Contenuto sponsorizzato

Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago festeggia 40 anni e lancia nuove sfide: ''Oltre un milione e mezzo di forme. Vogliamo distinguerci ancora di più e puntare su Messico, Cina e Giappone''

Un'occasione per questa realtà di rafforzare l'orgoglio di appartenenza dei soci e allevatori per un'eccellenza di qualità. Il Consorzio, sui profili Facebook e Instagram, invita tutti a contribuire ad un'ideale fotografia corale, fatta di ricordi, esperienze, momenti unici che legano le storie personali a quelle dell'Asiago Dop

Pubblicato il - 28 novembre 2019 - 18:03

VICENZA. In 40 anni la produzione di Asiago Dop è quasi raddoppiata: oggi si attesta a 1.582.108 forme. Un risultato frutto del lavoro portato avanti dal Consorzio Tutela Formaggio Asiago per diffondere e salvaguardare un prodotto italiano riconosciuto e apprezzato in tutto il mondo. Questa specialità di latte vaccino è diffuso in oltre cinquanta Paesi e solo l'export genera un fatturato di oltre 10 milioni di euro

 

Un prodotto sempre più forte e ricercato anche sui mercati in grande sviluppo come il Giappone, la Cina e il Messico. Fondato nel 1979 il Consorzio Tutela Formaggio Asiago festeggia così 40 anni di attività e quattro decadi in costante crescita di successi e reputazione. Questa realtà si è mossa, poi, in anticipo nell'ambito della tutela internazionale attraverso la registrazione del marchio, ma anche attraverso l'opposizione a ogni tentativo di usurpazione del valore e significato della Dop.

 

Le aziende associate al Consorzio sono oggi 45, 39 delle quali di produzione e 6 di stagionatura. Queste lavorano quasi 194 mila tonnellate di latte all'anno per produrre 21 mila tonnellate di Asiago Dop la cui origine è considerare tra le più antiche al mondo.

 

"Riteniamo che la lavorazione del formaggio, nelle zone dell'attuale Altopiano di Asiago e dei 7 Comuni, sia da datare intorno a cinquemila anni prima di Cristo - afferma Armando De Guio, professore di 'Archeologia del territorio' del dipartimento dei Beni Culturali dell'Università di Padova -. Un'evidenza che mostrerebbe l'importanza millenaria di questi territori per l'arte casearia. Intorno al 1200 a.C. abbiamo già testimonianze di questa lavorazione per la presenza di alcuni colini con fori che servivano per la separazione del siero dal formaggio".

 

Il Consorzio di Tutela, in questi 40 anni d'attività, ha puntato anche sull'innovazione, nel pieno rispetto della tradizione, con scelte che hanno spesso anticipato lo sviluppo del mercato come, per esempio, l'analisi sensoriale, a ulteriore garanzia di qualità del prodotto.

 

 

Nel 2006, il formaggio Asiago è stata la prima Dop europea a introdurre la tipologia “Prodotto della Montagna”, istituita per tutelare il delicato territorio montano, nonché mantenere intatta la tradizione nella culla millenaria del formaggio Asiago Dop. Un impegno che ha puntato, contemporaneamente, a una maggiore differenziazione con eccellenze assolute come l'Asiago Dop Stravecchio presidio Slow Food.

 

Raggiunto il traguardo dei quarant'anni, il Consorzio di Tutela ha scelto di condividere con soci e consumatori la sua storia di successo, raccontata anche attraverso un video che ripercorre le tappe fondamentali della crescita di questa realtà. Un'occasione per rafforzare l'orgoglio di appartenenza dei soci e allevatori e comunicare a tutti gli interlocutori istituzionali l'eccellenza della specialità.

 

Non solo, il Consorzio, sui profili Facebook e Instagram, invita tutti gli appassionati a contribuire ad un'ideale fotografia corale, fatta di ricordi, esperienze, momenti unici che legano le storie personali a quelle dell'Asiago Dop.

 

"Siamo orgogliosi del percorso realizzato dell'Asiago Dop, diventato determinante volano per l'economia del territorio e ambasciatore dell'alta qualità casearia italiana nel mondo - afferma il presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago, Fiorenzo Rigoni -. Ora puntiamo a rafforzare la distintività della produzione, ma anche a proseguire nella presenza internazionale, passo importante per le sfide di domani.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 gennaio - 11:47

Nell'ultimo bollettino dell'Azienda sanitaria altoatesina, emergono 566 nuovi positivi e 7 decessi. Il bilancio delle vittime in questa seconda fase si attesta così a 537 morti. Crescono i dati dei ricoveri in area medica, dell'indice contagi/tamponi e degli isolamenti domiciliari

21 gennaio - 10:21

Il gelicidio sarebbe all'origine dell'incidente avvenuto attorno alle 6.35 all'imbocco della galleria dei Crozi, lungo la statale 47 della Valsugana. Sono 11 i mezzi coinvolti, tra cui un camion e un furgone, toccatisi dopo essere scivolati sul manto ghiacciato. 3 le persone ferite portate all'ospedale per accertamenti

21 gennaio - 10:48

La sera della sparizione, Benno Neumair si è recato ad Ora da un'amica dove ha trascorso la notte. Le videocamere hanno visto la sua macchina alle 21 a Bolzano e alle 22 nei pressi della galleria che porta a Laives. Per i carabinieri un tempo troppo lungo per percorrere una manciata di chilometri, il che lascia pensare ad una deviazione di strada

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato