Contenuto sponsorizzato

La Trentino Volley non si ferma più, espugnata Ravenna

L'Itas Trentino vince nell'undicesimo turno di SuperLega. Complici gli altri risultati, i gialloblù si avvicinano a Modena e staccano Civitanova. Prestazioni positive di Kovacevic e Russell, Giannelli e Lisinac

Di Luca Andreazza - 09 dicembre 2018 - 20:02

RAVENNA. L'Itas Trentino conquista Ravenna. Al Pala De Andrè finisce 3-1 e la truppa di Angelo Lorenzetti si prende l'intera posta in palio al termine dell'undicesimo turno di SuperLega. I campioni del mondo si aggiudicano una partita estremamente equilibrata e si mantengono al terzo posto in classifica con una gara da recuperare dopo gli impegni iridati.

 

Dopo gli impegni internazionali tra Mondiale per club e coppa Cev, l'Itas non sente stanchezza e si rituffa nel campionato e riprende da dove aveva lasciato, ritorna così a vincere dopo l'affermazione contro Padova. E' la decima affermazione in questo campionato, la quinta con un rotondo 3-0. 

 

Un successo che consente ai trentini di tenere nel mirino Modena per il secondo posto in classifica. Sono soprattutto Kovacevic, Russell, Lisinac e Giannelli (ben 7 punti) a guidare i gialloblù in questo turno, Trento espugna il difficile parquet di Ravenna (l'anno scorso era finita 3-0 per i padroni di casa), tra le sorprese di questo avvio di campionato, e stacca Civitanova sconfitta da Milano, avvicina gli emiliani e anche la lontanissima Perugia battuta a Padova

 

La Trentino Volley scatta dai blocchi nel migliore dei modi nel primo set: Kovacevic e Vettori scavano subito un solco sul 1-6 e Ravenna ricorre al time out. La mossa funziona e alla ripresa i padroni di casa iniziano a mettere la palla a terra con Rychlicki (8-11). I gialloblù scrivono subito il +5 (10-15). La Consar reagisce e si riporta in scia sul 19-21. E Angelo Lorenzetti chiama il time out. Le squadre ritornano sul parquet e Trento mette a terra il pallone del 21-25

 

Nel secondo periodo Ravenna parte meglio e scappa sull'8-4. Il time out di Lorenzetti permette ai trentini di ricompattarsi, sono Kovacevic e Lisinac a rimettere i gialloblù in carreggiata (8-10), mentre Candellaro, Giannelli e Russell mettono la freccia sul 10-12. La Consar però non molla la presa e dice 17-14. Ravenna accelera ancora sul 24-19, Trento reagisce, ma arriva lo spunto dei padroni di casa per il 25-23.

 

E' Russell a confezionare il primo break della terza frazione (4-7). La Trentino Volley è una furia e scappa sul 10-16 trascinata da Kovacevic, ammonito poco prima per proteste. Il serbo continua a trovare punti in modo regolare e Trento dice +11 (11-22). Il parziale si chiude velocemente sul 13-25.

 

Il quarto set è molto equilibrato. Le squadre in campo commettono diversi errori e non sfruttano le occasioni per chiudere qualche break, soprattutto Trento è particolarmente fallosa. Dopo un'altalena di cambipalla, la partita si spezza dopo il 12-12. La Trentino Volley massimizza tutti i palloni, Russell scava la differenza a suon di ace per il 15-20. I gialloblù lasciano partire i titoli di coda sul 21-25.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 01 dicembre 2020
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

02 dicembre - 19:37

Sono 459 le persone che ricorrono alle cure del sistema ospedaliero di cui 47 pazienti sono in terapia intensiva e 52 in alta intensità. Sono stati trovati 278 positivi a fronte dell'analisi di 3.705 tamponi​ molecolari per un rapporto contagi/tamponi al 7,5%

02 dicembre - 18:25

Il presidente ha annunciato il nuovo documento che dal 3 dicembre cambia le cose e permette nuove libertà per i cittadini. Saltano tutte le restrizioni in più rispetto alla ''normale'' zona gialla. Ecco cosa cambia

02 dicembre - 12:43

L'Università di Trento ha ottenuto ulteriori riconoscimenti internazionali in due studi pubblicati dal Web science group e dalla Stanford University. Secondo queste ricerche, Francesca Demichelis e Nicola Segata rientrano nell'1% dei professori più citati al mondo, mentre altri 64 docenti dell'Ateneo trentino figurano tra il 2% degli studiosi e delle studiose più autorevoli della comunità scientifica mondiale

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato