Contenuto sponsorizzato

Da Cavalese con furore: Bertagnolli e Casal centrano la seconda medaglia olimpica

Un'altra vittoria per i due diciannovenni di Cavalese ai Giochi Paralimpici invernali di PyeongChang. Dopo il bronzo nella discesa libera arriva l'argento nel SuperG 

Pubblicato il - 11 marzo 2018 - 10:12

PYEONGCHANG. Prima il bronzo e adesso anche l'argento. I due diciannovenni di Cavalese hanno fatto faville ai Giochi Paralimpici invernali che si svolgono in questi giorni nella capitale sudcoreana. Durante la notte Giacomo Bertagnolli e Fabrizio Casal hanno vinto ancora.

 

Sono saliti sul podio al secondo posto nella specialità SuperG (categoria ipovedenti), dopo aver vinto la medaglia di bronzo nella specialità discesa libera categoria visually impaired. Amici da sempre, Giacomo e Fabrizio sciano insieme ormai da diversi anni sulle piste di Cavalese.

 

Giacomo è nato con un'atrofia al nervo ottico ma non ha mai rinunciato allo sport e alla sua grande passione, lo sci, e anche grazie all'aiuto della sua guida Fabrizio, suo coetaneo e amico, sta diventando un simbolo per tutto il movimento paralimpico italiano. Bertagnolli (QUI LA SUA INTERVISTA) si è avvicinato a questo sport grazie ai suoi genitori, che all’età di 3 anni lo hanno portato per la prima volta sulle piste vicino a casa a Cavalese.

 

Giacomo a 12 anni ha iniziato a fare le prime gare agonistiche, poi è stato un crescendo costante, sono arrivati in sequenza i successi agli italiani, in Coppa del mondo e infine al Mondiale in Friuli Venezia Giulia. Niente male per un ragazzo che ha solo 19 anni compiuti da poco e che da oggi può vantare un bronzo e un argento olimpico.

 

 

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 23 novembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

24 novembre - 12:25

Tamponi antigenici e molecolari, a scuola c’è ancora confusione ma si fa largo l’ipotesi che i positivi ai test rapidi sfuggano dai conteggi per mettere le classi in quarantena. La lettera di una mamma: “Le maestre hanno il divieto tassativo di avvisare i genitori di eventuali contagi. Credo sia molto grave”

24 novembre - 11:54

La struttura ricettiva lancia anche un duro affondo sulla politica per l'assenza di certezze: "Purtroppo la mancanza di direttive e di una politica razionale per la prossima apertura invernale da parte della classe politica (ahimè senza titoli universitari o esperienza lavorativa almeno nel 95% dei casi) ci porta in autonomia per necessità di coerenza e rispetto verso il buonsenso di non aprire"

24 novembre - 11:33

La guida del Gambero Rosso quest’anno non ha dato punteggi, ma ha cercato di celebrare la ristorazione che sta reggendo il colpo, che porta avanti le sue golosità, nonostante tutto e che riesce ancora a tenere botta alla devastante crisi causa Covid. Sono state confermate solo 38 Tre Forchette in tutta Italia ad altrettanti superchef mentre sono tante le Due Forchette anche per la ristorazione regionale. Da Brunel a Ghezzi da Fumagalli a Gilmozzi, Melis, Bellingeri ecco chi sono 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato