Contenuto sponsorizzato

Regalare un sorriso ai bambini e alle mamme che passeranno il Natale al Centro di Protonterapia: missione riuscita per la Fondazione Lene Thun

Il progetto nasce nel 2014 e prevede la realizzazione di laboratori permanenti di modellazione della ceramica offerti gratuitamente all’interno dei reparti pediatrici di grandi ospedali italiani grazie all’aiuto di un team di volontari ed esperti ceramisti coordinati dalla Onlus altoatesina

Pubblicato il - 23 dicembre 2019 - 17:53

TRENTO. Si chiama ''missione sorriso'' ed è l'azione messa in campo in queste ore dalla Fondazione Lene Thun per portare un sorriso, appunto, ai bambini e alle mamme che passeranno le feste lontani da casa nella struttura di Trento di Protonterapia. Impegnata nella realizzazione di servizi permanenti di "terapia ricreativa" attraverso la modellazione della ceramica la Fondazione era presente con il presidente Peter Thun che è stato accompagnato dal direttore generale dell’Apss Paolo Bordon e dal direttore del Centro di protonterapia di Trento Maurizio Amichetti e ha così ha incontrato i piccoli pazienti in cura e le loro famiglie per consegnare loro alcuni regali.

 

Una bella iniziativa della fondazione altoatesina, realizzata con l’aiuto dei dipendenti dell’azienda nota per le sue creazioni in ceramica, per essere vicina a chi festeggia il Natale lontano da casa. Domani si ripeterà in Pediatria all’Ospedale Santa Chiara.

 


 

Il direttore generale dell’Apss Paolo Bordon ha affermato: «Il nostro grazie va alla Fondazione Thun, al suo presidente e ai suoi volontari per la sensibilità e per aver accolto la nostra struttura nella loro grande rete di ospedali. Con i suoi laboratori settimanali la Fondazione sostiene le famiglie e i bambini del nostro Centro permettendo di offrire loro un qualcosa che va oltre la pura prestazione sanitaria, un’accoglienza che allevia e sostiene nei difficili momenti della malattia».

 

Il progetto «Fondazione Lene Thun negli ospedali», nasce nel 2014 e prevede la realizzazione di laboratori permanenti di modellazione della ceramica offerti gratuitamente all’interno dei reparti pediatrici di grandi ospedali italiani grazie all’aiuto di un team di volontari ed esperti ceramisti coordinati dalla Onlus altoatesina. Ad oggi sono 47 i laboratori attivati dalla Fondazione tra cui quelli in Protonterapia, Pediatria e Chirurgia pediatrica dell’ospedale di Trento nei quali i piccoli pazienti creano opere in argilla dando sfogo alla loro fantasia. L’efficacia della terapia ricreativa come sostegno ai protocolli medico farmacologici è riconosciuta scientificamente ed è l’anima dei laboratori ceramici della Fondazione.

 


 

In occasione del Natale è nata «Missione sorriso» attraverso la quale i dipendenti dell’azienda altoatesina, vestiti da Babbo Natale e i volontari della Fondazione Lene Thun, portano un po’ di gioia ai tanti piccoli che in questi giorni di festa sono lontani da casa.

 

«Per noi – ha detto Peter Thun, fondatore della Onlus e presidente dell’azienda – non è solo una gioia ma un grande onore essere qui con un abbraccio, un sorriso, un piccolo regalo per donare ai più piccoli e alle loro famiglie, per quanto possibile, un momento di serenità in un giorno in cui tutti meriterebbero di essere circondati dal calore delle proprie case. Un grande grazie va anche ai nostri 30 volontari e volontarie che con passione sono qui ogni settimana». Peter Thun poi, pensando anche alle mamme che ogni giorno lottano a fianco dei loro bambini, ha portato loro un piccolo dono con l’augurio che la #MissioneSorriso possa durare tutti i giorni dell’anno e non solo a Natale e ha ricordato: «L’amore è come l’argilla. Sembra fragile ma, nelle mani giuste, può assumere forme meravigliose».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 10:39

Dopo ore di attesa, con trattative serrate tra le autorità sanitarie di Roma e di Milano sulla colorazione della Lombardia, sono state grosso modo confermate le classificazioni della scorsa settimana. Trentino ancora giallo, Alto Adige rosso. A cambiare sono solo 2 regioni

23 gennaio - 11:58

Nel bollettino sulla situazione Coronavirus in Alto Adige si registrano 552 nuovi positivi e 3 decessi. Rispetto alla giornata di venerdì cala lievemente l'indice contagi/tamponi così come il numero di ricoveri nei normali reparti. Si attende la decisione di Bolzano sulla conferma della classificazione "rossa" decisa da Roma

23 gennaio - 05:01

Ispra suggerisce un deciso cambio di rotta nella gestione dei plantigradi fin qui messa in campo dal Trentino: “Essenziale e necessaria una migliore e più trasparente rendicontazione da parte della Pat di tutti gli episodi potenzialmente critici”. Per gli esperti la prevenzione è più efficace di dissuasioni e abbattimenti: “Spesso comportamenti potenzialmente pericolosi possono emergere negli orsi come conseguenza di comportamenti umani non adeguati”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato