Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, saltano le Cresime fino a Pasqua in sei località. Sulle porte delle chiese il cartello che chiede ai fedeli di altre diocesi di non partecipare alla messa

L'arcidiocesi di Trento ha comunicato le disposizioni decise in accordo con le autorità sanitarie: invito ad astenersi dal segno di pace, niente incontri in oratori e canoniche, chiese igienizzate prima e dopo le celebrazioni e comunione ricevuta solo in mano

Pubblicato il - 04 marzo 2020 - 10:37

TRENTO. Lavarsi le mani prima di andare a messa, evitare lo scambio del segno di pace e sospendere le riunioni previste negli oratori e nelle canoniche. E poi il consiglio di apporre sulle porte delle chiese un cartello per i fedeli di altre diocesi ad ''astenersi dal prendere parte alle celebrazioni liturgiche sul territorio della diocesi di Trento'', l'ordine di sospendere ''in occasione dei funerali l’uso di mettere a disposizione dei fedeli il secchiello dell’acqua benedetta per l’aspersione del feretro'' e addirittura vengono sospese le celebrazioni del sacramento della Cresima fino a Pasqua in sei località: Levico, Caldonazzo, Pergine, parrocchie del perginese, Vigolo Vattaro, Frassilongo (parrocchie della Val dei Mocheni).

 

Anche per l'attività ecclesiastica o spirituale, i tempi del coronavirus hanno conseguenze importanti. A cascata sono tantissimi i cambi di abitudine cui stanno andando incontro i fedeli. Addirittura sono rinviati a data da destinarsi i seguenti incontri:

  • l’incontro dell’Arcivescovo con i partecipanti al percorso “Sulla tua parola”, previsto per domenica 8 marzo nella chiesa del Santissimo a Trento;
  • l’incontro dei membri dei consigli parrocchiali per gli affari economici, programmato per la mattina di sabato 14 marzo a Trento;
  • la S. Messa in memoria dei Missionari martiri il 22 marzo nella chiesa della S. Famiglia a Rovereto e il successivo spettacolo al teatro Rosmini;
  • il Convegno diocesano di operatori e volontari promosso dall’Area Testimonianza e Impegno sociale del 28 marzo e l’Assemblea di Ospitalità Tridentina dello stesso giorno, entrambi a Trento;
  • gli incontri “Ritratti di Santi” nella chiesa delle Laste.

 

Stante l'apparizione anche in provincia dei primi casi autoctoni, la soglia di sicurezza è stata alzata anche dall'arcidiocesi di Trento, che a seguito dei contatti con le autorità sanitarie ha deciso di comunicare nuove disposizioni, confermando e integrando quanto comunicato il 24 febbraio.

 

Secondo quanto deciso, l'invito ai fedeli è di astenersi dalla santa messa e dalle celebrazioni liturgiche in caso di febbre, tosse o altri sintomi influenzali, di ricevere la comunione esclusivamente sul palmo della mano (dopo averle rigorosamente lavate), di evitare lo scambio di pace. I banchi delle chiese, inoltre, verranno puliti con prodotti igienizzanti il giorno precedente e quello successivo alle celebrazioni festive.

 

Fino alle nuove disposizioni, tutte le attività e le riunioni previste nelle sale delle canoniche e degli oratori, coinvolgenti un numero di partecipanti superiori alle 15 persone, dovranno essere sospese. I parroci provvederanno a sensibilizzare i parenti dei defunti affinché scoraggino la partecipazione al funerale di persone provenienti dalle regioni in cui vi sono stati casi di contagio, così come dallo stringersi la mano in segno di condoglianze.

 

Un cartello con le istruzioni e le disposizioni del ministero della Salute verrà affisso al di fuori di ogni chiesa, nella bacheca delle comunicazioni.

 

Tra gli eventi diocesani di interesse pubblico in calendario nelle prossime settimane sono sospesi gli incontri della cattedra del confronto di lunedì 9, lunedì 16 e lunedì 23 marzo nella Sala Cooperazione di Trento e la serata con il professor Gregorio Vivaldelli di martedì 31 marzo al Palarotari. L'arcivescovo Lauro Tisi, da parte sua, invita le comunità di fedeli a vivere queste disposizioni con il massimo senso di responsabilità collettiva.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 27 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

28 ottobre - 17:47

Il rischio di impugnazione da parte del governo dell'ordinanza si è palesata quasi subito. Si è cercato, come più volte espresso dal presidente Maurizio Fugatti nel corso di una confusa conferenza stampa, di leggere tra le pieghe del Dpcm. Ora è arrivata la presa di posizione da Roma

28 ottobre - 17:23

Sono 100 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero, mentre 6 pazienti sono in terapia intensiva. Si prevede la riorganizzazione dell'ospedale di Rovereto per fronteggiare la recrudescenza dell'epidemia da Covid-19

28 ottobre - 15:31

Pauroso incidente lungo la strada provinciale 235, quattro persone coinvolte: i feriti elitrasportati in codice rosso all’ospedale Santa Chiara. Gravi disagi alla viabilità, sul posto sanitari, vigili del fuoco, carabinieri e polizia locale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato