Contenuto sponsorizzato

Torna Idee Sposi, 2.500 metri quadrati dedicati al romanticismo tra torte, abiti e bomboniere

Appuntamento a Trento Expo con le proposte per il grande giorno. Marsili: ''L'83% delle aziende espositrici ha confermato la presenza degli scorsi anni''

Pubblicato il - 08 gennaio 2019 - 20:08

TRENTO. Non solo abiti bianchi di sartoria e torte deliziose, ma anche truccabimbi, solidarietà e buon cibo. Sono in allestimento in queste ore gli stand di Idee Sposi, il tradizionale appuntamento dedicato al matrimonio che inaugurerà la stagione fieristica nel capoluogo. L'esposizione aprirà venerdì pomeriggio e si chiuderà domenica sera a Trento Expo.

 

Romanticismo: questa la parola d'ordine dell'evento che offrirà ai visitatori 2.500 metri quadrati di percorso espositivo, fanno sapere gli organizzatori. La sedicesima edizione della manifestazione organizzata da Keeptop Fiere in collaborazione con Conferesercenti del Trentino e l'Azienda per il turismo di Trento, Monte Bondone e Valle dei Laghi.

 

"Idee Sposi non teme  confronti nell'intero Triveneto - dice il presidente di Keeptop Fiere Milo Marsili - perché ai futuri sposi, da un lato, consente di informarsi, trovare spunti, soluzioni e supporto ma anche confrontarsi con altre coppie nella stessa fase della vita che stano affrontando il medesimo percorso; agli espositori, dall'altro, permette di godere di una vetrina ad alta visibilità in centro a Trento, rafforzare rapporti commerciali, business già esistenti o stipularne di nuovi, senza dimenticare la possibilità di confrontarsi con il top dell’offerta di settore".

 

Tra le categorie più rappresentate quella relativa agli abiti da sposa, sposo e cerimonia (14 gli espositori presenti fra atelier, sartorie e negozi di abbigliamento), accanto ai professionisti della ristorazione (anche in questo caso sono 14 gli stand a disposizione). Ben rappresentati tra gli espositori saranno inoltre i fotografi (12 i professionisti presenti). Non mancheranno nemmeno le gioiellerie, gli esperti dell'arte floreale per bouquet, addobbi e allestimenti, musicisti  (dal rock alle arpe) e intrattenitori per il divertimento di grandi e piccini, pasticceri, wedding planner, cooperative, le concessionarie per noleggiare l’automobile desiderata per farsi accompagnare al grande giorno e naturalmente le agenzie di viaggi.

 

"Si troveranno proposte per tutti i gusti e per tutte le disponibilità di spesa: per chi vuole una cerimonia di lusso, ma anche per chi vuole compiere questo passo importante all'insegna della sobrietà" ricorda Marsili.

 

Tra queste anche quelle legate alla solidarietà con, ad esempio, le bomboniere solidali di Emergency e del Gruppo Sensibilizzazione Handicap.

 

"Oltre l'83% delle aziende espositrici a Idee Sposi tornano di anno in anno alla nostra fiera, il 50% circa sono presenti da 16 anni, adeguandosi ovviamente ai nuovi trend" conclude Marsili.

 

Alla presentazione dell'evento sono intervenuti anche Elda Verones per l'Apt, Roberto Stanchina per il Comune e Massimiliano Peterlana per Confesercenti. L'appuntamento è dunque ai padiglioni di Trento Expo da venerdì a partire dalle 16 a domenica alle 19. Il biglietto di ingresso costa 7 euro, 4 quello ridotto.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 16 agosto 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 agosto - 14:25

L'avventura con la loro società è iniziata circa tre anni fa. I due giovani della Vallagarina, Mattia Cristoforetti e Giovanni Tava, hanno macinato moltissimi successi ed  hanno deciso di utilizzare il loro lavoro anche per aiutare i bambini. Per questo è iniziata la collaborazione con la fondazione Tog per la cura e la riabilitazione dei bambini con gravi patologie neurologiche

19 agosto - 16:01

Gettatosi da una falesia alta 10 metri a Torre dell'Orso, nel leccese, un giovane trentino si è lesionato la zona cervicale. Trasportato immediatamente all'ospedale Vito Fazzi di Lecce, si attende di capire che danni possa aver riportato. Cauti i medici 

19 agosto - 06:01

Pubblichiamo in esclusiva dei dati molto significativi sul reale andamento della struttura della Val di Fiemme che smentiscono molto di quanto sentito sino ad oggi. Nel punto nascite si è eseguito nel 25% dei casi il taglio cesareo quando non ci sono emergenze e per  l'Organizzazione Mondiale della Sanità un tasso superiore al 15% è indicativo di ''un uso inappropriato della procedura'' motivato da ''carenze organizzative, medicina difensiva, (...) scarso supporto alla donna da parte del personale sanitario nel percorso di accompagnamento alla nascita''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato