Contenuto sponsorizzato

''Matteo, sarai sempre nelle nostre note'': dolore a Pieve di Bono per la scomparsa di Penasa, ex consigliere e presidente della banda

Il 43enne perito elettrotecnico, si occupava della gestione di centrali e di una diga. Appassionato di sport, suonava il trombone. Il ricordo dei compagni: ''Sconvolti, rimarrai nella nostra musica''

Foto tratta da Facebook
Pubblicato il - 21 gennaio 2019 - 10:37

TRENTO. È il dolore di una comunità intera e di tutta una valle quello che accompagna la scomparsa di Matteo Penasa, il 43enne di Pieve di Bono, trovato morto ieri ai piedi della cascata di ghiaccio sopra Malga Caino (qui l'articolo).

 

Sposato e papà di un bambino di dieci anni, Penasa era conosciuto come un lavoratore attento, un appassionato sportivo, una persona puntuale, sempre pronta a spendersi per la comunità e per gli altri, a mettersi in gioco in prima persona.

 

Grande il dolore in cui la notizia della sua prematura scomparsa ha gettato Pieve di Bono (il suo paese, anche se la famiglia era originaria della val di Rabbi). Nato nel 1975, Penasa era perito elettrotecnico e lavorava alla Hydro Dolomiti Energia, per cui curava il funzionamento di alcune centrali e una diga. Viveva vicino alla centrale elettrica di Pieve di Bono, era stato consigliere comunale e, da sei anni, presiedeva il corpo bandistico locale.

 

Nota la sua passione, oltre che per lo sport e la montagna (chi lo conosceva lo descriveva come un gran conoscitore della natura, molto attento), per la musica (Matteo suonava il trombone).

 

A ricordarlo su Facebook, a poche ore dalla disgrazia, i compagni della banda: "La Banda Musicale di Pieve di Bono - è il post affidato al social network - è profondamente sconvolta dalla notizia della tragica scomparsa del suo presidente Matteo Penasa. Con infinita tristezza ci stringiamo al dolore della sua famiglia. Matteo sarà sempre parte delle nostre note, tra i nostri strumenti e nella nostra voglia di stare insieme".

 

Un messaggio di cordoglio è stato affidato sempre al social network anche dalla banda di Storo: "La Banda Sociale di Storo si unisce al dolore della Banda Musicale di Pieve di Bono per la scomparsa improvvisa del loro caro presidente Matteo Penasa", si legge.

 

Matteo Penasa era conosciuto come un marito e un padre amorevole, sempre presente per la famiglia e per il figlio che accompagnava sempre alle partite di calcio.

 

Un messaggio di ricordo e condoglianze alla famiglia è stato scritto anche dal Comune. "L'Amministrazione del Comune di Pieve di Bono-Prezzo - recita il post scritto su Facebook - è vicina ai familiari e alla Banda Musicale Pieve di Bono per l'improvvisa e prematura scomparsa di Matteo Penasa, già consigliere comunale e parte attiva delle associazioni di volontariato della nostra comunità".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato