Contenuto sponsorizzato

L'Aquila Basket perde in Turchia e saluta la Top16

La squadra di coach Maurizio Buscaglia conduce per metà gara, poi i turchi alzano il ritmo. La Dolomiti Energia regge, ma nell'ultimo quarto seminano i trentini. Una sconfitta che estromette i bianconeri dalla Top 16 di Eurocup

Foto di Temir Erdemay
Di Luca Andreazza - 12 dicembre 2018 - 19:54

ANKARA (Turchia). Si chiude l'avventura della Dolomiti Energia in Eurocup. Fatale la sconfitta alla Spor Salonu di Ankara in Turchia. Nel nono turno della competizione europea la truppa di Maurizio Buscaglia alza bandiera bianca per 84-77 e saluta l'Europa.

 

Dopo l'impresa a San Pietroburgo serviva un'altra vittoria esterna, questa volta con quattro punti di margine, per i bianconeri, mail successo non è arrivato al termine di una gara equilibrata e condotta davanti per praticamente tutta la prima metà di partita, fino a quando Landesberg, Stimac e Gabriel si caricano la squadra turca sulle spalle. Un match segnato soprattutto nell'ultimo quarto.

 

Il merito di Trento è quello di saper soffrire e restare sul parquet, incassare i colpi e ripartire. I bianconeri reggono e rintuzzano i turchi, riescono a rientrare anche quando scivolano lontano, ma la Turk Telekom Ankara è davvero solida e si assicura la vittoria. Un successo dei padroni di casa che spegne i sogni di passare il turno alla Top16

 

Non bastano alla Dolomiti Energia le prestazioni di Davide Pascolo (18 punti), Devyn Marble (18 punti), Beto Gomes (16 punti), e Dustin Hogue (11 punti). In quel di Ankara finisce 84-77 per i padroni di casa.  

 

La partenza dell'Aquila Basket è bruciante. Un avvio indiavolato che porta i bianconeri a +10 dopo 5 minuti: Gomes e Hogue confezionano il 2-12. I turchi però trovano la forza di reagire, la Turk Telekom Ankara punto dopo punto avvicina la Dolomiti Energia che però riesce a chiudere avanti il primo quarto sul 19-22

 

Nel secondo periodo (23-23) la partita è tanto vibrante quanto equilibrata. I bianconeri accelerano ancora per il +7, ma i turchi trovano ancora la forza per reagire. La Turk Telekom riesce a mettere la freccia sul 35-34, quindi l'Aquila Basket incassa e si rimette avanti sul 42-45 al riposo lungo. 

 

Nella terza frazione (19-16) è la squadra di casa a partire meglio e mette alle corde i trentini. Le maglie della difesa di Trento sono larghe e Ankara è letale per fissare il punteggio sul 51-47. I bianconeri si scrollano di dosso le difficoltà e ritornano a macinare gioco per restare in partita fino a impattare il risultato. Il tabellone segna 61-61.

 

L'inizio dell'ultimo quarto (23-16) è ancora di marca Ankara. I turchi si portano sul +6 e tengono a bada i tentativi di rimonta della Dolomiti Energia. Ma Trento vuole a tutti i costi la qualificazione e alza i giri del motore per pareggiare. La tripla di Landesberg spezza nuovamente l'equilibrio, Redding e Gabriel arrotondano ulteriormente il punteggio. Termina 84-77 per la Turk Telekom.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.21 del 25 Settembre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 settembre - 20:29

Mentre il presidente della Regione Kompatscher lavora per portare la concessione dell'autostrada nelle mani solo degli enti pubblici, da parte della giunta provinciale trentina la sensazione è che si stia remando in direzione contraria. L'ex presidente Ugo Rossi: "Fugatti ostacola la comunanza di visione tra le province. Vuole fare gli interessi dei veneti. Così rischiamo di andare alla gara"

28 settembre - 05:01

Parole dure, quella della massima carica della Lega in provincia di Trento. Parole da fine stratega che bolla Caramaschi ''comunista'' e ricorda che il tempo dei ''doppi giochi è finito'' dimenticandosi del fatto che a Riva del Garda pur di avere qualche speranza di vittoria e per poter dire ''beh almeno lì ce l'abbiamo fatta'' la sua Lega sta facendo di tutto (leggasi accordi per cariche) per accaparrarsi Malfer e il Patt 

27 settembre - 18:30

Dopo il mancato apparentamento il sindaco uscente Betta chiede il sostegno degli ambientalisti: “Su molti punti siamo vicini, Parisi potrebbe essere la garante di un accordo programmatico, mi sento di tendere la mano alla coalizione ambientalista e sono pronto ad accogliere alcuni esponenti all’interno della Giunta”

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato