Contenuto sponsorizzato

Andrea Pinamonti, un mancino da palati fini per il primo gol in serie A

Nella prima vittoria stagionale in massima serie del Frosinone a segno Pinamonti. I ciociari espugnano il campo della Spal, festeggiano il successo dopo dieci gare e la prima marcatura del talento trentino cresciuto nel settore giovanile dell'Inter

Di Luca Andreazza - 28 ottobre 2018 - 21:18

TRENTO. C'è anche Andrea Pinamonti nella prima vittoria stagionale, dopo dieci gare, in serie A del Frosinone. Al Mazza di Ferrara la sfida contro la Spal finisce 3-0 per i ciociari. Il talento trentino, classe '99 in prestito dall'Inter e cresciuto nel settore giovanile nerazzurro impiega tre minuti per segnare la sua prima rete in massima serie e chiudere il match. 

 

La partita di Pinamonti inizia al minuto numero 87, il tempo di ricevere palla da Cassata e far partire una parabola imprendibile per il 3-0 del Frosinone sulla Spal. Un mancino per palati fini.

 

L'attaccante di Cles aspettava da tempo questa gioia e non nasconde le emozioni che attraversano il corpo, l'esultanza è sfrenata e si conclude con le lacrime di gioia

 

Il trentino, dopo aver mosso i primi passi nella Bassa Anaunia, inizia la sua storia all'Inter nel 2013 nella categoria 'Giovanissimi' dei nerazzurri: un percorso che vede la vittoria della Coppa Italia Primavera prima e quindi l'esordio in Europa League, a San Siro, contro lo Sparta Praga e in serie A contro l'Empoli.

 

Considerato l'attaccante del futuro, già nel giro della nazionali, la proprietà dell'Inter ha blindato Pinamonti fino al 2021 e quindi l'ha girato in prestito al Frosinone per farsi le ossa. E' la quarta presenza in maglia ciociara e, come anticipato, la prima rete in serie A.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 30 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

01 dicembre - 15:37

L’ultimo esemplare radiocollarato è una femmina, ribattezzata “Cimbra”, con la sua cattura sarà possibile acquisire dati che serviranno a evitare le predazioni sugli animali domestici. Gli esperti: “Se si vogliono trovare soluzioni ci si deve attenere ai fatti evitando il sensazionalismo. Progetto replicabile? Sì, in tutto l’arco alpino, anche nei confronti degli orsi”

01 dicembre - 12:50

Tra le zone principali dello spaccio piazza Dante e piazza della Portela, l'operazione dei Carabinieri all'alba con le unità cinofile e gli elicotteri. Coinvolti tunisini, italiani e marocchini uniti da un modello organizzativo costituito da un vincolo gerarchico. Lo spaccio anche a Rovereto, Pergine, Riva del Garda e Arco 

01 dicembre - 13:30

La foto è stata pubblicata sul gruppo Facebook "S0S 47 Valsugana", il pericoloso episodio è avvenuto all'altezza di Cirè nelle scorse ore 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato