Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, i sindacati alla Pat: ''In due settimane positivi quintuplicati. Si riattivi la collaborazione con il Cibio per fare più tamponi''

I sindacati Cgil, Cisl e Uil chiedono all'amministrazione provinciale di cambiare passo: "E' come se il Trentino avesse deciso di restare alla finestra invece che giocare d’anticipo. In questa fase epidemiologica non è sufficiente affidarsi solo ai protocolli, che sono fondamentali ma non eliminano il rischio"

Pubblicato il - 03 novembre 2020 - 16:49

TRENTO. "Non è proprio tutto sotto controllo sul fronte dell'emergenza Covid-19", commentano Andrea Grosselli (Cgil), Michele Bezzi (Cisl) e Walter Alotti (Uil), che aggiungono: "In 15 giorni il numero medio settimanale di nuovi positivi in Trentino ogni centomila abitanti è passato da 66 a 286. In sostanza si è quintuplicato tra il 18 ottobre e il primo novembre se si guardano i dati elaborati dalla Fondazione Kessler".

 

E in un solo giorno i ricoverati per Covid sono saliti da 161 a 189 pazienti. Intanto l’Alto Adige è ormai "zona rossa" con misure restrittive molto importanti, decise prese per arrestare l’impennata dei contagi. “In questo quadro - aggiungono Cgil, Cisl e Uil - è come se il Trentino avesse deciso di restare alla finestra invece che giocare d’anticipo. In questa fase epidemiologica non è sufficiente affidarsi solo ai protocolli, che sono fondamentali ma non eliminano il rischio".

 

Il coronavirus è rientrato anche in alcune case di riposo. A questo si aggiunge che il tracciamento ormai è in affanno. In linea generale c'è un peggioramento dei dati. "Non basta dire che ci sono i protocolli e allora siamo tranquilli. Si deve arginare la situazione - proseguono Grosselli, Bezzi e Alotti - servono decisioni coraggiose e equilibrate per tutelare soprattutto scuola e lavoro. E' un discorso che riguarda la salute dei nostri concittadini e di tanti operatori sanitari che anche oggi lavorano in situazioni spesso ai limiti".

 

I sindacati chiedono alla Provincia un cambio di passo per fronteggiare un quadro sempre più preoccupante. "Il contagio si diffonde con il movimento delle persone. Non sono più rinviabili scelte che riducano i contatti sociali in maniera ordinata. Dobbiamo evitare in ogni modo possibile un lockdown generalizzato. La Giunta non attenda passivamente indicazioni da Roma, ma si muova autonomamente. Non possiamo aspettare che le terapie intensive siano nuovamente sull’orlo del collasso. Già il trend dei ricoveri è in preoccupante salita".

 

C'è la necessità di aumentare il numero dei tamponi. "E' necessario riallacciare la collaborazione con il Cibio. L'obiettivo dovrebbe essere quello di arrivare il prima possibile oltre la soglia di 5 mila test. Non si deve in nessun modo rinunciare a cercare gli asintomatici se veramente vogliamo bloccare il virus. Parallelamente si deve potenziare la Centrale Covid per avere un tracciamento efficiente. La Provincia prenda in considerazione la proposta lanciata dal presidente dell’Ordine dei Medici di usare il personale sanitario in pensione".

 

Infine è indispensabile potenziare la presa in carico dei positivi, anche riaprendo le strutture residenziali Covid sul territorio per favorire l’isolamento. "Se la sanità trentina dovesse rischiare il collasso, un nuovo lockdown sarebbe inevitabile e le conseguenze pesantissime sul piano sociale e economico. Il Trentino non può permettersi altre chiusure totali", concludono Grosselli, Bezzi e Alotti.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

25 gennaio - 17:53
Nelle ultime 24 ore sono state confermate anche 13 positività a conferma dei test antigenici effettuati nei giorni scorsi. Sono state registrate 4 dimissioni e 78 guarigioni
25 gennaio - 17:09

Giovedì 28 gennaio i sindacati incontreranno la proprietà di Athesia e la Sie per discutere del futuro dei lavoratori de Il Trentino, lo storico giornale di via Sanseverino chiuso di punto in bianco lo scorso 15 gennaio. "In Italia esistono gli Olivetti e gli imprenditori che distruggono. A voi la scelta di stare in una o nell'altra categoria"

25 gennaio - 17:12

E' uno dei ponti più importanti che ci sono al confine tra Lombardia e Trentino. Siamo tra Lodrone e Bagolino e da anni il consigliere Marini chiede risposte alla Pat: ''L’unica realtà tangibile è che il ponte nuovo, ultimato nel 2017 al prezzo di alcuni milioni di euro pubblici, non è mai stato aperto, mentre quello del 1906 che tiene in piedi praticamente tutto il traffico abbisogna di interventi urgenti perché ormai cade a pezzi''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato