Contenuto sponsorizzato

Una lettera d'amore tappezza i muri di Borgo. "Non posso dire di aver perso se prima non lotto a denti stretti"

In giro per Borgo Valsugana sono comparsi dei fogli in cui un ragazzo esprime tutto il suo dispiacere per essere stato lasciato e la volontà di lottare per far ritornare l'amata nella sua vita. La dichiarazione d'amore si conclude con la speranza che la lettera venga letta dall'interessata, ma intanto i passanti potranno far volare l'immaginazione su chi sia l'autore, la ragazza e sulle dinamiche che hanno portato a questo gesto spassionato

Pubblicato il - 25 giugno 2020 - 16:42

BORGO VALSUGANA. E' apparso sotto i portici di Borgo. Una lettera di scusa, una dichiarazione d'amore ad una persona persa ma che non si vuole perdere. Il foglio, contenente il messaggio romantico, è stato appeso in più parti della città, sempre uguale, sempre intriso della speranza e dell'ardente desiderio che tutto si rimetta “al suo posto” e che il dolore del distacco venga lenito dalla gioia di una relazione ripresa.

 

 

Cominciata con le scuse verso i padroni delle case “tappezzate” dal messaggio, la lettera esprime tutto il sentimento dell'autore, probabilmente (per sua stessa ammissione) protagonista di un fatto spiacevole, foriero della rottura. “Sono un ragazzo semplice, forse complesso o forse entrambi – si legge – un po' vecchio stile, di quelli che credono che l'amore sia romanticismo e che si debba lottare fino alla fine per esso. Ora mi trovo nella posizione di dover lottare a denti stretti per riuscire a far rientrare la persona che amo nella mia vita, certo, non mi troverei di fronte a questa sfida se avessi mantenuto un comportamento impeccabile, ma così non è stato”.

 

 

Questa dichiarazione d'amore, secondo il nostro giovane innamorato, non è però che la dimostrazione di un sentimento che cancella qualsiasi sgarro. Una manifestazione spassionata e autentica di un incommensurabile amore. “Personalmente penso che ci siano errori che difficilmente si possono perdonare, forse il mio è uno di questi – confessa – o forse no, ma sono convinto che ci siano amori che sono più forti di certi sgarri, amori che se sei distante ti manca il fiato, di quelli che non riesci a dormire la notte quando le cose non vanno bene e gli stessi che l'unica cosa che riesci a mangiare è l'aria che respiri”.

 

La fantasia del lettore o della lettrice, dunque, non possono che riempire l'immaginazione, una volta letto il messaggio. Cosa avrà mai fatto il giovane per “mettere una pezza” del genere, romantica sì ma dettata dal senso di colpa? “Ho amato, ho amato molto e amo tutt'ora moltissimo – si legge ancora – però allo stesso tempo ho perso e qui arriva il problema principale, non ho nessuna intenzione di perdere l'amore della mia vita. Non posso dire di aver perso se prima non provo a lottare a denti stretti per ciò che amo, perché sono disposto a lottare fino a quando non ho più ossigeno e stringere i pugni fino a sentire le unghie penetrare sottopelle”.

 

Resta ora da capire se l'amata davvero finirà per leggere questo messaggio. “Se mai lei lo leggerà, capirà”, conclude.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:21

La diffusione del virus Comune per Comune: a Rovereto 11 casi, 8 a Trento. La Provincia di Trento maglia nera fra i territori italiani per quanto riguarda l’incidenza. Ecco la mappa dei contagi sul territorio

27 settembre - 18:22

Davide Bassi, ex rettore dell'Università di Trento, di fronte alla crescita dei contagi in Regione nelle ultime settimane, si è interrogato sulle modalità di somministrazione dei tamponi. Farne tanti è infatti sempre una garanzia di una più efficace strategia di contenimento del virus? La risposta è scettica e fa riflettere sul modo con cui la Giunta Fugatti ha comunicato in questi mesi di emergenza. "Non serve farne tanti ma alle persone giuste"

27 settembre - 19:55

Continuano a crescere in Alto Adige i casi di strutture scolastiche e per l'infanzia costrette a chiudere per l'insorgenza di contagiati tra gli alunni. Dopo i due nuovi positivi riscontrati in due istituti superiori di Bressanone e la chiusura per 2 settimane del Gandhi di Merano, anche l'asilo Moos di Sesto dovrà chiudere i battenti per la sanificazione. 13 i bambini in isolamento, assieme al personale della materna

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato