Contenuto sponsorizzato

Il Rugby Trento vince ancora e continua la corsa in testa alla classifica

Rugby. La formazione di coach Soldani regola i Leoni del Nord Est per 41-5. Unica nota negativa, l'infortunio a Lorenzo Giovannini, costretto ai box per un mese

Di Luca Andreazza - 19 novembre 2018 - 21:00

TRENTO. Altra affermazione per il Rugby Trento che sconfigge i Leoni del Nord Est e mantiene la testa del campionato in coabitazione con il Rugby Alto Vicentino.

 

Nonostante le tante assenze, tra le quali quelle di Cuka, Luca Bendin e Max Ruocco, i gialloblu regolano per 41 a 5 i Leoni del Nord Est.

 

Il Trento parte forte e segna tre mete nei primi venti minuti: due di Ben Jemia Houssem e Francesco Andreatta a indirizzare la gara, quindi i gialloblu si limitano a controllare la partita.

 

Nel secondo tempo ecco le mete di Luca Sembenotti e Simone Broll per mettere definitivamente in ghiaccio la partita in favore della squadra di coach Soldani.

 

Nel finale Davide Miccichè lascia partire i titoli di coda sul 41 a 5 per il Trento. 

 

L'unica nota negativa è l'infortunio alla mano per Lorenzo Giovannini, costretto ai box per circa un mese.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 26 maggio 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

26 maggio - 19:39

Ci sono 5.412 casi e 465 decessi in Trentino per l'emergenza coronavirus. I tamponi analizzati sono stati 703 (tutti letti da Apss) per un rapporto contagi/tampone a 1,70%. Ci sono 4 nuovi positivi a Trento, 1 a Novella

26 maggio - 19:37

Per il Tirolo il problema per la riapertura dei confini è la Lombardia? La replica di Fugatti: “Non capiamo perché i tedeschi possano arrivare attraverso il corridoio austriaco ma non possano arrivare gli austriaci, questo è difficile da spiegare al mondo economico trentino”

26 maggio - 18:16

Il presidente ha spiegato perché ritiene congruo il premio per chi si è battuto in prima linea nonostante 13 milioni arrivino dallo Stato e 20 siano stati tagliati anche al personale sanitario. ''Se si sono fatte 300 ore in prima linea un infermiere può ottenere 1.500 euro netti in busta paga. Se questo è umiliante, come hanno detto i sindacati, io non lo so. Non credo''

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato