Contenuto sponsorizzato

I bambini imparano a usare la mobilità sostenibile negli spostamenti tra casa e scuola in un gioco collettivo e l'uso dell'auto cala del 53%, il progetto Kids Go Green

La piattaforma Kids Go Green permette agli insegnanti di progettare percorsi didattici interdisciplinari alla scoperta di città, paesi e ambienti. I chilometri percorsi giornalmente con mezzi sostenibili dai bambini nel tragitto casa-scuola permettono al gruppo di avanzare nel percorso virtuale, sbloccando le diverse tappe e invogliando gli studenti ad assumere comportamenti sempre più sostenibili

Pubblicato il - 05 dicembre 2019 - 21:43

TRENTO. La mobilità attiva e sostenibile dei bambini è fondamentale per lo sviluppo fisico, sociale, cognitivo e emozionale del bambino e contribuisce a definire il rapporto del bambino con la città. Ecco Kids Go Green, strumento didattico innovativo indirizzato alle scuole primarie e realizzato da Fondazione Bruno Kessler che coinvolge l’intera comunità scolastica (insegnanti, bambini e famiglie) in un gioco collettivo alla scoperta del mondo e all’insegna di una mobilità casa-scuola più sostenibile. 

 

La piattaforma Kids Go Green permette agli insegnanti di progettare percorsi didattici interdisciplinari alla scoperta di città, paesi e ambienti. I chilometri percorsi giornalmente con mezzi sostenibili dai bambini nel tragitto casa-scuola permettono al gruppo di avanzare nel percorso virtuale, sbloccando le diverse tappe e invogliando gli studenti ad assumere comportamenti sempre più sostenibili. Ad ogni tappa, gli insegnanti associano materiali didattici multimediali che permettono di conoscere quel luogo da un punto di vista storico, geografico e culturale.

 

L’iniziativa è stata sperimentata per la prima volta nell’anno scolastico 2016/2017 nella scuola S. Vigilio di Vela, grazie alla collaborazione con il Comune di Trento, nell’ambito del progetto Bambini A Piedi Sicuri. Il successo di questa prima sperimentazione e l’entusiasmo di bambini e docenti ha fatto in modo che, negli anni, siano state sempre di più le scuole interessate ad adottare Kids Go Green. Durante l’anno scolastico 2018/2019 sono stati attivati 24 percorsi didattici a Trento e a Ferrara, che hanno coinvolto un totale di oltre 1.100 bambini (e relative famiglie), grazie all’impegno di più di 100 insegnanti delle 16 scuole coinvolte.

 

Queste sperimentazioni hanno mostrato un impatto sulla mobilità casa-scuola che ha superato ogni aspettativa: nelle scuole che hanno sperimentato Kids Go Green si è osservata una riduzione del 53% degli spostamenti in auto fino a scuola. Il progetto ha inoltre dimostrato un alto valore educativo e didattico, soprattutto grazie ai percorsi virtuali personalizzabili e all’utilizzo di tecnologie che supportano una partecipazione e un coinvolgimento attivo degli alunni nell’apprendimento.

 

Infatti, le insegnanti e dirigenti scolastici testimoniano come Kids Go Green sia stato per loro “un modo completamente nuovo di fare didattica”, che ha abilitato percorsi interdisciplinari e inclusivi, collaborazioni intra- e inter-classe, e una partecipazione entusiastica di docenti e alunni. Anche le famiglie hanno riscontrato un impatto significativo di Kids Go Green sia in termini di consapevolezza del bambino verso tematiche di sostenibilità ambientale, che in termini di autonomia, sia negli spostamenti casa-scuola che nel tempo libero.

 

Inoltre, sono diversi i riconoscimenti ricevuti da questo progetto, tra cui si segnalano: il Premio Mobilità 2019, assegnato dall’Agenzia per l’Energia e lo Sviluppo Sostenibile; nel 2018 è stato premiato, nel contesto del “Premio PA sostenibile - 100 progetti per raggiungere gli obiettivi dell’Agenda 2030”; nel gennaio 2018 ha vinto la Climate KIC Urban Challenge di Ferrara di EIT Climate-KIC; è una delle sette buone pratiche che ha rappresentato l’Italia in occasione del “G7 Trasporti” svoltosi a Cagliari il 20-21 luglio 2017.

 

A fronte di questi risultati e del crescente apprezzamento riscontrato che Fondazione Bruno Kessler ha ritenuto di farsi parte attiva nel tentativo di dare la massima diffusione a questa nuova opportunità educativa, partendo proprio dal nostro territorio. “Kids Go Green – riporta Paolo Traverso, direttore del Centro Ict di Fondazione Bruno Kessler - con i risultati dimostrati in termini di sostenibilità ambientale, di educazione e sviluppo delle giovani generazioni, sposa in pieno la missione di Fondazione Bruno Kessler: integrare ricerca scientifica di eccellenza e tecnologie informatiche avanzate e metterle al servizio della comunità per un reale impatto sul territorio".

 

Il progetto Kids Go Green Trentino - Scopriamo il mondo a piccoli passi, presentato oggi, si pone l’obiettivo di rendere disponibile Kids Go Green ad almeno il 50% delle scuole primarie del Trentino nel corso dei prossimi tre anni. 

 

Per la realizzazione del progetto provinciale è risultato fondamentale il sostegno di Itas Mutua e di Cassa Centrale Banca, che hanno deciso di sostenere questa iniziativa, riconoscendone il valore in termini di attenzione al sociale, educazione delle nuove generazioni e salvaguardia dell’ambiente, oltre che di innovazione tecnologica e di coinvolgimento di tanti attori della Comunità.  

 

"Abbiamo aderito fin da subito nel sostenere il progetto Kids Go Green. La vicinanza all’educazione responsabile delle nuove generazioni - commenta il presidente di Itas Mutua, Fabrizio Lorenz - è per noi un elemento imprescindibile del nostro agire mutualistico. La consapevolezza sulla sostenibilità ambientale, unita a un miglioramento culturale e sociale delle comunità, costituiscono pilastri fondamentali anche per ITAS che, ogni giorno, si impegna per promuoverli sui territori nei quali opera. Ci auguriamo che il progetto possa svilupparsi ulteriormente anche fuori regione, esportando così un modello dai forti valori sociali, di cui siamo fieri partecipi".

 

“Tutti principi già presenti nel Dna del credito cooperativo da sempre – riporta il presidente di Cassa Centrale Banca, Giorgio Fracalossi – frutto di esperienze maturate nelle cooperative di credito, che fin dalla loro costituzione si sono contraddistinte per essere un esempio di democrazia economica sostenibile. In coerenza con questi principi, con la salvaguardia dell’ambiente, con la logica di favorire un’economia circolare, Cassa Centrale indirizza i propri sforzi alla crescita del benessere della Comunità anche attraverso il sostegno di progetti e iniziative che alla comunità guardano con gli stessi occhi. Il lavoro di FBK nello studio e nello sviluppo di Kids Go Green ne è un esempio".

 

Al fianco di FBK, per il supporto negli aspetti di gestione operativa e di innovazione educativa, c’è la Cooperativa Kaleidoscopio, importante cooperativa di servizi per la scuola operante in Trentino. Le scuole e le amministrazioni della nostra Provincia che hanno aderito per l’anno scolastico in corso (2019/2020) sono già numerose. Eventuali scuole o amministrazioni locali interessate a partecipare al progetto sono invitate a manifestare il proprio interesse attraverso il sito del progetto (Qui info).

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 gennaio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 gennaio - 18:58

Gli studenti della classe terze dell'Arcivescovile  hanno scritto una lettera alla senatrice a vita per chiederle dei consigli su come affrontare i messaggi, d'odio sempre più frequenti nel mondo d'oggi. Dopo due settimane è arrivata la risposta di Liliana Segre 

27 gennaio - 19:30

Mentre anche a livello parlamentare la discussione è aperta e il primo grande banco di prova potrebbero essere le elezioni regionali in Puglia, i tre movimenti cominciano a ragionare su un blocco in sostegno a Franco Ianeselli. Intanto Dario Maestranzi è pronto a lasciare il Patt per seguire questo progetto

27 gennaio - 18:55

Dopo la grande manifestazione che ha portato 10mila persone in Lessinia in molti riferiscono di un presidente della regione, Luca Zaia, “infuriato” perché tenuto all'oscuro della proposta di legge. Il consigliere Dem Zanoni: “I veneti amano l’ambiente che è un patrimonio di tutti e non sono più disposti a vederlo sacrificato”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato