Contenuto sponsorizzato

''Un soccorso in montagna di eccellenza'' Walter Cainelli è alla guida del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino

I capostazione e i vicecapostazione delle 33 stazioni territoriali, i delegati e i vicedelegati delle 8 zone amministrative del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino hanno eletto il nuovo presidente. Con 53 voti favorevoli su 60, Walter Cainelli è il nuovo volto del Corpo provinciale. Tra i principali nuovi obiettivi ci sono il rafforzamento della collaborazione con la Centrale Unica Emergenza e la strutturazione del gruppo tecnico "Ricerca dispersi”

Di Laura Gaggioli - 12 dicembre 2020 - 19:33

TRENTO. Cambio alla guida per il Soccorso Alpino e Speleologico della provincia di Trento. Walter Cainelli, già membro del consiglio direttivo come delegato di zona Trentino Centrale, dopo le dimissioni di Mauro Mabboni della scorsa estate, è il nuovo volto del Corpo trentino. Durante l’assemblea provinciale tenutasi nella serata di venerdì 11 dicembre, i capostazione e vice-capostazione delle 33 Stazioni territoriali, i delegati e i vice-delegati delle 8 zone amministrative, hanno eletto il nuovo presidente con 53 voti favorevoli su 60 degli aventi diritto di voto. Nella stessa assemblea si è proceduto poi anche all'elezione di Massimo Cristino alla carica di vicepresidente, in coordinamento con l'altro vicepresidente, Johnny Zagonel.

 

Walter Cainelli, già socio del Soccorso Alpino e Speleologico Trentino dal 1995, è stato già vicepresidente tra il 2006 e il 2009 e tra il 2009 e il 2012. Attualmente, oltre ad essere delegato di zona, è anche coordinatore del gruppo tecnico Unità Cinofile. Entrambi questi ruoli, incompatibili con la carica di Presidente, verranno assegnati ad altri entro il prossimo febbraio

"Ringrazio l'assemblea per la fiducia che ha riposto in me e Johnny Zagonel, per il lavoro svolto in questi mesi nel traghettare la nostra organizzazione verso nuove elezioni - ha dichiarato Cainelli - nel corso di questo anno lavorerò a stretto contatto con tutto il consiglio direttivo per portare a termine il riconoscimento della nostra associazione come ente di Terzo Settore e la sua riorganizzazione secondo il Modello previsto dal Decreto legislativo 231 del 2001, un vero e proprio sistema di gestione e di controllo preventivo dei rischi. Inoltre, continueremo a lavorare per garantire alla popolazione trentina e ai turisti che visitano la nostra provincia un servizio di soccorso in montagna di eccellenza. Tra i principali obiettivi ci sono il rafforzamento della collaborazione con la Centrale Unica di Emergenza, grazie all'affiancamento di una nuova figura professionalmente formata, e la strutturazione del gruppo tecnico Ricerca Dispersi".

 

Il nuovo vicepresidente, Massimo Cristino, già delegato di zona Non e Sole, ringraziando, commenta: “Continuerò a impegnarmi all'interno del gruppo dirigenziale per raggiungere gli obiettivi che ci siamo posti nei mesi scorsi, entro la data di scadenza di questo mandato previsto per febbraio 2022”.

Il Vicepresidente Johnny Zagonel: «È stato un onore per me guidare questa associazione nei mesi passati. Accolgo con favore l'esito di questa votazione, segnale importante di unità del movimento e della volontà di proseguire un percorso iniziato nel 2019».

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 19 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

20 gennaio - 19:22

Il Trentino è il territorio più penalizzato dai tagli sulle forniture operati da Pfizer: calo del 60% sulle dosi. Segnana: Possiamo comunque garantire la continuità delle vaccinazioni a coloro che si erano prenotati, compresi i volontari delle Croci. Poi inizieremo a fare la seconda dose”

20 gennaio - 18:12

Sono state registrare 29 dimissioni e 278 guarigioni. Il numero dei pazienti ospedale scende sotto le 300 persone. Analizzati quasi 4 mila tamponi. Sono state confermate 80 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

20 gennaio - 19:12

Nell'ultimo confronto Stato-Regioni si è parlato dei tagli della Pfizer nella fornitura dei vaccini: "Abbiamo manifestato il nostro sconcerto". Un altro argomento è stato quello dei ristori. "Auspichiamo che il governo in carica sappia rispettare gli accordi presi con le categorie economiche. Non ci sono ancora garanzie e questo ci preoccupa". Il punto sui test salivari

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato