Contenuto sponsorizzato

"Non discriminare i senzatetto con cane", l'appello dell'Oipa alle strutture di accoglienza

Secondo l'Oipa sono ancora troppo poche le strutture che accolgono i clochard accompagnati dai propri animali. L'appello è quello di trovare una soluzione per cambiare questa situazione, per esempio creando delle sezioni dedicate o delle strutture dove lasciare gli animali

Di M.Sartori - 18 gennaio 2021 - 17:23

TRENTO. Aprite i centri d’accoglienza anche ai clochard con i cani”, questo l’appello dell’Oipa (Organizzazione Internazionale protezione animali). Il tema dei senzatetto è stato molto dibattuto negli ultimi tempi in Trentino, data la mancanza dei posti a necessari ad ospitare tutti i bisognosi in sicurezza. A questa problematica si aggiunge anche quella dei clochard accompagnati dai propri compagni a quattro zampe, che spesso vengono rifiutati a causa della presenza di quest’ultimi (come per esempio la storia di Alex e Ares). 

 

Il problema, già grave in situazioni di normalità, peggiora durante l’inverno, quando, per non abbandonare il proprio animale da compagnia, molti senzatetto sono costretti a dormire all’aperto, esposti al freddo e alle intemperie. Infatti sono ancora troppo pochi i centri d’accoglienza e le mense sul territorio nazionale che accolgono anche i cani, molti ne impediscono l’entrata.

 

“Imporre agli assistiti questa condizione, inaccettabile per chi sa cosa significhi amare e proteggere il proprio animale, equivale a condannarli ad ammalarsi o, peggio, a morire di freddo - osserva il presidente dell’Oipa, Massimo Comparotto -. Inoltre, condizionare l’offerta di un letto e di una coperta sotto un tetto, o di un pasto caldo, all’abbandono del proprio cane fuori la struttura significa mettere a repentaglio anche la vita del cane. E dire che l’abbandono di un animale è condannato dal codice penale”.

 

L’alternativa proposta dall’Oipa è quella di accogliere i senza fissa dimora nelle strutture, se necessario creando dei settori dedicati o delle strutture dove i padroni possano lasciare i propri compagni a quattro zampe al caldo e in sicurezza. Inoltre l’Oipa propone di estendere la cortesia del pasto anche agli animali, offrendo anche a loro vitto gratuito, magari mettendosi d’accordo con delle aziende produttrici di cibo per animali. Un esempio di questo comportamento è dato dalla stessa Oipa, che a Milano distribuisce pasti ai cani dei clochard, oltre che assistenza veterinaria e comportamentale.

 

Non crediamo sia una cosa difficile da realizzare - continua Comparotto -. Solo non discriminando i clochard con cane da quelli senza cane le organizzazioni caritatevoli potranno davvero definirsi tali. Il nostro è un appello accorato che speriamo venga accolto da quante più strutture possibili. C’impegniamo a dare notizia delle strutture che l’avranno fatto”.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 5 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

06 marzo - 05:01

E' il Trentino il territorio che ha registrato in Italia il maggior eccesso di mortalità nel periodo ottobre-dicembre 2020 (+65,4%). Su tutto l'arco dell'anno, invece, la Provincia di Trento è seconda solamente alla Lombardia, con un 29,9% in più rispetto al 36,6% registrato dal vicino lombardo

 

05 marzo - 20:24

Sono 227 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 3 decessi. Sono 83 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

05 marzo - 19:50

E' emerso un focolaio allo studentato, 8 ragazzi a San Bartolameo sono risultati positivi e sono in corso in particolare le verifiche su un’altra quarantina di persone. Non si esclude che la diffusione di Covid sia riconducibile a una variante

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato