Contenuto sponsorizzato

Una squadra di richiedenti asilo partecipa al campionato di basket. Il Cus:''Primo caso in Italia, siamo orgogliosi''

Dopo due mesi di intenso allenamento, nel mese di dicembre la squadra ha iniziato a disputare le prime partite. "Siamo soddisfatti della buona riuscita di questa esperienza di integrazione e socializzazione"

Di Donatello Baldo - 22 gennaio 2018 - 20:31

TRENTO. Il progetto “Basketball: world in a word” è partito già due anni fa, ideato e realizzato da Aquila Basket con l’obiettivo di favorire l’inclusione sociale dei richiedenti asilo e di promuovere il loro accesso all’attività sportiva.

 

La positiva esperienza ha indotto i promotori a compiere un passo in più: replicare l’iniziativa dando la possibilità ai richiedenti asilo di partecipare a un vero e proprio campionato dilettantistico, e qui è entrato in gioco il Cus.

 

Il Centro universitario sportivo ha infatti deciso di iscrivere una squadra composta da dodici richiedenti asilo (e quattro volontari) al campionato di Promozione Silver organizzato e gestito dalla sezione Trentino Alto Adige della Federazione Italiana Pallacanestro.

 

Nel biennio precedente gli ospiti della residenza Fersina si sono avvicinati al mondo della palla a spicchi, per molti di loro un mondo del tutto sconosciuto, e l'iniziativa è stata seguita e monitorata dal settore “Equità e diversità” dell'Università di Trento.

 

Ora però si farà sul serio, partecipando a un vero e proprio campionato. "La partecipazione a un torneo ufficiale offre ai ragazzi la possibilità di confrontarsi con squadre e giocatori di tutta la regione, rafforzando la loro fiducia e il loro senso di appartenenza al gruppo e al territorio in cui vivono", spiega l'associazione sportiva.

 

Dopo due mesi di intenso allenamento, nel mese di dicembre la squadra ha iniziato a disputare le prime partite. "Fino ad ora non possiamo che dirci soddisfatti della buona riuscita di questa esperienza: stiamo osservando un forte coinvolgimento da parte dei giocatori".

 

Il progetto rappresenta anche uno stimolo per gli avversari che, incuriositi dalla particolarità di una squadra composta da richiedenti asilo, si avvicinano nel campo di gioco a dei ragazzi con stessi sogni e passioni, abbattendo quelle barriere e quei pregiudizi che impediscono l’instaurazione di più ampie relazioni basate sul reciproco rispetto.

 

"Nell'attività sportiva - spiegano gli organizzatori - i ragazzi trovano una via di uscita alle grandi difficoltà che ogni richiedente asilo vive nella sua quotidianità e stanno avendo soddisfazione per i loro risultati in campo, grazie all'impegno negli allenamenti".

 

Questa è dunque una squadra vera, che si allena, disputa un campionato, gioca in casa e in trasferta. Ma nel contempo è una squadra speciale perché formata da richiedenti asilo, e in Italia si tratta del primo caso assoluto di una squadra di basket formata da richiedenti asilo, "un primato di cui essere orgogliosi", commenta il Cus.

 

Intorno al progetto si è creata una rete di collaborazioni che vede impegnati, spesso in modo del tutto volontario, singole persone, enti, associazioni (Kaleidoscopio, Caritas Diocesana e Fondazione Comunità Solidale, Federbasket regionale). 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 settembre 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 12:15

La Uil invita quindi il vescovo Lauro Tisi a valutare la possibile di cedere quel patrimonio che la curia non intende più utilizzare. Alotti: "Sarebbe un'ottima scelta dal punto di vista ambientale e sociale. Una soluzione per interrompere il consumo di suolo, incentivare i lavori di edilizia pubblica, le ristrutturazioni, e aumentare in modo rilevante l’offerta di alloggi"

23 settembre - 11:53

Ovunque si organizzano comitati intimoriti dall'arrivo della nuova tecnologia (anche a Dro dove sono state raccolte oltre 400 firme) e dal fatto che verranno installate nuove antenne per supportarla convinti che ciò aumenterà l'inquinamento elettromagnetico. In realtà è proprio il contrario. Ce lo spiegava l'ex direttore del nodo italiano degli Eit, Roberto Saracco, e ora lo spiega anche la principale associazione a tutela dei consumatori

23 settembre - 06:01

A Castello Tesino, venerdì sera, i tre sindaci della zona hanno organizzato una conferenza (molto partecipata a dimostrazione del fatto che la gente vuole essere informata) sul lupo ma non hanno avuto il supporto di nessun tecnico o assessore provinciale e, inconsapevolmente, hanno riportato anche alcune cose assurde (come che nella zona gli esemplari sarebbero ibridi, falsità totale) e alla fine la figura migliore l'ha fatta l'ex assessore Dallapiccola, presente in sala, che almeno ha portato la sua esperienza

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato