Contenuto sponsorizzato

Ricco bottino per il Lotta Club di Rovereto al Gran Premio Giovanissimi di Ostia

Lotta libera. Il sodalizio di Rovereto, che ha viaggiato di notte per risparmiare i soldi del pernotto, torna a casa con sei medaglie d'oro, un argento e due bronzi

Di Luca Andreazza - 14 novembre 2017 - 19:13

ROVERETO. Sei ori, un argento e due bronzi, questo il bottino raccolto dal Lotta Club di Rovereto nel corso del Gran Premio Giovanissimi nella specialità della lotta libera (maschile e femminile) al Palafijlkam di Ostia.

 

Il sodalizio roveretano, che come al solito ha viaggiato di notte per risparmiare sui costi del pernotto, ha portato i diciotto migliori atleti del momento che si sono misurati contro 330 tra Esordienti e Ragazzi di 48 diverse categorie.

 

Nonostante la specialità di casa sia la lotta greco-romana e non lo stile libero, il Lotta Club di Rovereto torna in Trentino con il pullman pieno di titoli.

 

Si inizia da Andrea Setti nella classe Esordienti 66 kg, che dopo aver agilmente superato gli incontri di qualificazione, si è aggiudicato una finale mozzafiato a base di lotta fantasiosa e d'attacco ai punti (12-10) contro un rappresentante della Wrestling Liuzzi di Napoli.

 

I fratelli Giosuè e Skyler Hickman si sono messi al collo la medaglia d'oro rispettivamente nelle categorie Ragazzi 38 kg e Esordienti 36 kg.

 

Argento per il forte Davide Gasperini negli Esordienti 44 kg e bronzo per il giovanissimo Samuele Anesi nei Ragazzi 43 kg.

 

Nel settore femminile ottima prestazione delle ragazze con tre ori nella classe Esordienti firmati da Alice Faccio nei 36 kg, Ilaria Salvaterra nei 52 kg e Emma Carri nei 57 kg. Argento quindi per Elena Nicolodi nei 52 kg e bronzo per Francesca Vettori nei 57 kg.

 

Nella classifica nazionale per società il Lotta Club Rovereto ha guadagnato la terza postazione sia per la lotta maschile che femminile.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 6 marzo 2021
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

07 marzo - 05:01

I sindacati Cgil, Cisl e Uil: "Chi chiedeva trasparenza e azioni concrete per contenere il contagio veniva accusato, mentre in realtà voleva solo preservare il territorio. Com'è che diceva il presidente Maurizio Fugatti? 'E poi si tira la riga e si vede il risultato'. Eccolo purtroppo". Zanella (Futura): "Giudizio impietoso. E non interessa del personale al collasso, mica c'è lui a riorganizzare e farsi turni massacranti"

06 marzo - 20:03
Sono 233 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero. Oggi comunicati 4 decessi. Sono 84 i Comuni che presentano almeno 1 nuovo caso di positività
06 marzo - 20:03

L'estate scorsa ci sono voluti 40 giorni in più rispetto agli altri anni per dare semaforo verde a questo servizio fondamentale e in quel lasso di tempo erano, purtroppo, morte affogate nei laghi trentini quattro persone. Questa volta si è giocato in anticipo, già disposto il dislocamento estivo dei sub direttamente all'eliporto Caproni

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato