Contenuto sponsorizzato

Manca la cultura dell'andrologo e senza la visita di leva molte patologie non vengono trovate. L'Apss: "Lavoriamo con l'assessorato per un controllo prima dei 18 anni"

Gli inquinanti ambientali, i fitofarmaci, gli ftalati, il fumo, l'abuso di carni rosse e alcol riducono la fertilità e 'femminizzano' il maschio anche in Trentino. Tommaso Cai (Apss): "Il pene è più piccolo, i testicoli si sono ridotti in volume. Il sesso a rischio può provocare danni alla fertilità"

Di Luca Andreazza - 14 March 2017 - 06:13

TRENTO. L'uomo perde in centimetri: il riferimento, bando gli arrossamenti, è proprio e volutamente lì. "Il pene dei giovani di oggi è più piccolo di circa un centimetro rispetto al passato - dice Tommaso Cai, dirigente e andrologo dell'Azienda provinciale dei servizi sanitari - mentre i testicoli, sempre negli ultimi 40 anni, si sono ridotti in volume". Insomma prima di quel che si creda dovremo riscrivere tutte le favole: gli eroi forti e virgulti potrebbero finire in soffitta. Il maschio si sta infatti 'femminizzando' e non si parla della vanità di oggi che porta il sesso forte a depilarsi e curare il proprio aspetto in maniera maniacale, ma dei caratteri antropologici della nostra specie.

 

Parafrasando Al Pacino in 'Ogni maledetta domenica' si potrebbe dire che la vita è un gioco di centimetri. Qui però bando ai facili doppi sensi. Il tema è serio e riguarda il benessere dell'uomo, non solo nel senso dell'esemplare maschile. "Gli studi sulle cavie - prosegue l'andrologo - dimostrano che questi mutamenti riducono la fertilità. Siamo davanti ad una grande sfida: costruire una consapevolezza. La visita medica di leva era in grado di trovare circa il 20% di patologie non diagnosticate e oggi manca questo controllo preventivo. La donna frequenta regolarmente un ginecologo, mentre all'uomo manca la cultura dell'andrologo: stiamo lavorando con l'assessorato per garantire una visita ai ragazzi e poter intervenire il prima possibile in presenza di eventuali criticità oppure anormalità".

 

Ma quali sono le cause? "Gli inquinanti ambientali - spiega il dirigente - il fumo, l'alcol, l'alimentazione e il sesso a rischio, senza dimenticare il massiccio uso di fitofarmaci in agricoltura e l'onnipresenza dei ftalati (la pellicola trasparente usata per avvolgere il cibo oppure all'interno delle vernici, nei detersivi e nei cosmetici, ndr): tutto incide sulla fertilità e l'erezione. Non ci sono segnali e sintomi: diventa decisiva la prevenzione. Un aspetto banale, ma capace di fare la differenza è l'importanza di un sano e corretto stile di vita. E' accertato che il fumo riduce la fertilità del 17%, così come l'abuso di alcol è dannoso. La carne rossa per esempio è ricca di estrogeni e farmaci: senza accorgercene il nostro sistema ormonale viene sballato e per questo alcuni ragazzi possono sviluppare i seni".

 

Viviamo un'epoca dove la popolazione invecchia progressivamente e aumenta anche il proprio peso: "Questo - continua - causa patologie cardiovascolari, ma incide anche su prostata, erezione e fertilità". Se non fosse per il progresso della scienza, "saremmo a rischio estinzione - ammette - ma è evidente che sempre più persone ricorrono alla tecnica della fecondazione assistita. Il problema esiste e stiamo analizzando il quadro ormai da decenni. Il 15% delle coppie può avere un problema: il passo culturale in avanti è il fatto di non legare più esclusivamente alla componente maschile o femminile una potenziale problematica legata alla fertilità". 

 

Un fattore che può portare alla riduzione della fertilità è il cosiddetto sesso a rischio per via dell'infezione a trasmissione sessuale: "E'importante proteggersi - commenta - perché una cattiva salute sessuale può comportare danni importanti alla fertilità. Oggi l'Hiv non fa più paura, l'età del primo rapporto si è abbassata anche a 12 anni e internet comporta grande disinformazione. E' necessario usare il preservativo. Le malattie non vengono trasmesse dagli immigrati, ma dalla nostra scarsa cultura del sesso in quanto oggi è più importante l'immagine della sostanza". 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 January - 17:58

Sono state registrare 26 dimissioni e 238 guarigioni. Cala il numero dei pazienti in ospedali. Analizzati oltre 4 mila tamponi. Sono state confermate 191 positività riscontrate nei giorni scorsi tramite test antigenico

21 January - 14:10

Nello stesso giorno un comunicato rassicurava i giornalisti anche spiegando che alcuni di loro sarebbero andati al web (affidato in questi giorni, invece, anche a colleghi dell'Adige e Alto Adige) mentre una lettera chiariva loro di non farsi illusioni. Oggi il primo incontro con i rappresentanti sindacali è andato malissimo e la proprietà ha messo a nudo sé stessa ribadendo modi e metodi non degni di quest'epoca e la provincia di Trento scopre cosa vuol dire essersi consegnati a un monopolio 

21 January - 17:31

Il rifugio Boz rientra all’interno del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, a 1718 metri di quota, nel gruppo montuoso del Cimonega, tra le Vette Feltrine. Le ultime domande potranno essere inviate entro il 23 gennaio 2021. Ecco tutte le informazioni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato