Contenuto sponsorizzato

Left paragona la frase di Salvini a quella di Hitler (che però è introvabile). Ma allora vale tutto?

Anansi ha chiesto spiegazioni al giornale di sinistra che gli ha risposto, dopo un lungo confronto, e la toppa è parsa peggiore del buco: ''In effetti l'affermazione letterale non esiste, si tratta di un'interpretazione del suo pensiero. Voi che ne pensate, i nipotini del Furher ci quereleranno per diffamazione? Per aver messo in bocca a hitler una frase razzista e antisemita?''

Di Luca Pianesi - 05 gennaio 2019 - 13:16

TRENTO. A questo punto vale tutto? La storia viene reinterpretata ad uso e consumo della modernità, vengono inventate citazioni ''verosimili'' per scagliarsi oggi contro l'uno giustificandolo, poi, domani, ad usare la stessa ''clava mediatica'' contro un altro? Il fine giustifica i mezzi? Lo scivolone è stato grande e la toppa, come si suol dire, è parsa peggiore del buco

 

Left, che si definisce l'unico giornale di sinistra, ieri ha pubblicato un'immagine che sta diventando virale sui social dove si mettono a confronto Salvini e Hitler partendo dall'orribile dichiarazione del primo (''Chi aiuta i clandestini, odia gli italiani'') e paragonandola a quella che avrebbe detto il secondo (''Chi aiuta gli ebrei, odia i tedeschi''). Il fine è chiaro, i mezzi un po' meno. Scriviamo, infatti, avrebbe detto, riferendoci alla citazione di Hitler, perché nei fatti è introvabile. Per carità l'avrà anche pronunciata a casa sua, con amici e gerarchi, in qualche comizio o chiacchierata, nell'arco della sua parabola criminale che ha sconvolto il mondo e messo in piedi quella mostruosa barbarie che è stata l'Olocausto. Però la Storia non ne ha conservato memoria nonostante Left inserisce anche una data, 1938, come se fosse una citazione con tanto di contestualizzazione storica

 

Il nostro Anansi (alias Stefano Bannò) che tra un concerto e l'altro, in questi anni, ha trovato il tempo di ottenere una laurea triennale in lettere classiche (con tesi in storia del cristianesimo) e una magistrale in Filologia e Critica Letteraria (oltre oggi a svolgere un dottorato in ''Le forme del testo'' sempre al Dipartimento di Lettere dell’Università di Trento) ha scritto al giornale di sinistra chiedendo se esistessero fonti su quella citata frase di Hitler e la risposta di Left è parsa davvero incredibile: ''Il mein kampf, l'olocausto, le leggi razziali, una quindicina di anni di nazismo possono bastare?''.

 

Al che Anansi ha rilanciato: ''Qui nessuno mette in discussione la gravità inaudita della dichiarazione di Salvini né - ovviamente - gli abomini del Mein Kampf, delle leggi razziali e di una quindicina di anni di nazismo. Da dove è stata estrapolata la presunta frase originale pronunciata o scritta da Hitler?''. E Left ha risposto: ''E' stata estrapolata dalla Storia''. Il nostro quindi ha commentato: ''Left, ma che discorsi sono? La Storia (con la S maiuscola) e il Giornalismo (con la G maiuscola) si fanno a partire da carteggi, documenti, bollettini (e così via) storicamente e scientificamente rilevabili e verificabili. L’immagine da voi pubblicata contiene persino la data del 1938. Siete in grado di fornirmi le fonti della frase di Hitler? Sì, bene. La frase non ha nessun riscontro storico? Avete pubblicato una bufala. E mi dispiace scrivervi questo, perché sono un vostro lettore affezionato''.

 

Left ha quindi cominciato una difesa da scalata sugli specchi: ''Lei pensa che saremo querelati dai nipotini del Fhurer (sic) per aver attribuito una frase razzista al loro Capo? A proposito di Giornalismo: la frase non è virgolettata quindi vuol dire che è un'interpretazione giornalistica. Cosa del tutto lecita a meno che, appunto, non si metta in bocca al diretto interessato una falsità. Cordiali saluti - ps. il 1938 è l'anno della Notte dei cristalli, se ha presente di cosa si sta parlando...''. E poi è partita una filippica invitando Anansi a studiare la storia, ''noi più che dirle che è dovere di un giornalista saper interpretare i fatti non possiamo fare. Prendiamo atto che per lei la paranoia di Hitler nei confronti degli ebrei è una fake news e che è grave dare corda a chi sostiene che negando questa cosa si mette in discussione l'idea che ha dato origine al nazismo e all'Olocausto. Dato che non è un negazionista, ce lo dica lei qual è il pensiero che ha dato origine al pogrom del 1938, ce lo dica lei in che modo il nazismo ha fatto breccia sui tedeschi, ci dimostri che non esisteva "il nemico interno", ci dimostri che "il nemico interno" non erano gli ebrei, ci dimostri che è una fake news la convinzione di hitler che gli ebrei fossero i nemici naturali degli ariani''.

 

Insomma una controffensiva degna del peggior sofista lontanissima dal focus della discussione e assolutamente non attinente con quanto chiesto loro dallo stesso Anansi. Chi metterebbe in discussione quanto qui riportato? Solo un folle, un criminale, un revisionista della peggior specie. Ma utilizzare una frase mai pronunciata per fare uno stretto parallelismo con l'attualità per attaccare un politico (che pure offri spunti di critica quotidianamente senza bisogno di inventarsi citazioni mai pronunciate) fa proprio il gioco di chi si vorrebbe contrastare. Proprio perché il fine non giustifica mai i mezzi.

 

Left ha poi aggiunto che ''In effetti l'affermazione letterale non esiste, si tratta di un'interpretazione del suo pensiero estrapolata dal mein kampf, dagli studi psichiatrici sul capo del nazismo, da 15 anni di nazismo, dal pogrom (1938), dalla Soluzione finale, dall'Olocausto. Insomma dalla Storia. Voi che ne pensate, i nipotini del Furher (sic) ci quereleranno per diffamazione? Per aver messo in bocca a hitler una frase razzista e antisemita?''. Ai posteri l'ardua sentenza, anzi no. Nemmeno dei posteri ci si può più fidare, sia mai che qualcuno decida di interpretarlo e lo interpreti male. Non è così che comincia proprio il revisionismo?

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 novembre - 04:01

La questione approda in consiglio provinciale con un'interrogazione di Luca Zeni. Post pro Trump (assistito da Gesù nella sua battaglia), uno su Linkedin dove qualificandosi come capo gabinetto della Pat scrive di essere in missione per chiedere la grazia per la cessazione del virus di Whuan e poi la ''Q'' sul profilo, l’hastag acronimo “WWG1WGA” usato dagli adepti di questa frangia dell'ultradestra che si rifà a un cattolicesimo reazionario che in America (ma anche in Italia) si sta facendo spazio. Il consigliere chiede chiarezza

28 novembre - 10:18

Il presidente della Provincia di Bolzano Arno Kompatscher ha presentato nella giornata di venerdì 27 la nuova ordinanza che entrerà in vigore lunedì 30 novembre e porterà ad una riapertura scaglionata di diverse attività, oltre che all'allentamento delle misure per il contenimento del virus. Ecco quali sono le principali novità

27 novembre - 16:13

Durante i mesi di agosto e settembre, il lago è stato interessato da un’intensa fioritura algale, visibile ad occhio nudo per l’anomala colorazione dell’acqua della superficie. Questo episodio di fioritura è stato provocato da un ciano batterio

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato