzato

La fila indiana più lunga al mondo di persone scalze in montagna. A settembre si cerca il record in Trentino

L'obiettivo è quello di dare un messaggio forte di presenza consapevole in ambiente naturale. Si terrà domenica 16 settembre alle ore 8.30 a Villa Welsperg, sede del Parco naturale di Panaveggio Pale di San Martino

Foto Matteo Gasparin tratta da mountainblog
Pubblicato il - 02 settembre 2018 - 20:34

TONADICO. Fare parte della fila indiana più lunga la mondo. Il tutto a piedi scalzi e in montagna. Questo il record che si vuole realizzare domenica 16 settembre alle ore 8.30 a Villa Welsperg, sede del Parco naturale di Panaveggio Pale di San Martino.

 

L'iniziativa è stata lanciata dal Festival delle aree protette, in programma a metà settembre. “Il record - spiega Vittorio Ducoli, direttore del Parco Paneveggio Pale di S.Martino - è molto speciale perché fatto non di performance ma di presenza. Quel giorno, infatti, attorno al record vero e proprio ci sarà una giornata di festa con attività collaterali di intrattenimento: classi di yoga all'aperto, workshop barefoot, visite guidate alla Casa del Parco e attività per bambini”.

 

Con il record della “fila indiana più lunga al mondo di persone scalze in montagna” l’obiettivo è quello di dare un messaggio forte di presenza consapevole in ambiente naturale. Il record è organizzato dal Parco Paneveggio Pale di San Martino in collaborazione con la Scuola di camminata scalza nella natura. E proprio Andrea Bianchi - il fondatore della prima Scuola in Italia di barefoot hiking (il cammino a piedi nudi in natura) e autore del libro “Con la Terra sotto i piedi” (Mondadori) - accompagnerà i partecipanti nella realizzazione di un record che vuole essere soprattutto messaggio forte per un nuovo e più rispettoso rapporto con la Natura.

 

Come detto, il luogo scelto per questo evento unico è Villa Welsperg, la sede del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, nel cuore delle Dolomiti, in uno scenario di montagna magico a poco più di 1.000 metri di altitudine.

 

Il record è accessibile a tutti. Il luogo dove sarà realizzata la fila indiana sono i morbidi prati di fronte a Villa Welsperg, un terreno adatto anche a chi non conosce ancora il piacere di camminare a piedi nudi sull’erba.

 

Anche la partecipazione è gratuita: per iscriversi è necessario registrarsi online. La registrazione dà diritto alla partecipazione al record, mentre per le attività collaterali in programma (lezioni di yoga e/o barefoot) è possibile prenotarsi al momento della registrazione, con il versamento dell’eventuale quota il giorno stesso dell’evento.

 

Le condizioni di partecipazione prevedono che ogni partecipante dovrà essere a piedi nudi (senza scarpe né calze) e seguirà le indicazioni dello staff organizzatore. Ai partecipanti sarà chiesto di rimanere in fila indiana fino al completamento del percorso e del record, per una durata prevista di circa un’ora. Al ricordo sono ammessi anche bambini molto piccoli, purché sotto il controllo dei genitori: anch'essi dovranno partecipare a piedi nudi al momento della composizione della fila indiana, mentre i passeggini non potranno essere portati nella fila.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 maggio - 06:01

E questa emergenza Covid-19 ha portato in luce pregi e difetti della Dad. Una professoressa: "Stabilizzarsi tramite il concorso? In Trentino sembra che non sia possibile". La sindacalista Cinzia Mazzacca: "A rischio la continuità didattica in molte scuole della nostra provincia, un docente potrebbe trasferirsi in un altro territorio"

27 maggio - 11:18

In questi giorni sono stati contattati telefonicamente dalla Croce Rossa i primi utenti scelti nel campione rappresentativo per l'indagine Istat: “Tra la popolazione si è diffusa la convinzione che ogni privato cittadino possa prenotarsi, ma non è così. Saremo noi a chiamarvi”

26 maggio - 21:28

Una presa di posizione del critico d'arte che annuncia una querela per diffamazione nei confronti dei consiglieri provinciali del Pd. Sgarbi: "Offendono un anno di lavoro, il Caravaggio sarà a Rovereto. Nessuna 'magra figura', nessuna 'improvvisazione', nessuna 'politica degli annunci', nessuno 'smacco', nessuna 'ridicolizzazione', se non da parte di chi penosamente interroga"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato