Contenuto sponsorizzato

Il Rugby Trento vince ancora e continua la corsa in testa alla classifica

Rugby. La formazione di coach Soldani regola i Leoni del Nord Est per 41-5. Unica nota negativa, l'infortunio a Lorenzo Giovannini, costretto ai box per un mese

Di Luca Andreazza - 19 novembre 2018 - 21:00

TRENTO. Altra affermazione per il Rugby Trento che sconfigge i Leoni del Nord Est e mantiene la testa del campionato in coabitazione con il Rugby Alto Vicentino.

 

Nonostante le tante assenze, tra le quali quelle di Cuka, Luca Bendin e Max Ruocco, i gialloblu regolano per 41 a 5 i Leoni del Nord Est.

 

Il Trento parte forte e segna tre mete nei primi venti minuti: due di Ben Jemia Houssem e Francesco Andreatta a indirizzare la gara, quindi i gialloblu si limitano a controllare la partita.

 

Nel secondo tempo ecco le mete di Luca Sembenotti e Simone Broll per mettere definitivamente in ghiaccio la partita in favore della squadra di coach Soldani.

 

Nel finale Davide Miccichè lascia partire i titoli di coda sul 41 a 5 per il Trento. 

 

L'unica nota negativa è l'infortunio alla mano per Lorenzo Giovannini, costretto ai box per circa un mese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

28 settembre - 11:01

Nella regione del Nagorno Karabakh gli eserciti di Armenia e Azerbaigian si stanno affrontando in campo aperto. Negli scontri si sono già registrate delle vittime fra i civili. Entrambe le parti non sembrano intenzionate a cedere anche se nel frattempo Russia e Iran hanno chiesto un immediato cessate il fuoco

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato