Contenuto sponsorizzato

Oltre cinquemila visitatori a Trento Expo per Mondo Donna, la fiera della creatività

Il bilancio della tredicesima edizione di Mondo Donna, fiera dedicata alla creatività ideata da Giorgio Lever e organizzata dalla Progema di Cesare Bazzanella, official promoter dell’evento espositivo, è da considerarsi più che positivo

Pubblicato il - 18 novembre 2019 - 12:16

TRENTO. La tredicesima edizione di Mondo Donna, fiera dedicata alla creatività, va in archivio nonostante il maltempo con un bilancio di oltre cinquemila visitatori.

 

Il bilancio della tredicesima edizione di Mondo Donna, fiera dedicata alla creatività ideata da Giorgio Lever e organizzata dalla Progema di Cesare Bazzanella, official promoter dell’evento espositivo, è da considerarsi più che positivo con oltre cinquemila visitatori nell’arco delle tre giornate di apertura nel padiglione di Trento Expo in via Briamasco nel capoluogo trentino.

 

Archiviata l’edizione autunnale del 2019 lo staff di Mondo Donna guarda già al prossimo appuntamento in programma il 28, 29 febbraio e 1 marzo mentre la prossima edizione autunnale è stata messa a calendario il 30, 31 ottobre e 1 novembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 24 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 novembre - 17:28

Il Pibe de Oro si è spento mercoledì 25 novembre a 60 anni a causa di un arresto cardiorespiratorio

25 novembre - 16:22

Fugatti valuta se riaprire le scuole dopo il 3 dicembre, ma avverte: “Se il Governo nel suo Dpcm prevede che non si possano aprire noi dobbiamo adeguarci anche se siamo una Provincia autonoma”. Ruscitti assicura che anche i test antigenici vengono tenuti in considerazione per mettere le classi in quarantena e che le scuole sono tenute informate delle positività

25 novembre - 17:04

Sulle piste da sci Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Bolzano, Trento, Veneto e Friuli-Venezia Giulia, chiedono un passo indietro al Governo: “Senza l’apporto della stagione invernale per la montagna è il disastro totale. Chiudere durante le festività natalizie significherebbe pregiudicare irrimediabilmente l’intera stagione”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato