Contenuto sponsorizzato

Coronavirus, dalla pandemia sempre più poveri. Aumentano le famiglie senza soldi per mangiare e vestirsi, la Croce Rossa di Trento in campo per l'emergenza

In via Muredei il Comitato di Trento della Croce Rossa gestisce un magazzino viveri e un altro con il vestiario. Grazie all'impegno dei volontari ad oggi sono una sessantina le famiglie che vengono aiutate. "La pandemia ha fatto aumentare la povertà e le richieste di aiuto. Cerchiamo di agire nella maniera più concreta possibile per chi non ha più nulla'' 

Di Giuseppe Fin - 29 aprile 2021 - 06:01

TRENTO. C'è chi entra nel magazzino con lo sguardo abbassato, quasi imbarazzato, chi invece attende seduto con il proprio figlio piccolo sulle ginocchia e chi invece guarda silenzioso quello che gli accade intorno nella speranza di fare presto.

 

Giovani, vecchi, intere famiglie, operai che la pandemia ha lasciato dietro di sé senza più nulla. Non c'è distinzione tra trentini e stranieri, sono il nuovo esercito di poveri che trovano una scialuppa di salvataggio nell'impegno messo dal Comitato di Trento della Croce Rossa.

 

L'organizzazione, fondata nel 1984, in via Muredei ha due magazzini con all'interno cibo e vestiario e grazie ai quali sta assistendo una sessantina di famiglie. Le porte si aprono in tutti i mercoledì del mese dalle 15 alle 17 e in un sabato dalle 10 alle 12. “Ci sono i nostri volontari che accolgono a cercano di rispondere ai bisogni delle persone” ci racconta Carolina Marangoni, responsabile delle attività sociali e che coordina anche questo importante servizio.

 

Il cibo è ordinato sugli scaffali. Ci sono pacchi di pasta, riso, barattoli di piselli e fagioli, pelati, farina ed ogni tipologia ha la sua etichetta con la scadenza. Sono tutti prodotti a lunga conservazione. Ma di recente sono arrivate anche delle casse di patate e di mele.

 

“Prepariamo dei pacchi di viveri che poi consegniamo alle persone. Sono tutti prodotti che ci sono stati donati da associazioni o singoli cittadini” ci spiega Carolina Marangoni. Una parte dei viveri arriva anche da Fead, il Fondo di aiuti europei agli indigenti.

Lo stesso vale per il magazzino dove ci sono i capi di abbigliamento. Qui vengono consegnati giacconi, pantaloni, maglie, in questo caso a seconda dei bisogni delle persone. Sono capi donati da alcune grosse aziende, difficile con la pandemia portare avanti, per motivi di sicurezza, le raccolte dei privati.

“Da quando è arrivato questo virus – ci spiegano dalla Croce Rossa – le persone che ci chiedono aiuto sono aumentate tantissimo. Arrivano da noi perlopiù indirizzati dai Servizi sociali del Comune ma comunque cerchiamo di aiutare sempre tutti e l'impegno che ci mettiamo è davvero tanto" il tutto supportato da una rete di realtà cittadine che è cresciuta nel tempo.

A chiedere aiuto sono sempre più giovani famiglie con bimbi piccoli e con genitori che purtroppo hanno perso il lavoro e non sanno più come arrivare a fine mese. Ci sono poi gli anziani che con la loro pensione cercano di aiutare i figli e magari anche i nipoti rimanendo, però, loro senza il necessario per vivere. 

 

Il magazzino della Croce Rossa in via Muredei vede l'impegno di una sessantina di volontari. C'è poi un altro importante progetto portato avanti ogni domenica. Quello dell'Unità di Strada. Alcuni volontari girano la città per raggiungere le persone senza tetto portando loro del mangiare, una parola di conforto e cercano soprattutto di capire i bisogni che possono esserci. Un servizio prezioso e soprattutto concreto.

 

“Qui in Croce Rossa – ci dice Carolina Marangoni - cerchiamo di essere i più concreti possibile per dare risposte alle persone e fornire un aiuto. La pandemia ci ha messo davanti a nuove sfide, sempre più dure, ma assieme ai volontari e alla rete di associazioni che si è creata a Trento con il passare del tempo riusciamo ad affrontarle”.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 15 settembre
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Politica
16 settembre - 12:36
La norma che prevede la partecipazione della Pat in Itas Mutua è stata impugnata dal governo. Già la Procura della Corte dei conti aveva [...]
Cronaca
16 settembre - 12:20
L’obbligo di Green pass per andare al lavoro scatterà dal 15 ottobre. L’Italia è il primo Paese ad adottare una decisione di questa portata. [...]
Cronaca
16 settembre - 12:42
Il decesso è stata constatato dal medico legale e sono state avviate poi le difficili operazioni di recupero della salma. La donna era [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato