Contenuto sponsorizzato

Ottanta tablet e dieci Pc per gli studenti trentini, il Rotary Club in aiuto della scuola

Una generosa donazione da parte del Rotary Club metterà a disposizione degli studenti gli strumenti necessari a proseguire al meglio la Dad. Il vice presidente Tononi: "Sappiamo che è solo una goccia nel mare, ma speriamo che possano essere un aiuto concreto per le famiglie"

Di Mattia Sartori - 31 marzo 2021 - 12:46

TRENTO. Questo è il momento di aiutare”, queste le parole della presidente del Rotary Club Trentino Barbara Fedrizzi, che stamattina ha presentato la nuova iniziativa promossa dal gruppo. Il Rotary ha infatti deciso di regalare ottanta tablet e dieci computer portatili alla scuola trentina, perché vengano distribuiti tra gli studenti che ne hanno bisogno.

 

“Siamo molto grati al Rotary Club per questa iniziativa – dichiara l’assessore Mirko Bisesti -. Azioni come queste testimoniano la vocazione del mondo delle imprese e del Trentino in generale al supporto di uno degli organi fondamentali del nostro territorio: la scuola. I dispositivi donati saranno fondamentali per dare supporto agli investimenti già fatti dalla Provincia, laddove persistano delle situazioni di difficoltà”.

 

La distribuzione di tablet e pc verrà lasciata in mano alla Provincia che provvederà ad individuare, tra le scuole che ne hanno fatto richiesta, quelle dove siano presenti gli alunni più bisognosi di questo tipo di supporto.

 

Sappiamo che è solo una goccia nel mare – afferma il vice presidente del Club, Corrado Tononi -, ma speriamo che possano essere un aiuto concreto per le famiglie. Abbiamo anche deciso di puntare su dispositivi di un certo livello, in quanto ci hanno spiegato che altrimenti si rischia di creare più problemi di quanti se ne risolvano. Ci teniamo anche a ringraziare Trentino Digitale per il supporto offerto, grazie al loro aiuto gli strumenti saranno utilizzabili dopo qualche giorno dalla consegna”.

 

Trentino Digitale si è infatti offerto di provvedere al supporto tecnico dell’operazione, fornendo agli studenti router e sim dati con 100 Giga di traffico al mese, una risorsa fondamentale per proseguire con la didattica a distanza.

 

Entusiasmo anche da parte della sovrintendente scolastica, Viviana Sbardella, e dal direttore generale del Dipartimento Istruzione e Cultura, Roberto Ceccato. Secondo loro infatti questi strumenti non saranno utili solo nell’ottica della pandemia, ma si riveleranno fondamentali anche in futuro.

 

Il futuro della scuola è digitale – dichiarano –. L’emergenza sanitaria ha messo in evidenza questo fatto. L’istruzione non può più esimersi dall’utilizzo quotidiano di strumenti digitali e quindi bisogna assicurarsi di fornirli anche ai ragazzi per garantire loro il diritto ad essere educati nel miglior modo possibile”.

 

La scuola è di tutti, fa parte della comunità. Gesti come questo a supporto dell’istruzione non contribuiscono solo al bene dei ragazzi, ma a quello di tutti, aiutando a creare un futuro sempre migliore per la nostra Provincia”, conclude la sovrintendente Sbardella.

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione del 23 maggio 2022
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
23 maggio - 19:13
Il bilancio del comune dopo i grande evento di venerdì sera. Per tutti è stato chiaro che è andato davvero tutto bene perché si è trattato di [...]
Politica
23 maggio - 16:30
L’esponente di Fratelli d’Italia è intervenuta sulle “pesanti ingiurie da parte dello staff della sicurezza” dicendosi “profondamente [...]
Cronaca
23 maggio - 17:44
Secondo una prima ricostruzione l’uomo alla guida di un’Alfa che stava procedendo in direzione sud, verso Rovereto, non si è fermato a un [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato