Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, arrivano i gonfiabili per abbracciare gli anziani nelle Rsa

L'iniziativa arriva da un'azienda altoatesina. Un gonfiabile che permette di abbracciare i propri cari senza che ci siano rischi di contagio da coronavirus 

Pubblicato il - 24 November 2020 - 17:16

TRENTO. Sono molte le case di riposo che a seguito della recrudescenza della pandemia hanno interrotto le visite. Da diversi mesi, però, per evitare drammatici contagi all'interno delle strutture, i contatti con i famigliari sono stati limitati al massimo.

 

Misure fondamentali che però portano anche molta solitudine per la mancanza di quel contatto fisico che certe volte vale più di mille parole.

 

A pensare ad una soluzione è stata un'azienda di Bolzano, Visualis, che ha deciso di creare la “Stanza degli abbracci”, che permette agli anziani delle Rsa di abbracciare i familiari in tutta sicurezza.

 

Visualis è specializzata in gonfiabili per eventi di ogni tipo ed ha deciso in qualche modo di reinventarsi creando questo gonfiabile su misura pensato per le Rsa, in grado di far parlare e abbracciare gli anziani ospiti e i familiari in totale sicurezza, senza alcun rischio di contagio da Covid-19.

Insieme al partner piemontese, con il quale Visualis lo scorso marzo aveva lanciato soluzioni per le postazioni esterne di emergenza e le barriere per contenere le particelle di saliva, stavolta si è concentrato su chi, più di tutti, sta soffrendo il distacco e la solitudine: gli anziani ospiti delle Rsa.

 

“In questo delicato momento, abbiamo deciso, insieme al nostro storico partner, di mettere il nostro know how al servizio della comunità e dei più deboli – spiega Mauro Faggionato, imprenditore bolzanino e titolare di Visualis - sviluppando un prodotto che consente agli anziani ospiti delle Rsa di poter incontrare gli affetti più cari senza mettere ulteriormente a rischio la salute. Un prodotto altamente funzionale, che può essere gonfiato in appena due minuti, all’esterno o all’interno delle strutture per anziani, anche su misura. Una volta finito, si conserva in una sacca di dimensioni ridotte. A corredo, possiamo fornire anche sistemi igienizzanti per queste strutture”.

“Personalmente – prosegue Faggionato – ringrazio la Provincia e la mia associazione di rappresentanza, la Cna, che si è battuta e si prodiga quotidianamente per noi piccoli imprenditori, cercando soluzioni a questa grave crisi che ci sta colpendo. A testa alta, ci reinventiamo, andiamo avanti e cerchiamo anche di essere utili per la comunità”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

22 January - 11:05

L'Apss conferma l'errore: nell'ospedale di Rovereto sono state somministrate 12 dosi di soluzione fisiologica al posto dei vaccini. A dare la notizia eravamo stati noi de ildolomiti.it, senza ricevere alcuna risposta da parte delle autorità sanitarie. "Gli operatori sono stati informati. Non c'è nessun rischio per i soggetti coinvolti"

22 January - 11:36

Cna-Shv, che da diversi mesi è solerte partner del Comune capoluogo per elaborare misure innovative per la consegna delle merci in centro (piattaforma di interscambio e cargo-bike) e nei quartieri (delivery point presso attività commerciali esistenti), insiste sulla necessità di rendere fluida l’attività dei corrieri e dei mezzi aziendali, e la mobilità in generale, ma non certo per agevolare alternative al preziosissimo commercio di vicinato”

22 January - 05:01

Ad alcuni sanitari, invece della prima dose del vaccino, è stata somministrata per errore una semplice soluzione fisiologica. Ora, anziché presentarsi per il richiamo dovranno essere sottoposti a un test sierologico per capire chi ha ricevuto il vaccino e chi no (QUI L’AGGIORNAMENTO E LA CONFERMA DELL’ERRORE DA PARTE DELL’APSS)

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato