Contenuto sponsorizzato

L'Aquila si inceppa sul più bello e perde dopo due overtime all'ultimo respiro

Basket. Avanti per buona parte della gara la Dolomiti Energia esce sconfitta per 105-106 nella quarta giornata di Eurocup. I bianconeri si fermano a un secondo dalla fine del secondo supplementare. Qualificazione appesa a un filo

Di Luca Andreazza - 24 gennaio 2018 - 21:39

TRENTO. La Dolomiti Energia cade in volata dopo due overtime al cardiopalma per 105-106 contro il Podgorica Buducnost nella quarta giornata di Eurocup. I montenegrini riescono a strappare una vittoria fondamentale in ottica europea e puntellano la propria classifica. Le speranze di passaggio del turno per Trento sono appesa a un filo.

 

Dopo un avvio positivo della Dolomiti Energia (22-20), Podgorica alza i giri del motore e allunga nella seconda frazione (19-26) per rientrare negli spogliatoi per il riposo lungo sul 41-46 di marca montenegrina. 

 

Al rientro sul parquet per il secondo tempo l'Aquila cambia marcia e il terzo parziale è completamente a tinte bianconere, un 23-11 per il 64-57 che permette alla Dolomiti Energia di mettere nel mirino la rimonta dei tredici punti di svantaggio accumulati nella gara precedente. 

 

Il Buducnost però non molla la presa sulla partita e nella quarta frazione (18-25) sfida diventa una 'gara da tre': da un parte Gutierrez, Gomes e Shields, dall'altra Ivanovic, Nikolic, Gordic e Gibson sono dei cecchini e non sbagliano un colpo. Il finale è teso e Podgorica impatta il risultato sull'82-82 che manda tutti all'overtime.

 

All'overtime la Dolomiti Energia scatta bene dai blocchi, ma Podgorica stringe i denti: prima recupera e poi ribatte colpo su colpo.  Un'Aquila Basket che, nonostante la stanchezza riesce a rimettersi in carreggiata e si porta avanti quando manca un secondo sul cronometro. Gomes però commette fallo e Nikolic non sbaglia dalla lunetta. Finisce 105-106 (23-24).

 

La cronaca. Le triple di Gibson e Sehovic inaugurano il primo quarto della gara e il punteggio è subito 2-6 in favore di Podgorica. Gutierrez pesca il canestro dalla distanza e rimette Trento in scia (5-6). Il messicano infila altri quattro punti consecutivi e la tripla di Forray dicono 12-6 per i bianconeri. L'Aquila resta avanti con Shields e Sutton per il 16-11, quindi gli ospiti reagiscono e impattano sul 18-18. La tripla di Silins chiude il periodo sul 22-20 per la Dolomiti Energia.

 

Pronti via per la seconda frazione e Podgorica confeziona il sorpasso: Barovic impatta e Doellman colpisce dalla distanza (22-26). Ivanovic incrementa il vantaggio e ci pensa la tripla di Gomes a interrompere la serie positiva dei montenegrini (25-28). Il Buducnost accelera però e si porta sul +7 (29-36). Hogue e Shields non ci stanno e pareggiano, quindi il finale vede ancora Podgorica scappare via sul 41-46 al riposo lungo.

 

Nel terzo periodo i montenegrini provano a incrementare il vantaggio, ma Hogue, Shields e Sutton cercano di tenere i bianconeri in partita (48-52). L'intensità della Dolomiti Energia: Forray e Hogue confezionano il sorpasso e Trento si porta sul +6 per il 58-52. La schiacciata di Gomes spinge i bianconeri sul +9 (61-52), ma Podgorica non molla e Barovic dice 61-54. Ancora Gomes e Sutton chiudono il parziale sul 64-57.

 

Il botta e risposta da tre tra Ivanovic e Nikolic da una parte, Gutierrez e Gomes dall'altra aprono il quarto parziale per il 69-66 a tinte bianconere. Gordic pesca un'altra tripla e firma il pareggio sul 69-69. Forray non sbaglia i liberi (72-69), ma Gibson cancella subito tutto per il nuovo pareggio (72-72), quindi Gutierrez rimette la Dolomiti Energia avanti sul 76-72. Ancora Shields e Nikolic dalla distanza fanno schizzare il punteggio sul +4 per l'Aquila: 81-77. Ivanovic e Gordic trovano però la forza di pareggiare sull'82-82. Si va all'overtime.

 

La tripla di Forray scalda il pubblico del PalaTrento nell'overtime per l'85-82. Ivanovic si esibisce nel 2/2 ai liberi, mentre Landry nell'1/2 per l'85-85. La Dolomiti Energia incassa e restituisce: Forray innesca Sutton per l'87-85, ma ancora Landry risponde subito per il pareggio. Ivanovic perde lucidità e prima subisce un tecnico e quindi manda in lunetta Flaccadori: Trento si porta sul +3 (90-87). Forray trova ancora un canestro per il 92-87.  Gibson non si arrende e accorcia, quindi Sutton ristabilisce le cinque lunghezze di distanza (94-89). Forray racimola il quinto fallo e Nikolic non sbaglia dalla lunetta per il 94-91. Gordic impatta sul 94-94 per il secondo extra-time: Il Buducnost andrebbe a canestro, ma fuori tempo e dopo diversi minuti tra video-check e confronto tra gli arbitri, i punti vengono tolti e si va avanti. Anche questa volta l'Aquila parte meglio: tripla Gomes per il 97-95, ma il pareggio è presto servito da Landry. Podgorica ritorna avanti, ma Franke impatta, quindi i tre punti di Sheovic portano il punteggio sul 99-102. Ancora Franke accorcia subito (101-102). Godic affonda il colpo per il 101-104. Flaccadori non si arrende per il 103-104. E Shields quasi sulla sirena scrive il 105-104. Manca un secondo, ma il finale però non è ancora scritto: Gomes commette su Nikolic: il 2/2 ai liberi vale il 105-106.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 20 luglio 2019
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

21 luglio - 19:27

Dopo la boutade di Sgarbi che aveva definito il planetario “tre palle su un prato” ecco la mossa del Muse che incassa già alcuni endorsement importanti come quello dell’astronauta Samantha Cristoforetti: “Evento importante per la città di Trento e non solo”. Lanzinger: “Un unicum per tecnologia e innovazione”

21 luglio - 12:18

La storia della squadra di calcio che è diventata un esempio di inclusione e dialogo interculturale vista attraverso gli occhi di Youness Et-tahiri che per un anno ha giocato con il team di Trento e che adesso sta per trasferirsi in un altro club, ma che fa sapere: “Questo è solo un arrivederci”

21 luglio - 19:00

Il consigliere dei Verdi non ha votato il Prg ed è uscito dall'aula puntando il dito contro la maggioranza che ha accettato l'emendamento arrivato dai banchi della minoranza. "In una fase di cambiamenti climatici enormi, dove lo zero termico si alza sempre più e noi insistiamo con le politiche turistiche legate allo sci in luoghi che fra 10/15 anni non avranno più le condizioni per avere la neve"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato