Contenuto sponsorizzato

E voi l'avete vista? Una meteora attraversa i cieli del Trentino

Una forte luce verde ha illuminato il cielo in direzione Est questa notte intorno alle 23.10. Un vero spettacolo

Pubblicato il - 31 maggio 2017 - 10:08

TRENTO. Per gli abitanti di Trento è apparso sopra la Marzola, poco dopo le 23. Una lunga scia gialla e verde e una luce impressionante ha attraversato il buio del cielo. Chi ha avuto la fortuna di alzare la testa verso Est questa notte ha visto un piccolo grande spettacolo.

 

Nessun marziano, nessun disco volante. E' passato, infatti, sopra i cieli del Centronord Italia una meteora che si è disintegrata nell'atmosfera addirittura provocando anche un forte boato avvertito soprattutto tra Veneto ed Emilia Romagna.

 

La meteora è stata avvistata anche in città come Venezia, Vicenza, Verona, Genova, La Spezia, Firenze e Ancona. In tutto il Centro Nord ci sono stati avvistamenti e sui social è impazzato il tam tam dell'"avete visto anche voi"? 

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 02 marzo 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

03 marzo - 05:01

In Alto Adige l'Azienda sanitaria ha denunciato i partecipanti alla messa in scena dove si consiglia di utilizzare vitamina Ce D, estratti di erbe e si parla di buona respirazione e sana alimentazione mentre si mette tra virgolette la parola vaccini anti Covid. Tra loro anche il dottor Cappelletti. Il presidente dell'Ordine del Trentino: ''Decisamente stupito per una presa di posizione così contraria alle raccomandazioni che la classe medica dovrebbe dare in questa fase. Così si confonde la popolazione''

02 marzo - 20:08

Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicato 1 decesso. Sono 61 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività

02 marzo - 19:51

In Italia il 54% dei contagi è legato alla variante inglese, il 4,3% a quella brasiliana e lo 0,4% a quella sudafricana. A Brescia, per la prima volta, isolata quella nigeriana. L’Iss: “In un contesto in cui la vaccinazione non ha ancora raggiunto coperture sufficienti, la diffusione di mutazioni a maggiore trasmissibilità può avere un impatto rilevante se non vengono adottate misure di mitigazione adeguate”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato