Contenuto sponsorizzato

Raccolta di firme contro la rubrica di Gardin: ''Offensivo e vergognoso cercare di far ridere sul femminicidio. Ci sarà ancora spazio per certi contenuti?''

In poche ore oltre 200 persone hanno sottoscritto la lettera di ''Se Non Ora Quando? Trentino'' che si schiera apertamente contro la rubrica di satira pubblicata sull'Adige domenica scorsa dal titolo ''Il sessismo e la generala delle carabiniere'' 

Pubblicato il - 06 novembre 2018 - 18:45

TRENTO. Dopo che il cantante e musicista trentino Anansi (al secolo Stefano Bannò), ha pubblicato nel suo blog de ilDolomiti l'articolo dal titolo "Gardin e la satira del ''cambiamento'', quando il femminicidio viene paragonato all'uccisione dei tacchini'' diamo spazio, adesso, a oltre 200 persone che hanno firmato una lettera che sta ricevendo una pioggia di sottoscrizioni. La pubblichiamo integralmente.  

 

 

Non ci capacitiamo di come il direttore de L'Adige, uno dei principali quotidiani del Trentino, Pierangelo Giovanetti, abbia potuto pubblicare il pezzo - sotto il pretesto della satira - “Il sessismo e la generala delle carabiniere” a firma di Lucio Gardin e uscito il 4 novembre.

Il pezzo è offensivo e vergognoso in quanto cerca di far ridere a proposito del femminicidio, mettendo sullo stesso piano l’uccisione di una donna con quella di un tacchino. La satira è una forma di comunicazione che si pone in modo critico rispetto a chi detiene il potere, mettendone in luce le contraddizioni e promuovendo un cambiamento e, come ha descritto bene la prof.ssa Barbara Poggio, prorettrice alle politiche di equità e diversità dell’Università degli Studi di Trento, “più che sviluppare una riflessione ironica o una parodia critica sulle contraddizioni della politica, sembra che l’autore si presti a fare eco ad alcuni dei principali refrain sessisti che accomunano la retorica dei “nuovi” uomini di potere - da Trump a Bolsonaro, fino ai nostrani Pillon e Fontana – e la loro nostalgia di un passato in cui le donne stavano al loro posto”.

Il giornale, a nostro avviso, ha dato spazio ad una pericolosa banalizzazione di tragedie attuali, questioni meritevoli del massimo rispetto e attenzione. Come ci descrivono i dati delle ricerche sulla violenza di genere dell'ISTAT e quelli del Ministero dell'Interno, viviamo in un Paese in cui una donna ogni due giorni muore per mano di un partner o ex partner. Pensiamo all’uccisione, da parte del fidanzato, di Alba Baroni di Tenno nel 2017: un caso di cronaca che, sulla definizione di femminicidio, ha diviso un intero paese e portato il sindaco alle dimissioni.

Siamo profondamente indignate e indignati dal disprezzo per la vita umana che questo pezzo promuove, proponendo una malevola distorsione dei fatti finalizzata a demolire l'attenzione e la consapevolezza che faticosamente società civile e istituzioni hanno costruito in questi anni. Non è accettabile che si scherzi sulla pelle delle donne e non è accettabile che si scherzi sulla pelle di nessuno. Riteniamo si tratti di un giornalismo offensivo nei confronti di tutti i lettori e di tutte le lettrici e che squalifica il giornalismo stesso.

A fronte di numerose prese di posizione, il direttore si è scusato. Ma le scuse non bastano: cos'ha intenzione di fare il giornale per opporsi a questa deriva di violenza - fisica e linguistica? Darà ancora spazio a contenuti simili? Cercherà coscienziosamente di applicare le linee guida impostate dall'Ordine dei Giornalisti attraverso le proprie carte di deontologia?

Queste le oltre 200 sottoscrizioni arrivate in un poche ore e molte si stanno aggiungendo:

 

Francesca Aste
Micol Cossali
Sara Filippi
Fernanda Alfieri
Marco Dalpane
Rachele Lorandi
Chiara Sighele
Silvia Tumulo
Claudia Gelmi
Francesca Vanoni
Michela Marchi
Susanna Mandice
Emilia Campagna

Giuliana Polato
Alberto Berti
Mirko Corradini
Barbara Boninsegna
Virginia Sommadossi
Maria Chemello
Stefania Santoni
Francesca Venezia
Ioana Bucurean
Laura Rizzo
Lorenzo Facchinelli
Benedetta Zallocco
Damiano Galas
Martina Camatta
Elisa Molinari
Federica Chiusole
Ornela Marcon
Sonia Migliorati
Annalisa Morsella
Loredana Mascaro
Maria Vittoria Barrella
Gabriella Farina
Marika Mottes
Cinzia Mazzacca
Giulia Bonora
Marilena Tempesta
Chiara Eberle
Masha Mottes
Erica Farina
Daniela Mancabelli
Michele Boso
Dino Mazzei
Massimo Monti
Francesca Salvetti
Lorenzo Bonora
Beatrice Barzaghi
Sara Gazzini
Klaus Manfrini
Katia Bonadiman
Cinzia Mazzacca
Alessandra Decarli
Luisa Torboli
Fausto Postinghel
Rita Farinelli
Luisa Zanotelli
Loreta Macone
Giovanna Rizzoli
Franca Gamberoni
Maddalena Spagnolli
Valeria Occelli
Alessio Dalla Costa
Paolo Zanella

Francesca Bazzanella
Roshanti Nicolò
Lorenzo Ghelardi
Simone Panza
Marco Paniz
Antonella Zambelli
Micaela Bertoldi
Claudia Poscia
Minella Chillà
Cecilia Nubola
Isabella Masè
Paola Dorigotti
Elena Grazioli
Chiara Serbini
Massimiliano Pilati
Walter Largher
Franca Rossi
Sandra Dorigotti
Michele Chiusole
Davide Ondertoller
Daniela Amosso
Simone Cavagna
Lorenza Colò
Nicola Ambrosi
Maura Pettorruso
Vittorio Bonino
Chiara Delpero
Francesca Rizzoli
Ivan Ferigo
Alberto Frapporti
Giulio Federico Janni
Manuela Fischietti
Antonia Romano
Sandra Dorigotti
Brunella Clementel
Veronica De Sanctis
Enzo Marcon
Gianna Michelatti
Chiodo Tommasina
Fabio Pipinato
Lucia Coppola
Isabella Landarino
Margherita Cogo
Giulia Robol
Marcella Robol
Davide Venturini
Tabita Tavernini
Paolo De Uffici
Giulia Guella
Margherita Taras
Patrizia Pace
Lorenzo De Preto

Sara D’Alessandro
Agnese Martini
Laura Mameli
Chiara Cont 
Paola Giudici
Rossella Proner
Annamaria Saloni
Mariapia Coppola
Francesca Aprone
Gelsomina Bassetti
Paola Mengarda
Nadia Delugan
Valentina Capitello
Anna Ceola
Giuliana Raoss
Enrica Volpi
Chiara Serbini
Claudia Merighi
Emma Di Girolamo
Riccardo Lucatti
Valeria Marchi
Alessia Berti
Annarita De Santis
Dalila D'Amico
Eleonora Stenico
Elisa Rapetti
Stefania Franchini
Valentina Sega
Lorenzo Conti
Francesca La Spada
Nadia Beber
Michelina Chiodo
Antonia Banal
Giulia Bortolotti
Cristina Sartori
Carlo Vischi
Erica Luraschi
Vittorio Cavallaro
Francesco Zambotti
Alessandro Giovannini
Carlo Fait
Francesca Galeaz
Andrea Carlo Bortolotti
Luciano Martinello
Marco Boato
Elisa Perottoni
Roberta Segata
Pierangelo Giacomuzzi
Irene Dorigotti
Evelyn Bortolotti
Maria Elena Gianmoena
Stefania Cavagnoli

Luisa Masera
Giancarlo Sciascia
Beatrice Carmellini
Patrizia Marchesoni
Giovanna Lucia Ieronimo
Daniela Giulia
Sonia Koshig
Giorgia Graziadei
Eleonora Odorizzi
Jasmina Kaluderovic
Sofia Facchinelli
Daniela Giulia Maida Rossi
Roberto Forrer
Luisa Dansi
Stefano Detassis
Ayla Vigliotti
Chiara Bersani
Fabio Tagliaferri
Marta Cuscunà
Marilisa Povoleri
Mara Rossi
Stefania Bresciani
Carmine Ragozzino
Elena Francesconi
Renzo De Stefani
Alessandra Giordani
Valeria Parolari
Roberta Arcaini
Roberta Rizzi
Cristina Gasperini
Laura Froner
Layla Betti
Francesca Rocchetti
Matteo Ischia
Marta Baldessarini
Giusi Campisi
Marzia Dandrea
Luigi Segnana
Associazione Inventum:
Isabella Chirico
Maria Paola Cordella
Floriana Grieco
Se Non Ora Quando? Trentino
Casa delle Donne di Rovereto

6 novembre 2018

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

23 settembre - 10:49

E' successo questa mattina attorno alle 9. Sul posto gli agenti della polizia delle Giudicarie, la Croce Rossa e i vigili del fuoco

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato