Contenuto sponsorizzato

Proverbi e modi di dire come non li avete mai visti (FOTO): la saggezza popolare diventa un poster. Ecco le illustrazioni di 25 giovani artisti

“En zo rudola anche i sassi”, “Ogni mes se fa la luna, ogni dì se ne ‘mpara una” e ancora “Le robe fate per forza no le val na scorza” questi sono solo alcuni dei vecchi proverbi che 25 giovani artisti hanno trasformato in poster

Di Tiziano Grottolo - 07 maggio 2020 - 16:44

TRENTO. Coloratissimi e immediati sono i poster realizzati in pieno lockdown da 25 studenti che hanno partecipato all’All Right Pait Workshop, un gruppo di lavoro guidato dal Graphic Designer trentino Matteo Campostrini e dal docente Stefano Borgogno. Ragazzi e ragazze fanno parte del biennio 2020 del corso TAG-Trentino Alta Formazione Grafica.

 

 

Come i libri, i film e la musica, anche i poster raccontano storie – fanno sapere i docenti che hanno guidato il gruppo – ma diversamente da questi i poster hanno il difficilissimo compito di raccontarti quella storia in un battito di ciglia”.

 

LE FOTO. La saggezza popolare diventa un poster: ecco come 25 studenti hanno reinterpretato i modi di dire della saggezza popolare trentina

Insomma tutto si condensa in uno spazio molto ridotto dove l’immediatezza è fondamentale, in altre parole tutto è concentrato “in un unico grande foglio di carta che in pochi secondi deve sorprenderti, conquistarti e farsi spiegare da solo”. È proprio per questo che il poster rappresenta uno dei medium più efficaci ma anche più difficili da domare nell’armamentario di un Graphic Designer: “Che sia su uno schermo o su un muro, il poster porrà una domanda nei tuoi occhi e la risposta nella tua testa”.

 

I giovani apprendisti, dopo una prima parte teorica concentrata sull’evoluzione dei poster illustrativi, che ritrovano i loro pionieri nella Polonia e nella Cuba degli anni ’60, si sono cimentati con una sfida estremamente complessa: visualizzare un proverbio trentino in un poster illustrativo. Modi di dire e locandine presentano caratteristiche comuni: “Similmente ai poster – osservano gli ideatori del corso – anche i proverbi hanno il compito di condensare in poche parole piccole saggezze, verità, consigli”.

 

Per lavorare sulle proprie origini non solo linguisticamente ma anche visivamente, agli studenti è stato imposto l’obbligo di lavorare “con le proprie mani”: due tools importantissimi troppo spesso sprecati a pigiare i tasti di una tastiera. Ogni elemento dei poster dunque, sia questo testo o illustrazione, è stato prodotto ad hoc dagli studenti stessi, sia in analogico che in digitale. È così che alcuni modi di dire come: “En zo rudola anche i sassi”, “Ogni mes se fa la luna, ogni dì se ne ‘mpara una” e ancora “Le robe fate per forza no le val na scorza”, hanno preso vita impressi in magnifiche locandine.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 aprile 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
20 aprile - 20:52
Emergono le prime misure contenute nella bozza del prossimo decreto legge per fronteggiare l'emergenza Covid. Alcune modifiche potrebbero [...]
Cronaca
20 aprile - 20:27
Trovati 85 positivi, comunicati 4 decessi nelle ultime 24 ore. Sono state registrate 145 guarigioni. Sono 1.278 i casi attivi sul territorio [...]
Cronaca
20 aprile - 19:46
La diminuzione dei contagi consente una rimodulazione all’interno delle strutture sanitarie provinciali, con la possibilità per Borgo e Tione di [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato