Contenuto sponsorizzato

In Alto Adige arrivano i ''Tunnel degli abbracci'' per riavvicinare i parenti agli anziani delle Rsa

Sono 10 postazioni in plexiglas realizzate dalle aziende altoatesine Max Maglione Marketing&Communication e Imagink per le Residenze per Anziani gestite da Assb dell'Alto Adige che diventeranno operative nelle strutture altoatesine appena si potranno ricominciare le visite

Pubblicato il - 22 dicembre 2020 - 17:21

BOLZANO. Dieci postazioni in plexiglas realizzate dalle aziende altoatesine Max Maglione Marketing&Communication e Imagink per le Residenze per Anziani gestite da Assb dell'Alto Adige. 

 

In un momento tanto difficile, come quello che tutti stiamo vivendo e che ha colpito soprattutto la popolazione già fragile degli ospiti delle Residenze per Anziani e le loro famiglie, costrette dalle misure di protezione contro la diffusione del Covid-19, ad un lungo distacco, Assb ha accettato di buon grado la proposta dell'azienda bolzanina Max Maglione Marketing & Communication, che opera nel campo della comunicazione e pubblicità e della ditta Imagink, leader in Alto Adige per stampe in grande formato, per aver voluto realizzare assieme 10 strutture Cuboplex.

 

 

I “Tunnel degli abbracci” nascono sull’esempio di quanto già avviene in altre realtà italiane e permetteranno, una volta riaperte le Residenze alle visite, agli anziani residenti, alle loro famiglie e ai loro parenti, di poter finalmente godere tra loro di un contatto fisco in sicurezza. La direttrice di Assb Liliana Di Fede ha pertanto voluto ringraziare pubblicamente le aziende del territorio che hanno deciso di donare 4 delle 10 postazioni, una per ogni Residenza del capoluogo, mentre le altre 6 sono costate solamente il prezzo del materiale.

 

Oggi, martedì 22 dicembre, alle 11, si è tenuta, negli spazi esterni della Residenza per Anziani Villa Europa, in via Milano, la conferenza stampa per presentare il progetto. Alla conferenza hanno preso parte l’assessore alle politiche sociali del Comune di Bolzano, Juri Andriollo, il direttore della ripartizione servizi alla comunità locale, Carlo Alberto Librera, i rappresentanti delle due aziende che hanno realizzato i tunnel. In rappresentanza di Assb erano presenti la direttrice generale Liliana di Fede il direttore di ripartizione dei servizi residenziali e semiresidenziali, Matteo Faifer e la direttrice del Polo Residenziale Don Bosco Villa Europa Lucia Conci.

 

L’Assessore Juri Andriollo ha espresso l’auspicio di poter utilizzare le postazione degli abbracci non appena i referenti concederanno il nulla osta per riammettere parenti e famigliari all’interno delle residenze, ripristinando la possibilità di visita. A tal proposito la direttrice Di Fede ha ricordato che ai familiari è stato comunicato tramite newsletter che le operatrici e gli operatori in servizio ai piani delle Residenze per Anziani di Assb garantiranno in ogni caso una video-chiamata ad ogni residente con il o la parente di riferimento nelle giornate del 24, 25 e 26 dicembre.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

19 gennaio - 20:37

Le difficoltà in ambito scolastico sono molte a causa dell'emergenza Covid-19. A fronte delle enormi incertezze e il ricorso alla didattica a distanza, che non sempre incontra il gradimento di famiglie e studenti, molti studenti hanno comunque deciso di investire sul proprio futuro per un'esperienza formativa all'estero

20 gennaio - 15:57

Per tentare di eludere il controllo dei carabinieri un uomo e una donna, che trasportavano 10 panetti di cocaina, hanno presentato una falsa autocertificazione. Una volta scoperti entrambi sono stati denunciati per detenzione ai fini di spaccio e false dichiarazioni a pubblico ufficiale ma sono stati pure sanzionati per non aver rispettato le misure anti-Covid

19 gennaio - 13:58

Attraverso una serie di aziende cartiere creavano falsi crediti tributari che i clienti potevano comprare per diminuire i propri debiti verso l'erario. I soldi ottenuti venivano poi ripuliti all'estero tramite banche straniere

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato