Contenuto sponsorizzato

La fila indiana più lunga al mondo di persone scalze in montagna. A settembre si cerca il record in Trentino

L'obiettivo è quello di dare un messaggio forte di presenza consapevole in ambiente naturale. Si terrà domenica 16 settembre alle ore 8.30 a Villa Welsperg, sede del Parco naturale di Panaveggio Pale di San Martino

Foto Matteo Gasparin tratta da mountainblog
Pubblicato il - 02 settembre 2018 - 20:34

TONADICO. Fare parte della fila indiana più lunga la mondo. Il tutto a piedi scalzi e in montagna. Questo il record che si vuole realizzare domenica 16 settembre alle ore 8.30 a Villa Welsperg, sede del Parco naturale di Panaveggio Pale di San Martino.

 

L'iniziativa è stata lanciata dal Festival delle aree protette, in programma a metà settembre. “Il record - spiega Vittorio Ducoli, direttore del Parco Paneveggio Pale di S.Martino - è molto speciale perché fatto non di performance ma di presenza. Quel giorno, infatti, attorno al record vero e proprio ci sarà una giornata di festa con attività collaterali di intrattenimento: classi di yoga all'aperto, workshop barefoot, visite guidate alla Casa del Parco e attività per bambini”.

 

Con il record della “fila indiana più lunga al mondo di persone scalze in montagna” l’obiettivo è quello di dare un messaggio forte di presenza consapevole in ambiente naturale. Il record è organizzato dal Parco Paneveggio Pale di San Martino in collaborazione con la Scuola di camminata scalza nella natura. E proprio Andrea Bianchi - il fondatore della prima Scuola in Italia di barefoot hiking (il cammino a piedi nudi in natura) e autore del libro “Con la Terra sotto i piedi” (Mondadori) - accompagnerà i partecipanti nella realizzazione di un record che vuole essere soprattutto messaggio forte per un nuovo e più rispettoso rapporto con la Natura.

 

Come detto, il luogo scelto per questo evento unico è Villa Welsperg, la sede del Parco Naturale Paneveggio Pale di San Martino, nel cuore delle Dolomiti, in uno scenario di montagna magico a poco più di 1.000 metri di altitudine.

 

Il record è accessibile a tutti. Il luogo dove sarà realizzata la fila indiana sono i morbidi prati di fronte a Villa Welsperg, un terreno adatto anche a chi non conosce ancora il piacere di camminare a piedi nudi sull’erba.

 

Anche la partecipazione è gratuita: per iscriversi è necessario registrarsi online. La registrazione dà diritto alla partecipazione al record, mentre per le attività collaterali in programma (lezioni di yoga e/o barefoot) è possibile prenotarsi al momento della registrazione, con il versamento dell’eventuale quota il giorno stesso dell’evento.

 

Le condizioni di partecipazione prevedono che ogni partecipante dovrà essere a piedi nudi (senza scarpe né calze) e seguirà le indicazioni dello staff organizzatore. Ai partecipanti sarà chiesto di rimanere in fila indiana fino al completamento del percorso e del record, per una durata prevista di circa un’ora. Al ricordo sono ammessi anche bambini molto piccoli, purché sotto il controllo dei genitori: anch'essi dovranno partecipare a piedi nudi al momento della composizione della fila indiana, mentre i passeggini non potranno essere portati nella fila.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 23 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 ottobre - 05:01

Sono arrivati nel bel mezzo della pandemia, quando gli ospedali cercavano disperatamente personale, ma i loro contratti durano solo pochi mesi: “Crediamo di aver dato tanto e ci aspettavamo un trattamento diverso, ora ho deciso di guardare altrove”. Così Apss perde i professionisti della prima linea contro il Covid

23 ottobre - 20:04

Da oggi si è deciso che per far finire in isolamento una classe non basta più solo un bambino ma ne servono due (alle superiori resta uno). A livello di contagio i positivi di oggi sono 207. Di questi oltre 110 sono a Trento e Pergine. Dati importanti anche per Rovereto, Levico Terme e Civezzano. Sono 48 i comuni dove si contano nuovi contagiati

23 ottobre - 17:54

Curioso caso nella mattina di venerdì 23 ottobre. Trento sud è stata interessata da un forte odore di gas, con diverse segnalazioni arrivate a Novareti e ai vigili del fuoco. Nell'aria in realtà si era disperso il prodotto odorizzante, utilizzato per dare il caratteristico sentore al metano

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato