Contenuto sponsorizzato

Ius soli, la Lega: "Serve un severo test di italiano". Ma poi su qual è anche Divina "mette l'apostrofo"

RepubblicaTv ha fatto un servizio facendo a cinque senatori della Lega alcune domande base per verificare la loro "italianità". Tanti gli scivoloni, anche se il "nostro" senatore è tra i meno peggio

Pubblicato il - 23 giugno 2017 - 17:21

TRENTO. Si parla di ius soli, di cittadinanza, di italianità e di cultura italiana. E chi meglio dei parlamentari della Lega Nord possono esprimersi sul tema? La Repubblica è andata davanti al Parlamento per parlare con i nostri rappresentanti leghisti e a chieder loro cosa ne pensassero. "La cittadinanza non è un regalo ma un valore importante che dev'essere perseguito dopo un percorso di condivisione della nostra cultura e identità", spiega il senatore Paolo Arrigoni agli operatori di RepubblicaTv.

 

Ok, ma come si certifica l'italianità? Con un test che "non deve essere fatto all'acqua di rose - specifica Arrigoni -. Purtroppo molti cittadini chiedono ed acquisiscono la cittadinanza senza nemmeno sapere l'italiano". "Tutti i paesi chiedono un test, a partire dalla grande Germania - gli fa eco il nostro Sergio Divina -. Tu vuoi chiedere la cittadinanza? Dimostra di conoscere minimamente il posto dove sei arrivato". E allora via alle domande a quattro senatori leghisti: Arrigoni, Divina, Candiani, Nunziante e Centinaio.

 

Qual è si scrive con o senza apostrofo? "Con l'apostrofo" spiegano tutti (si salva solo Arrigoni) e tra loro anche lo stesso Divina. "Primo presidente eletto della Repubblica Italiana?" Divina si incarta: "De Nicola non so se è stato il primo presidente eletto. Dopo De Nicola chi arriva?". La risposta corretta era Luigi Einaudi infatti De Nicola è stato sì il primo presidente della Repubblica ma non eletto. 

 

Meglio Divina va sulle risposte di letteratura su Foscolo e Manzoni (chi sono gli autori de "I sepolcri" e de "Il 5 maggio") e sull'articolo 3 della Costituzione "che è quello che parla di eguaglianza", commenta il nostro senatore che alla fine non sarà nemmeno tra i peggiori (Nunziante non risponderà a niente e anche Candiani si divincolerà dall'intervistatore temendo il trappolone). Insomma il pool di leghisti è rimandato a settembre, per quanto riguarda il test di italianità. Qualche anno fa non ne avrebbero fatto un problema, quando chiedevano la secessione dal Bel Paese. I tempi adesso sono cambiati. C'è da sapere più cose, c'è da studiare.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 25 febbraio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 febbraio - 12:36

Continua a correre il contagio da Coronavirus in Alto Adige. Sono 350 le persone risultate positive nelle ultime 24 ore. Ancora pesante il bilancio dei decessi. Con gli ultimi 7 il numero di vittime in questa seconda fase sale a 730

26 febbraio - 10:41

E' polemica attorno alla scelta di un liceo di Thiene di dar vita a un "gruppo di confronto e scambio Lgbt". Dopo le richieste di una madre e blogger di bilanciare con "uno spazio su eterosessualità e famiglia tradizionale" è intervenuta anche l'assessora regionale all'Istruzione Elena Donazzan: "Inopportuno e forzato trattare un tema così delicato"

26 febbraio - 11:01

In Trentino Alto Adige la relazione della Dia fa riferimento a soggetti riconducibili alla criminalità mafiosa che mantengono un basso profilo al fine di sviluppare le proprie attività, principalmente incentrate sul reimpiego di capitali in attività lecite. L'’operatività di affiliati alla ‘ndrangheta è emersa in Trentino e in Alto Adige già a partire dagli anni ‘70

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato