Contenuto sponsorizzato

Coronavirus in Trentino, il sistema ospedaliero prepara la riorganizzazione. La Cisl: ''Perplessi: si agisce ancora d'urgenza nonostante l'esperienza''

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Giuseppe Pallanch: "La sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza"

Pubblicato il - 26 ottobre 2020 - 18:38

TRENTO. "La curva epidemica è in crescita e ancora non si conoscono pienamente le decisioni per l'organizzazione ospedaliera sul territorio", dicono Giuseppe Pallanch, segretario Cisl Fp, e Silvano Parzian del settore sanità per il sindacato di via Degasperi, che aggiungono: "E' grave che le parti sociali, lavoratrici e lavoratori non vengano ancora coinvolti nelle scelte, nonostante l'esperienza maturata nella prima fase dell'emergenza Covid-19. Lascia perplessi che si ritorni a agire così d'urgenza: i contagi sono in aumento da settimane e si sarebbe potuti procedere in modo più organico e anticipando i tempi".

 

L'Azienda provinciale per i servizi sanitari in accordo con la Provincia ha disposto la rimodulazione dei servizi per fronteggiare la seconda ondata dell'epidemia coronavirus. Le direttive sono quelle di sospendere le attività di degenza ordinaria a Cardiologia di Rovereto per dirottare il personale infermieristico a Medicina, quindi il mantenimento di tutte le altre funzioni della Cardiologia in stretta collaborazione con quella di Trento. 

 

Un altro provvedimento è quello di sospendere le accettazioni da parte di Geriatria di Rovereto con la progressiva dimissione dei pazienti dimissibili e il trasferimento dei pazienti non dimissibili alla lungodegenza a Medicina di Arco e Tione per accoglimento pazienti Covid.

 

Il Pronto soccorso di Rovereto invia i pazienti internistici (da ricoverare) a Medicina di Arco e Tione e alla Casa di cura Eremo di Arco; mentre Trento procede su Medicina di Cles, Borgo e Cavalese in caso di carenza di posti letto nel capoluogo.

 

A Pneumologia di Trento ci si deve preparare per accogliere i pazienti Covid in stretta integrazione con la sezione di Malattie infettive nel capoluogo. E ancora integrazione delle equipe infermieristiche di Medicina a Rovereto e di Pneumologia a Trento; accoglimento dei pazienti covid-free in ventilazione assistita alla Pneumologia di Trento da parte di Arco e trasferimento di pazienti covid-free dalla Rianimazione di Rovereto alla quella di Trento per curare fino a un massimo di 5 persone alla terapia intensiva di Rovereto.

 

C'è poi la verifica della trasferibilità di attività chirurgica/ortopedica programmata agli ospedali di valle da parte delle Direzioni mediche e Chirurgia generale e Ortopedia.

 

"Il rischio - concludono Pallanch e Parzian - è quello di vedere percorsi promiscui all'interno dei pronti soccorsi tra pazienti Covid, non Covid e sospetti Covid e la possibilità di veicolare ancora di più il contagio. Dopo 6 mesi siamo ancora qui a riportare le nostre perplessità sulle modalità di azione e le tempistiche di attuazione di protocolli, decreti e Dpcm, pur avendo già approvato a giugno una delibera per riorganizzazione degli ospedali, la sensazione è che ci si sia fermati a febbraio e purtroppo siamo preoccupati della capacità di pianificazione e gestione di questa fase dell'emergenza. Aspettiamo il 27 ottobre quando è in agenda un incontro con l'Apss per chiarire le questioni aperte e per discutere del premio per la seconda fase".

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 novembre - 15:44

Da Roma arriva il via libera per procedere con la fase 2 per la sperimentazione del vaccino contro il coronavirus dell'italiana Reithera. Tra il primo gruppo di volontari sani, tra 18 e 55 anni, che si sono sottoposti all'inoculazione c’è Mirian Fadelli: “Ho deciso di farlo perché credo fortemente nella scienza e nella medicina”

30 novembre - 12:55

Il Centro fondo alle Viote sul Bondone lavora e produce neve per aprire la stagione. Nicola Fruner, direttore della Scuola italiana: "E' ancora caldo in quota, ma le attività proseguono in modo continuo. Si punta sulle lezioni individuali e piccoli gruppi composti da familiari"

30 novembre - 12:57

Domani, martedì primo dicembre 2020 alle 14.30 nella chiesa di Zuclo è prevista la cerimonia funebre per Valeria Artini, tragicamente scomparsa sabato scorso a soli 16 anni di età. Oltre alla diretta streaming l'invito alle persone che seguiranno la cerimonia dal vivo è quello di mantenere le distanze e l'uso della mascherina

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato