Contenuto sponsorizzato

E' Attilio Gementi il nuovo direttore sportivo del Trento

Dopo l'esperienza alla Pertichese, nel 2010 approda al San Paolo Padova in serie D, quindi nel 2014 si trasferisce al Campodarsego, in Eccellenza, per ricoprire sia il ruolo di direttore sportivo che quello di direttore generale

Pubblicato il - 20 giugno 2019 - 09:47

TRENTO. E' Attilio Gementi il nuovo direttore sportivo del Trento. I gialloblù hanno completato la casella rimasta vacante dopo la separazione con Erminio Gizzarelli.

 

Nato a Canaro, in provincia di Rovigo, il 5 maggio 1968, dopo una vita da calciatore spesa interamente in Veneto tra i dilettanti e la serie C2, con un'esperienza anche nella formazione "Primavera" del Cesena, Gementi intraprende la carriera dirigenziale alla Pertichese. Lì nel giro di poche stagioni sale dalla Seconda categoria alla Promozione.

Nel 2010 approda al San Paolo Padova, in serie D, con cui - in quattro anni - conquista un quarto e due quinti posti e una tranquilla salvezza, prima di trasferirsi, nel 2014, al Campodarsego, in Eccellenza, per ricoprire sia il ruolo di direttore sportivo che quello di direttore generale.

 

Con la società biancorossa raggiunge subito la promozione in serie D - la prima della storia del sodalizio patavino -, vincendo anche la coppa Veneto e, nei successivi quattro campionati di serie D, centra due secondi, un terzo e un quarto posto, vincendo per due volte i playoff e conquistando, nella stagione 2017/2018, la coppa Italia di quarta serie.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 20.05 del 26 Ottobre
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

27 ottobre - 04:01

È stato lo stesso Fugatti ad ammettere “che non è esclusa l’impugnazione del Governo” e ancora una volta il Trentino ha scelto la via più facile, ma meno sicura, per arrivare allo scontro con il Governo. Se per impugnare l’ordinanza dell’Alto Adige (appoggiata da una legge) servirebbe un lungo e complicato ricorso, per disinnescare quella trentina basta una pronuncia del Tar

26 ottobre - 19:32

Ci sono 86 persone nelle strutture ospedaliere di Trento e Rovereto, 5 pazienti si trovano nel reparto di terapia intensiva e 10 persone sono in alta intensità. Nelle ultime 24 ore sono stati trovati 113 positivi a fronte dell'analisi di 983 tamponi molecolari per un rapporto contagi/tamponi a 11,5%

26 ottobre - 18:58

I nuovi dati forniti dalla Provincia e dall'Azienda sanitaria dimostrano come l'allerta nelle Rsa rimane alta. Il direttore dell'Apss "Il focolaio maggiore è nella struttura di Malè" e accanto all'emergenza sanitaria c'è anche quella del personale  

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato