Contenuto sponsorizzato

Brentonico, cani e gatti entrano in biblioteca

Una delibera di giunta toglie il divieto, anche gli amici a quattro zampe potranno entrare in biblioteca

Pubblicato il - 06 settembre 2016 - 10:40

BRENTONICO. Un cartello è stato affisso all'ingresso della biblioteca, con il timbro ufficiale del comune ma anche con un pizzico di ironia: "Hai mai visto un animale che legge?", e sotto l'immagine di un cane e di un gatto (con gli occhiali)  la scritta in rosso che recita: "Noi qui siamo i benvenuti". Nella sala lettura di Brentonico gli amici a quattro zampe possono finalmente entrare. Non era certo una loro esigenza potere avere accesso agli scaffali ricolmi di letteratura, "l'esigenza è degli utenti - sorride l'assistente del bibliotecario - soprattutto in estate i turisti erano costretti a lasciare il loro cane all'esterno, legato a un palo". La ciotola per l'acqua però ancora non c'è, "ma ci attrezzeremo anche per questo" assicura la responsabile della biblioteca. 

 

Sulla necessità di estendere anche ai gatti il privilegio dell'accesso alla biblioteca, l'assistente giura di aver visto un gatto al guinzaglio. "Ne ho visti addirittura due l'estate scorsa", afferma sorridendo. La decisione di togliere il divieto di accesso per gli animali è stata presa in un conchiuso di giunta, su proposta dell'assessore alla cultura Quinto Canali. "Ovvio che i proprietari degli animali dovranno essere rispettosi del luogo e degli altri utenti", chiarisce l'assessore. 

 

 

 

 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 12 giugno 2021
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
In evidenza
Cronaca
14 giugno - 11:40
Sono 152 milioni, secondo le stime dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro, i bambini tra i 5 e i 17 anni vittime del lavoro minorile. In [...]
Cronaca
14 giugno - 11:22
Un morto e un ferito sul versante valtellinese del Gran Zebrù: due alpinisti sono rimasti coinvolti in un incidente a 3mila metri di quota. Dopo [...]
Cronaca
14 giugno - 11:02
La giovane si scusa per il video che ha già tolto dal suo profilo. "Non voleva essere assolutamente un'offesa al monumento a Battisti e nemmeno [...]
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato