Contenuto sponsorizzato

L'appello dei forestali: ''Non toccate o spostate i cuccioli di cervo e capriolo, ma avvisateci se li trovate''

La fine della primavera coincide con la stagione dei parti delle femmine di capriolo e cervo. In questo periodo può capitare di imbattersi, nell'erba alta di un prato o nel fitto di un basco, in un cucciolo nato da poco, che non si muove e può sembrare abbandonato. L'odore umano muta quello del cuccioli e la madre non lo riconoscerebbe

Pubblicato il - 14 maggio 2019 - 15:24

TRENTO. Non toccare e non spostare i cuccioli di cervo e di capriolo, ma eventualmente allertare i forestali e i guardiacaccia. Questa l'indicazione della Provincia per favorire la sopravvivenza di questi ungulati.

 

La fine della primavera coincide, infatti, con la stagione dei parti delle femmine di capriolo e cervo.

 

In questo periodo può capitare dunque di imbattersi, nell'erba alta di un prato o nel fitto di un basco, in un cucciolo nato da poco, che non si muove e può sembrare abbandonato.

 

Ma non è così, come spiega il Servizio foreste e fauna della Provincia, l'animale sta bene e nei primi giorni di vita questo comportamento è naturale e volto a ridurre il rischio di essere predato.

 

Al fine di favorire la sua sopravvivenza non bisogna toccarlo o spostarlo ma lasciarlo dov'è ed allontanarsi, così la madre, che si trova nei paraggi, può tornare ad accudirlo.

 

In caso contrario l'odore umano può mutare quello del piccolo e la madre, che si è allontanata solo temporaneamente, può non riconoscerlo ed abbandonarlo.

 

Anche in caso di evidenti segnali di malessere resta comunque valida la regola di non toccare i piccoli e contattare i forestali o i guardiacaccia per le verifiche necessarie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.39 del 23 Maggio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 maggio - 18:59

Viene da chiedersi cosa avrebbero fatto i membri della giunta se le signore fotografate da Ivan Cristoforetti e messe su Twitter con frasi del tipo ''gran figueria'' o ''festa della prugna'' fossero state loro parenti. O se oggetto degli insulti (per i quali è stato bannato da molti) lanciati dallo stesso braccio destro di Spinelli fossero state persone a loro vicine. Forse avrebbero capito che questo è proprio quel tipo di comportamenti che nelle scuole ai nostri figli cerchiamo di spiegare che è sbagliato

24 maggio - 15:52

Sul retroscena svelato oggi da Il Dolomiti i consiglieri provinciali Filippo Degasperi e Giorgio Tonini hanno già presentato due interrogazioni. "Dalla Giunta dichiarazioni confuse''

24 maggio - 17:11

La donna dopo aver acquistato lo spray ha voluto provarlo. Sul posto si sono portati anche i vigili del fuoco che hanno evacuato un intero piano del centro commerciale di Pergine

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato