Contenuto sponsorizzato

Bolzano la città più sana d'Italia, Trento è decima, Belluno distante

Il risultato dell'indagine de Il Sole 24 Ore per elaborare l'indice della Salute, una classifica che poi andrà a comporre insieme alle altre statistiche la trentesima edizione del report Qualità della vita. Milano, Cagliari e Firenze le uniche grandi città nella top ten

Di Luca Andreazza - 20 maggio 2019 - 15:32

TRENTO. E' Bolzano l'area più sana d'Italia, Trento insegue e chiude in decima posizione, mentre Belluno si trova in settantunesima posizione. Questo in sintesi il risultato dell'indagine de Il Sole 24 Ore per elaborare l'indice della Salute, una classifica che poi andrà a comporre insieme alle altre statistiche la trentesima edizione del report Qualità della vita.

 

Dopo Bolzano, sono poi Pescara e Nuoro a chiudere il podio, quindi Sassari, Firenze, Cagliari, Brescia, Milano, Padova e Trento completano la top 10. Gli ultimi tre posti sono appannaggio di Rieti, Alessandria e Rovigo.

 

In linea generale i dati più positivi vengono registrati in Trentino Alto Adige, Sardegna e Lombardia, mentre Lazio, Basilicata e Campania si collocano in fondo alla classifica, mentre Milano, Cagliari e Firenze sono le uniche grandi città nella top ten tra le 107 province analizzate.

Il capoluogo trentino arranca dietro quello altoatesino nel 50% dei casi, Trento riesce a stare davanti a Bolzano in sei occasioni e brilla in particolare per "Tasso di mortalità" in seconda piazza e "Farmaci per diabete" al quinto posto. Piazza Walther mediamente strappa posizioni migliori e sale due volte sul podio negli indici parziali: primo e secondo posto rispettivamente in "Farmaci per diabete" e "Farmaci per ipertensione". La performance di Belluno è più bassa, la provincia veneta è sempre distante dalle posizioni di vertice nei diversi settori: il piazzamento migliore è un ottavo posto per "Farmaci per diabete". 

 

Un report molto complesso, che prende in esame diverse voci tra "Tasso di mortalità" e "Mortalità per tumore", "Mortalità per infarto da miocardio acuto", "Aumento della speranza di vita", "Farmaci per asma e bpco", "Farmaci per diabete" e "Farmaci per ipertensione". E ancora "Medici di base", "Pediatri", "Geriatri", "Recettività ospedaliera" e "Emigrazione ospedaliera".

 

L'incrocio di questi 12 indicatori compone quello della salute che rapporta l'incidenza delle malattie sul territorio, la possibilità di curarle attraverso i farmaci, l'accesso alle cure e la disponibilità di personale specializzato, dai pediatrici ai geriatri, ma anche la necessità di spostarsi altrove. 

 

I parametri presi in considerazione fotografano alcune performance registrate tra il 2012 e il 2016 e permette di evidenziare i tre aspetti principali legati alla salute: demografia, fenomeni socio-sanitari e livelli di accesso ai servizi sanitari. La tendenza è quella dell'aumento dell'invecchiamento della popolazione a fronte del calo di natalità (Qui su Il Sole 24 Ore i dati completi). 

 

Questo andamento, come noto, comporta il conseguente aumento di patologie legate all'anzianità e la necessità di prevedere sul territorio una serie di servizi per fronteggiare i nuovi bisogni della popolazione. Il Trentino non va in controtendenza rispetto al resto d'Italia. Anzi, nel 2018 si è toccato il nuovo record negativo del ventunesimo secolo: un anno con 4.012 nuovi nati. 

 

Dal 2008 il numero totale dei neonati in provincia è in continuo calo. Nel 2018 sono nati 1.157 bambini in meno rispetto al 2008, anno in cui ne erano stati messi al mondo 5.169. L'anno seguente si erano registrate 5.042 nascite, 5.102 nel 2010, 4.985 nel 2011, 4.894 nel 2012, 4.687 nel 2013, 4.580 nel 2014, 4.533 nel 2015 e 4.289 nel 2016. Nel 2017 erano arrivati 4.156 bimbi. L'anno scorso, rispetto al 2000, c'è stato un calo di 1.043 unità.

 

Aumenta senza sosta l'età media. Alla fine del 2018 era di 44,6 anni per un dato in costante crescita nel decennio (nel 2009 era di 42,8 anni e nel 2017 di 44,4). La percentuale di residenti over 65 è del 22,9% (27.060 persone). Le persone over 80 anni sono circa il 7,2% della popolazione cittadina (8.547 persone). 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 settembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 settembre - 19:24

Sono 6.405 casi e 470 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. Nelle ultime 24 ore sono stati analizzati 2.227 tamponi, 22 i test risultati positivi per un rapporto che si attesta a 0,99%

23 settembre - 19:31

Mosaner e Betta non vincono al primo turno e sono costretti a un insidioso ballottaggio. Malfer e Parisi hanno la possibilità di influenzare pesantemente il voto del 4 ottobre, mentre la Lega si giocherà il tutto per tutto puntando forte su Santi e Bernardi. Nell’Alto Garda domina l’incertezza

22 settembre - 17:37

La campagna elettorale si fa (anche) a suon di carta (volantini, biglietti da visita, brochure) che, spesso, copre le nostre città. Una lista civica di Brentonico ha, quindi, cercato di trovare una soluzione ecologica e sostenibile: "Abbiamo utilizzato una carta biodegradabile con all'interno dei semi. Il bigliettino da visita può così essere 'piantato' per far germogliare dei fiori amici degli insetti impollinatori"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato