Contenuto sponsorizzato

Trentini nel mondo, Alberto Tafner vicino alla riconferma tra cinque volti nuovi e le sfide del futuro: "Nuovi emigranti e la riforma del Terzo settore"

Il presidente uscente, prossimo alla riconferma come numero uno dell'associazione, si toglie qualche sassolino dopo la chiusura dell'ultimo procedimento a carico della Trentini nel mondo e le elezioni del Cda. Al primo mandato ci sono Massimo Fia, Helga La Nave, Pio Rizzoli, Paolo Svaldi e Renzo Tommasi

Di Luca Andreazza - 15 aprile 2018 - 18:25

TRENTO. "Gli obiettivi? Continuità nella linea dei rapporti con i circoli, che rappresentano il cuore dell'associazione, ma anche un'attenzione maggiore ai nuovi emigranti, cioè giovani e imprenditori che si spostano all'estero per studio e lavoro", queste le parole di Alberto Tafner, presidente uscente e verso la riconferma alle redini della Trentini nel mondo, dopo la tornata elettorale per rinnovare il Consiglio di amministrazione di sabato 14 aprile.

 

"Le problematiche e le complessità - aggiunge il presidente - tra gli emigrati di vecchia e nuova generazione sono comuni, anche se nell'ultimo caso non è ancora stata compresa e interpretata in pienamente".

 

Un'associazione in salute, che nel giro di dodici mesi, registra la chiusura dell'ultimo procedimento a proprio carico dopo sei anni di 'gogna' (Qui articolo), una base sociale in crescita del 20% e un'alta affluenza alle urne per l'elezione delle cariche.

 

Insomma, una vittoria su tutta la linea per l'associazione. "Il capitolo dell'inchiesta è chiuso e qualcuno non ha avuto la visibilità che avrebbe voluto. La Trentini nel mondo - dice il presidente - che è uscita assolutamente limpida e trasparente, può riprendere il proprio percorso in modo serio, come abbiamo sempre fatto, e senza altre distrazioni che distolgono tempo e risorse". 

 

Un'elezione che rappresenta una nuova pagina per la Trentini nel mondo che rilancia così il proprio impegno. "Questa volta - spiega il presidente - l'affluenza è stata maggiore rispetto alle volte precedenti e quindi non si è votato per alzata di mano. Un'associazione che mostra la propria vitalità e che ribadisce i valori di solidarietà e collaborazione: spirito che ci ha accompagnato per 60 anni e che non dobbiamo dimenticare o dissipare".

 

E' proprio Alberto Tafner è vicino alla riconferma in qualità di numero uno dell'associazione: il presidente uscente ha messo insieme il 70% delle preferenze dei 72 soci, mentre sono cinque i neo eletti e altre nove le riconferme. Ora è necessario attendere il primo consiglio per la distribuzione degli incarichi.

 

Al primo mandato ci sono Massimo FiaHelga La Nave, Pio Rizzoli, Paolo Svaldi e Renzo Tommasi, quindi Graziano Bacca, Claudio Barbacovi, Cesare Ciola, Mauro Dallapé, Aldo Degaudenz, Armando Maistri, Vittorino Rodaro, Paolo Rossi e Giovanni Sbetti chiudono il cerchio del prossimo triennio. 

 

Tra le novità l'ingresso di una donna nella 'stanza dei bottoni' della Trentini nel Mondo: "La partecipazione è stata positiva e ci auguriamo che altre quote rosa - commenta Tafner - possano entrare a far parte del direttivo in futuro. Ci attendono importanti sfide per il futuro".

 

Quali? "Le criticità - prosegue il presidente - non mancano, come la nuova legge che disciplina il Terzo settore e che trasforma il comparto del volontariato (Qui articolo), così come la necessità di rinsaldare i rapporti con gli enti pubblici quali Università e Provincia, ma anche tutte quelle realtà interessate a creare una rete di trentini e trentinità".

 

Un nodo è quello della politica locale. "Inconsistente e mediocre - commenta il numero uno - ma non solo per quanto riguarda le forze politiche al governo, quanto anche quelle all'opposizione. C'è un clima incerto e teso, che non incentivano ripresa e stabilità".

 

 

 

Video del giorno
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 22 settembre 2018
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 06:01

Ha 22 anni ed è tra i più giovani candidati che si presenteranno per le elezioni del prossimo 21 ottobre. E' consigliere circoscrizionale a Villazzano. "Il rinnovamento in agraria è la lavorazione di profondità che libera terra nuova. Come per l'agricoltura, anche la politica ha bisogno di liberare 'terra nuova', ha bisogno di liberare nuove forze, nuove generazioni che sono al momento espulse da questo mondo"

22 settembre - 17:34

L'errore nella grafica del materiale informativo. Zanella (Paolo) diffida i grillini. "E sui flyer manca anche l'indicazione del 'committente responsabile'. Quelli che parlano tanto di legalità sono i primi a non rispettare le regole"

22 settembre - 18:05

La commissione centrale ha estratto sia i nomi dei candidati che i contrassegni apparentati 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato