Contenuto sponsorizzato

Oltre 30 appuntamenti in 7 giorni tra feste, tradizioni e Palio delle frazioni, il Festival dell'agricoltura al via

Eventi collettivi, fattorie didattiche, visite guidate e fiere nei diversi paesi della valle. Dall'8 al 15 settembre tante iniziative con un filo conduttore: ricordare il forte legame tra vita nei campi e tutela del patrimonio alpino, della biodiversità e delle tradizioni locali

Foto di Mauro Mariotti
Pubblicato il - 07 settembre 2019 - 21:28

PEIO. Oltre 30 appuntamenti in 7 giorni. Dalla festa per il ritorno a valle degli animali dagli alpeggi d'alta quota fino alle gare che testano le “abilità” degli agricoltori. Da domenica in val di Pejo prende il via la nuova edizione della Settimana dell'Agricoltura (Qui programma completo). 

 

Chiaro l'intento degli organizzatori (Comune di Peio, Consorzio Turistico Pejo 3000, Azienda per il turismo della Val di Sole, Peio e Rabbi, Associazione Allevatori della Val di Pejo): un lungo appuntamento collettivo che coinvolga non solo le popolazioni locali ma anche turisti e visitatori per far toccare con mano quanto sia centrale il ruolo delle attività contadine per garantire vita, tutela e futuro alle aree montane.

 

Un'esigenza quanto mai indispensabile, visto il concreto rischio spopolamento e la perdita di biodiversità, che si unisce allo smarrimento di importanti saperi tradizionali. Ogni giorno sono previste escursioni fra le malghe alla scoperta sia dei saperi che i contadini si tramandano da generazioni per costruire il corretto rapporto tra uomo e natura, sia dei segreti dell'attività agricola montana: dalla mungitura degli animali alle proprietà delle erbe di alta quota.

 

Da non perdere, in particolare, l'esposizione e la valutazione di bovini che si terrà sabato 14 a Cogolo e, il giorno dopo, la scenografica Desmalgada: la sfilata degli animali agghindati con corone di fiori e foglie, accompagnati dalle musiche della banda del paese. Al termine della sfilata, si svolgerà il Palio delle Frazioni: i concorrenti sfideranno le loro abilità nello svolgere gli antichi mestieri montani: sfalcio dei prati, corsa con i sacchi, segagione e pelatura dei tronchi, palo della cuccagna, tiro alla fune, mungitura delle vacche.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
22 giugno - 16:59
Il consigliere del Pd aveva chiesto spiegazioni sul perché alcuni alberghi trentini sul sito di Visit Trentino invece che la canonica dicitura [...]
Cronaca
22 giugno - 17:18
Sono stati analizzati 1.473 tamponi tra molecolari e antigenici. Ci sono 3 pazienti in terapia intensiva. Oltre 400 mila le dosi di vaccino [...]
Cronaca
22 giugno - 16:39
All'inizio degli anni '60 del secolo scorso, un precursore della libera professione, fra i periti industriali, affermandosi ben presto, per le sue [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato