Contenuto sponsorizzato

La stagione invernale entra nel vivo, Pampeago: ''Tanto entusiasmo e aspettative confermate''

La stagione invernale è pronta a vivere il mese di febbraio e sono ancora tante le opportunità per scoprire le molte novità e le apprezzate conferme del comprensorio sciistico

Di Luca Andreazza - 23 gennaio 2019 - 18:50

PAMPEAGO. Sono ancora tante le possibilità di divertimento a portata di famiglia nello ski center Latemar-Obereggen, Pampeago, Predazzo, l’area sciistica più grande del comprensorio val di Fiemme che offre oltre 110 chilometri di piste innevate tra le Dolomiti. Una località in grado di coniugare eventi e benessere, ma anche tecnologia, arte e design, tutto sugli sci.

 

La stagione invernale è pronta a vivere il mese di febbraio e sono ancora tante le opportunità per scoprire le molte novità e le apprezzate conferme del comprensorio sciistico. "La nostra stazione è sempre attenta a investire e innovare - spiega Luca Bertoluzza, responsabile comunicazione dello ski center Latemar - quest'anno mettiamo a disposizione la nuova pista slitte e il tapis roulant Zischgalm-seggiovia Latemar".

 

A monte della seggiovia “Latemar”, vicino al Kindergarten "Bip Club", si trova questa nuova pista per slitte, molto semplice e adatta a tutti. Lunga 400 metri e servita dalla seggiovia del “Campo Scuola”, la pista completa l'offerta per il divertimento dei più piccoli e dei non sciatori.

 

Anche il rifugio Zischgalm si completamente rinnovato: un design arioso, oltre alla terrazza panoramica e all’ampia sala self-service, una stube rustica per proporre piatti altoatesini e una pizza degna della migliore tradizione italiana, quindi la nuova pista di rientro ai parcheggi di Pampeago parte dal famoso Canalone Agnello, una ski-weg lunga 350 metri, servita da innevamento programmato, in pochi minuti ti porta al piazzale di sosta dove hai lasciato l’auto.

 

Non è tuttoUn divertente ski-safari fotografico tra 13 opere d’arte visibili anche dalla seggiovia Agnello. "E' possibile sciare - aggiunge Bertoluzzq - tra giganteschi bozzoli di lana, opere d’arte che incorniciano le guglie del Latemar e stravaganti installazioni puntate al cielo".

 

Tre opere d’arte sono state realizzate a luglio per RespirArt: “Acutis”, un cerchio radioso di acciaio corten dell’artista Cosimo Allera (vicino a Baita Caserina), “Simulacro”, grandi gocce fra i rami dell’artista trentino Federico Seppi (accanto al rifugio Agnello), “Conversazioni virtuali”, sedie sospese dell’artista della Val di Fiemme Piergiorgio Doliana (sotto la seggiovia Agnello).

 

"Sono ancora tante - conclude Bertoluzza - le attività tra eventi e sport, ma il nostro comprensorio significa anche buona cucina, atmosfera e panorami strepitosi. Siamo estremamente fiduciosi per il proseguo di questa stagione, già in linea con le aspettative"

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 04 giugno 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

05 giugno - 06:03
Un aumento di costi anche a fronte di accordi annuali e più onerosi per il Trentino stipulati sul finire della Giunta Rossi, legislatura ormai in scadenza di mandato e che quindi non si era impegnata in accordi pluriennali per lasciar spazio al nuovo governo provinciale (oppure per riprendere le fila del discorso se il centrosinistra avesse vinto le elezioni). La stima della ricaduta è di 10 milioni
04 giugno - 15:37

Prende il via la nuova graphic novel di Flavio Rosati ambientata a Trento che avrà come protagonisti Daniel, Nina e i commercianti del capoluogo. Enrico Faes, Consorzio Trentino Iniziative: "Un modo diverso e originale per farsi conoscere e conoscere la bellezza del capoluogo, in questo momento più che mai". Sono aperte ora le iscrizioni per tutte le attività che vorranno prendere parte al progetto e vedersi "trasformare" in fumetto

 

04 giugno - 20:29

Il decesso è avvenuto a Campitello di Fassa, un lutto che ha scosso la comunità. Ci sono 5.438 casi e 468 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 611 per un rapporto contagi/tamponi che si attesta a 0,16%

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato