Contenuto sponsorizzato

Costruire con il legno, abitare oggi è più confortevole che 20 anni fa

Tutti gli edifici devono avere prestazioni eccellenti per quanto riguarda i consumi per il loro riscaldamento. E' cosa nota che il legno sia un pessimo conduttore di calore. Questa sua caratteristica intrinseca consente agli edifici costruiti con questo materiale di raggiungere risultati efficaci in maniera molto naturale

Pubblicato il - 09 aprile 2020 - 13:41

TRENTO. Le abitazioni e gli edifici non residenziali oggi sono costruiti tenendo conto di parametri diversi rispetto al passato. In particolare, la normativa vigente prevede che le case garantiscano l’isolamento ottimale del calore all’interno.

 

Tutti gli edifici devono avere prestazioni eccellenti per quanto riguarda i consumi per il loro riscaldamento. E' cosa nota che il legno sia un pessimo conduttore di calore. Questa sua caratteristica intrinseca consente agli edifici costruiti con questo materiale di raggiungere risultati efficaci in maniera molto naturale.

 

Nel corso degli anni, il nostro paese ha visto una progressiva crescita del numero di abitazioni nuove costruite interamente in legno. L’attenzione dei proprietari di casa è richiamata da diversi fattori, primo tra tutti la possibilità di ridurre il proprio impatto ambientale.

 

Le tecniche impiegate per costruire con il legno sono sempre più sofisticate e consentono di raggiungere risultati che non hanno nulla da invidiare alle case tradizionali. Spesso si rivelano persino migliori e più performanti. Puoi trovare maggiori informazioni sul sito web degli esperti.

 

L’isolamento termico. La necessità di ridurre l’impatto dei consumi per il riscaldamento domestico è all'origine della normativa sulle prestazioni energetiche che si sviluppa su una scala da A a F. Le nuove costruzioni devono garantire prestazioni minime entro la classe C. In alcuni casi, specie nei comuni più attenti al tema della sostenibilità ecologica ma soprattutto quelli più freddi, i requisiti sono ancora più stringenti.

 

Del resto è noto che l’impatto sui consumi pro capite è determinato in larga parte dall’impiego di combustibile e altre risorse che servono per riscaldare le case durante la stagione fredda. Una buona casa in legno deve essere in grado di isolare il proprio interno in maniera efficace, così come ci si aspetta faccia una casa in muratura realizzata oggi.

 

Non è il solo legno di per sé a garantire l’isolamento termico e la perfetta coibentazione. Per ottenere risultati soddisfacenti è necessario provvedere a realizzare un cappotto termico così come si fa per gli edifici tradizionali.


Cosa spinge a scegliere il legno. In passato si riteneva che le case in legno fossero meno solide e robuste rispetto a quelle in muratura. L’equivoco dipende spesso dalla cattiva qualità delle costruzioni realizzate negli scorsi decenni. Spesso si trattava di case vacanze realizzate per essere abitate solo in un breve periodo dell’anno.

 

La ricca presenza di baite e rifugi montani presenti nel nostro territorio testimonia, invece, che queste strutture oltre a essere durature sono anche molto durature se sottoposte alla corretta manutenzione. Oggi si sceglie il legno come materiale di elezione anche per via delle ottime prestazioni in territori caratterizzati da un alto rischio sismico.

 

All’indomani del terremoto dell’Aquila, nel 2009, le costruzioni approntate come abitazioni d’emergenza hanno dimostrato una grande resistenza. L’elasticità dei pannelli in legno consente di dare maggiore stabilità alla struttura anche in presenza di importanti stress come quello sismico.

 

Le evoluzioni nella tecnica costruttiva. Oggi si può contare su una grande varietà di tecniche costruttive. Questo elemento rappresenta una novità sul territorio italiano, storicamente meno sviluppato per quanto riguarda la ricerca e lo sviluppo di nuovi metodi di lavorazione del legno a scopo edile.

 

Sempre più facilmente si possono trovare ditte specializzate nella realizzazione di edifici interamente in legno, personalizzabili e adattabili alle specifiche necessità. In base al tipo di progetto e alle esigenze territoriali, oggi in Italia è possibile realizzare lavori con diverse strutture portanti.

 

Lo X-lam, per esempio, rappresenta una delle scelte più apprezzate dai nuovi costruttori. Il vantaggio di questo metodo di costruzione è di velocizzare i tempi di cantiere. Tutti i pannelli che compongono la casa sono realizzati in fabbrica seguendo il progetto originale. Quindi i singoli elementi possono essere montati sul posto in poco tempo e con un intervento minimo da parte degli operai. La caratteristica di questo sistema è di impiegare legno lamellare in strati sovrapposti che conferisce perfetto isolamento e massimizza la resistenza in caso di terremoto.

 

Un’alternativa oggi disponibile, più sostenibile sul piano ambientale e più rispettosa della salute degli inquilini è il pannello Mhm. In maniera simile al pannello in X-lam, anche qui la struttura portante è realizzata con diversi strati di legno lamellare sovrapposti ma tenuti insieme da elementi d’acciaio. L’assenza di colle e altre sostanze volatili, rendono queste soluzioni perfettamente compatibili con la scelta ecologica tout court.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 13 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
14 aprile - 15:25
In Trentino sarebbe tutto pronto per il via libera alla ristorazione. Salvini: "Ho sentito l'assessore al turismo della Provincia di Trento, mi ha [...]
Politica
14 aprile - 16:13
Al Governo si chiede anche di fare pressione sulle autorità egiziane per la liberazione dello studente. Maestri: “C’è anche il sì di [...]
Cronaca
14 aprile - 15:23
All'interno delle 21 capanne allestite in un villaggio alla periferia di Niamey, è bastato poco affinché il rogo si propagasse velocemente. I [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato