Contenuto sponsorizzato

Nonostante l'incertezza malghesi e caseifici di montagna scelgono di continuare e in quota si riparte con la produzione di Asiago Dop

Nell’Altopiano di Asiago e nelle zone montane della Provincia di Trento la produzione di Asiago Dop è un importante presidio degli aspetti ambientali e paesaggistici della montagna. E in questi giorni si torna in malga, nonostante la crisi e le paure legate al coronavirus, dove malghesi e casari, veri custodi del territorio, contribuisce a contrastare l’abbandono della montagna e a garantire la monticazione delle mucche tra boschi e pascoli d’alta quota

Pubblicato il - 20 maggio 2020 - 13:16

ASIAGO. Nonostante la grave incertezza del momento, malghesi e caseifici di montagna scelgono di continuare a svolgere la loro importante funzione di custodia ambientale e di promuovere i valori culturali e storici che rendono così unico questo territorio. Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago, infatti, annuncia la prossima riapertura della stagione di monticazione estiva nelle malghe produttrici di Asiago Dop dell’Altopiano di Asiago e dei territori montani della Provincia di Trento. 

 

Nell’Altopiano di Asiago e nelle zone montane della Provincia di Trento la produzione di Asiago Dop è un importante presidio degli aspetti ambientali e paesaggistici della montagna. Il lavoro di malghesi e casari, veri custodi del territorio, contribuisce a contrastare l’abbandono della montagna e la monticazione delle mucche tra boschi e pascoli d’alta quota, per i quattro mesi estivi, svolge un’importante funzione di conservazione della biodiversità. Proprio il mantenimento del delicato equilibro naturale del territorio montano in quello che è riconosciuto il più importante sistema di malghe dell'intero arco alpino d’Europa rende così unico e importante il legame tra Asiago DOP e il suo territorio d’origine.

 

Una rilevanza che fa di questa tipicità d’altissima qualità, che nasce da fattori naturali come l’ambiente geografico, il clima, la vegetazione uniti alle tecniche di produzione tramandate nel tempo, un vero volano economico capace di dare lavoro a migliaia di persone impiegate negli alpeggi e nel loro indotto di ristorazione e turismo montano, oggi duramente colpito.

 

Il Consorzio Tutela Formaggio Asiago lavora per mantenere viva la produzione dell’alpeggio estivo e diffondere la sua conoscenza in Italia e all’estero. L’impegno nella tutela e valorizzazione del lavoro di malghe e caseifici di montagna ha portato al riconoscimento dell’Asiago Prodotto della Montagna, divenuta, nel 2006, la prima Dop italiana insignita dall’Unione Europea di questa menzione. Prodotto esclusivamente sopra i 600 metri d’altitudine secondo un rigido disciplinare nel quale le bovine vengono prevalentemente alimentate con erba fresca di pascolo, l’Asiago Dop Prodotto della Montagna, già riconosciuto, nella stagionatura Stravecchio, di oltre 18 mesi, Presidio Slow Food, ha visto, in quindici anni di tutela, la costante crescita del numero di soci produttori, oggi il 41% sul totale, ed è diventata occasione unica di promozione e valorizzazione del genius loci del territorio montano.

 

“Difendere e preservare la biodiversità – afferma Fiorenzo Rigoni, Presidente del Consorzio Tutela Formaggio Asiago – non è solo un obbligo verso le future generazioni ma un vero investimento sugli elementi che distinguono le produzioni d’eccellenza del Made in Italy come Asiago Dop. Per questo, la riapertura delle malghe è un messaggio di responsabilità e di continuità nel segno della qualità che, come Consorzio, vogliamo dare in un contesto molto difficile e insidioso''.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 29 ottobre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

30 ottobre - 13:09

L'assessore Widmann: "In due settimane la situazione è completamente cambiata. Si deve considerare che per ogni positivo in media ci sono tra i 20 e i 30 contatti: 350 infezioni significa circa 10 mila contatti e diventa necessario variare strategia perché è impossibile rintracciare tutti". L'ordinanza valida da sabato 31 ottobre

30 ottobre - 11:34

Il rapporto contagi/tamponi sale al 13,85%. Rispetto a ieri ci sono 700 persone in più che si trovano in isolamento domiciliare

30 ottobre - 11:02

L'incidente è avvenuto in campagna all'altezza della Maza, in azione la macchina dei soccorsi tra personale sanitario, vigili del fuoco di zona e polizia locale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato