Contenuto sponsorizzato

Alla Casa del Caffè c'è la storia di Trento tra torrefazione e dolciumi. La famiglia Torta: ''Rimaniamo all'ombra del campanile di San Pietro perché amiamo questa città''

La famiglia Torta, di origine veneta, ha rilevato il ramo d’azienda trentino nel 1958. A prendere in mano l'attività è Giorgio Torta, padre di Luca che arrivò dietro il bancone attorno al 1983 e la sorella Roberta qualche anno dopo. Oggi rappresenta una tappa fondamentale per chi vive la città

Di Giuseppe Fin - 01 luglio 2020 - 19:49

TRENTO. Basta varcare la porta per trovarsi immersi nel profumo di caffè e cioccolata. Immancabile tappa per molti turisti e indispensabile momento di relax per chi la città la vive tra lavoro, commissioni e lezioni all'università. Stiamo parlando della Casa del Caffè in via San Pietro oggi portata avanti da Roberta e Luca Torta assieme ad una equipe preparatissima


Un vero e proprio emporio che va avanti da ormai 110 anni e che anche ora, pur nelle restrizioni causate dalla pandemia, non si ferma lavorando a pieno ritmo. La Casa del Caffè, assieme a tante altre realtà cittadine, sarà protagonista nelle strisce del fumettista Flavio Rosati nel progetto lanciato assieme al Consorzio Trento Iniziative, con la partecipazione de ilDolomiti, per raccontare la nostra città, le sue passioni, l'inventiva, la caparbietà e  l'impegno quotidiano messo dai cittadini. Qui è possibile leggere il secondo episodio.

 

La famiglia Torta, di origine veneta, ha rilevato il ramo d’azienda trentino nel 1958. A prendere in mano l'attività è Giorgio Torta, padre di Luca che arrivò dietro il bancone attorno al 1983 e la sorella Roberta qualche anno dopo.

 


Dalla metà degli anni Cinquanta ad oggi il mondo è cambiato notevolmente, è cambiata la società, i suoi gusti e abitudini.  E in tutto questo La Casa del Caffè, però, è ancora qui perché ha saputo seguire l'evoluzione mantenendo la barra dritta sulla qualità con un orecchio ben attento per cogliere tutto quello che in torno si muoveva

Oggi in via San Pietro si possono trovare miscele di caffè di qualità arabica, , infusi di frutta, cioccolato, gastronomia dolce italiana, mieli e marmellate e tantissimo altro. “Le persone inizialmente potevano trovare caffè, tea e spezie – ci racconta Luca Torta – ma poi l'evoluzione del mercato nel dopoguerra ha portato ad una riduzione della richiesta di spezie che si sono rivolte alla grande distribuzione. Mentre la specializzazione del dolciario è aumentata a dismisura. A fianco di caffè e tè si è inserita l'arte dolciaria e la cioccolateria sia italiana che internazionale”. 

 

Il 'padrone' di casa rimane il caffè con tanto di torrefazione. Le tipologie sciolte in vendita sono circa 16 . Sono presenti una decina di miscele e dai sei agli otto monovarietali con caffè stagionali che derivano da microraccolti in determinati periodi dell'anno. Arrivano da tutto il mondo. 

Luca e Roberta non solo conoscono l'intera filiera di produzione del caffè, non solo si occupano della torrefazione ma cercano anche di farne conoscere la filosofia, il gusto spiegando le tante differenze che ci sono.

 
“Negli anni – spiega Luca Torta - il mercato del caffè è cambiato anche con l'arrivo della grande distribuzione.  Il consumo in grande quantità ha lasciato spazio alla qualità. Una evoluzione naturale che ci ha portato a  rimanere  sempre all'ombra del campanile di San Pietro per non abbandonare la vita del centro storico di Trento”.  Se negli anni il gusto e il prezzo dovevano incontrare famiglie con un portafoglio a bassa capacità di spesa ora, invece, è la ricerca del gusto e delle singole peculiarità del caffè a far da padrone.  

C'è poi il settore della cioccolata che segue la stessa filosofia.  Arriva da alleanze territoriali con grandi produttori in primis italiani di nicchia e poi è una ricerca attenta  continua a quello che succede nel bacino italiano ma anche in altri Paesi. Il piacere per il gusto ha portato negli anni la Casa del Caffè ad integrare la sua ricerca di qualità con proposte di gastronomia dolce sia italiana che estera, diventando  una vera boutique del gusto. “Nell'offrire i nostri prodotti – spiega Luca Torta – cerchiamo anche di insegnare una filosofia. Le abitudini alimentari influiscono sul gusto che la gente si aspetta. Quello che noi vogliamo dare è dare al prodotto una filosofia di consumo”. Filosofia che si può trovare anche in un'altra “costola” dell'attività rappresentata dall'Enoteca Grado 12 che si trova in largo Carducci. 

 

Il tutto portato avanti grazie ad una forte equipe legatissima al territorio che è cresciuta negli anni. Sette dipendenti, alcuni storici, che rappresentano un'altra importante forza di questo mondo senza il quale Trento non sarebbe più la stessa

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 07 agosto 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

10 agosto - 17:45

Il sindaco di Pellizzano ha deciso di limitare gli ingressi al lago dei Caprioli: “Il periodo di grossa difficoltà ed emergenza sanitaria che stiamo affrontando ci impone delle attenzioni e qualche restrizione al fine di tutelare la salute di tutti”

10 agosto - 19:18

Si tratterebbe di due frane che sono crollate sulla strada che collega il Rifugio Adamello Collini al Rifugio Stella Alpina

10 agosto - 17:07

La Pat: “Il nuovo caso è stato individuato nella zona di Trento con sintomi evidenti”. Confermata anche la presenza di uno degli otto ragazzi che hanno contratto il coronavirus a Malta, era in Trentino in vacanza con la famiglia

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato