Contenuto sponsorizzato

Crollo e rimonta, la Diatec sconfigge Latina al tie-break

Volley. La Diatec viene impallinata nei primi due parziali, ma riesce a ritrovare la strada giusta e aggiudicarsi il match del PalaTrento per 3-2. Per il bel gioco bisogna ripassare, ma questa vittoria di carattere può rilanciare la stagione. Mvp Eder

La Diatec Trentino in azione (foto Marco Trabalza)
Di Luca Andreazza - 23 November 2017 - 22:55

TRENTO. Arriva una sospirata vittoria per la Trentino Volley nel posticipo di SuperLega valido per l'ottavo turno di massima serie. Al PalaTrento la truppa di Angelo Lorenzetti rimonta e sconfigge Latina per 3-2.

 

La Diatec viene impallinata nei primi due parziali, ma riesce a ritrovare la strada giusta solo spalle al muro. Una rimonta che significa la terza vittoria in questo avvio di stagione difficile e balbettante. Un successo più di unghie, denti e carattere che sotto il profilo di un salto di qualità della prestazione. Un risultato che però può far ben sperare per il proseguo della stagione, anche in vista dell'esordio in Champions League.

 

Per il bel gioco bisognerò ripassare, ma la Trentino Volley ha il merito di non mollare mai e recuperare una gara che sembrava ormai persa contro Latina, un avversario in grado battere comunque in tre set i campioni d’Italia di Civitanova e Sora nel derby laziale.

 

La Diatec si porta a nove punti in classifica, le prime della classe sono lontane (Perugia a 24 punti, Civitanova a 23 e Modena a 20), ma questa vittoria può ridare fiducia all'ambiente e rilanciare le ambizioni di risalire sul treno e riprendere i quartieri nobili della pallavolo italiana.

 

Angelo Lorenzetti schiera Hoag in diagonale a Lanza, Giannelli in regia, Vettori opposto, Eder e Zingel al centro e De Pandis libero.

Vicenzo Di Pinto Latina risponde con Ishikawa e quindi Sottile al palleggio, Starovic opposto, Maruotti e un inedito Gitto come schiacciatori, Rossi e Le Goff centrali, Shoji libero.

 

Latina ha un impatto migliore nel primo set: Starovic porta gli ospiti subito avanti 3-6. Lanza non ci sta e costruisce da solo la parità già a quota 6. Da un lato la Trentino Volley è poco precisa, mentre Maruotti ha il braccio caldo. Il suo turno in battuta spinge i laziali sul 10-13. Lorenzetti corre ai ripari e interrompe il gioco. Alla ripresa la Diatec reagisce e si porta sul 16-16. Starovic riporta avanti Latina sul 18-21. quindi la Taiwan non concede più nulla e chiude il parziale 23-25.

Nella seconda frazione Latina è incontenibile e si porta velocemente sul 4-10. Lorenzetti inserisce Kovacevic per Hoag, avvicenda Lanza e il canadese alla ricerca delle giuste alchimie. Uros Kovacevic prova suonare la carica e riporta in scia i trentini sul 12-14 in favore della Taiwan. Dopo qualche passaggio a vuoto, gli ospiti iniziano a martellare per tenere a distanza la Diatec (17-19). Il solito Kovacevic firma però la parità a quota 20. La Trentino Volley sembra riprendere in mano la gara, ma Rossi mura il 22-24, quindi Maruotti dice 22-25.

 

Nel terzo set la Diatec Trentino è spalle al muro e si gioca il tutto per tutto al servizio. Vettori picchia forte dalla linea dei nove metri e produce un promettente e immediato vantaggio (4-1), che però Maruotti ricompone in pochi secondi (6-6). Ci pensa allora Kovacevic, stavolta col muro a segnare un altro solco (11-8). E’ proprio questo fondamentale a permettere alla truppa di Angelo Lorenzetti di conservare in seguito il vantaggio (14-11, 17-14), poi ci pensano gli attacchi di Lanzaa scrivere il 21-18. Gli ace di Eder (tre consecutivi dal 22-20) portano il match al quarto set, in corrispondenza del 25-20.

 

Nel quarto set c’è di nuovo spazio per Hoag tra i titolari: la partenza della Diatec Trentino è lanciata (5-3, 10-7) ma Latina ha il merito di non disunirsi e, guidata da Starovic, prima agguanta la parità (11-11) e poi mette la freccia (12-14). Trento ha ancora energie con Hoag (16-16) e poi pure con Lanza, che subentrato a Kovacevic, realizza un doppio break che vale il 21-19. Sull’onda dell’entusiasmo i locali prendono velocità e con lo stesso capitano e Zingel volano verso il tie break, che arriva sul 25-20 con un muro dell’australiano.

 

Il tie-break è un concentrato di emozioni e continui ribaltamenti di fronte, prima 0-3 per Latina, poi 5-3 per Trento, quindi 6-6. Nel finale di parziale arriva il guizzo di Eder, che prende per mano la squadra con servizio e muro: la Diatec Trentino dilaga sul 12-7 e chiude i giochi sul 15-10.

 

 

DIATEC TRENTINO-TAIWAN EXCELLENCE LATINA 3-2
(23-25, 22-25, 25-20, 25-20, 15-10)

 

DIATEC TRENTINO: Lanza 12, Zingel 8, Vettori 20, Joag 17, Eder 16, Giannelli 2, De Pandis (L); Kovacevic 10, Kozamernik 1, Cavuto, Partenio, Chiappa (L).  N.e. Teppan. All. Angelo Lorenzetti.
TAIWAN EXCELLENCE:  Maruotti 17, Rossi 8, Starovic 22, Gitto 9, Le Goff 6, Sottile 3, Shoji (L); De Angelis, Huang, Kovac. N.e. Corteggiani e Savani. All. Vincenzo Di Pinto.
ARBITRI: Zanussi di Treviso e Boris di Pavia.
DURATA SET: 33’, 26’, 27’, 28’, 15’; tot 2h e 9’.
NOTE: 2.764 spettatori, per un incasso di 16.817 euro. Diatec Trentino: 19 muri, 7 ace, 23 errori in battuta, 7 errori azione, 43% in attacco, 50% (28%) in ricezione. Taiwan Excellence: 12 muri, 5 ace, 13 errori in battuta, 10 errori azione, 36% in attacco, 51% (21%) in ricezione. Mvp Eder.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.27 del 27 Febbraio
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 March - 05:01

I dati si stanno invertendo anche sul quadro delle ospedalizzazioni. Grande differenza pure sulla gestione delle varianti. In provincia di Bolzano sono stati trovati 630 casi (31 di mutazione sudafricana e 220 di inglese) mentre in Trentino sono 4 i casi di inglese finora identificati 

28 February - 19:20

La situazione si complica in Val di Cembra dove i contagi continuano a salire, soprattutto a Palù dove il 14 è coinciso con la ricorrenza del patrono. Si contano 79 nuovi casi a Trento e poi seguono Pergine, Arco, Lavis, Rovereto e Levico Terme 

28 February - 20:11

Nel Comune di Giovo il rapporto contagi/residenti ha raggiunto il 3,3%, il sindaco non esclude l’entrata in vigore di misure più restrittive: Ci sono intere famiglie coinvolte, dove sia i genitori che i figli sono risultati positivi, forse ci sono un po’ meno anziani rispetto alle altre fasce d’età”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato