Contenuto sponsorizzato

La Coppa Europa femminile torna in Paganella. La pista Olimpionica di Andalo pronta per accogliere il meglio del circo bianco giovanile

Il tracciato ospita ormai da anni gli allenamenti del Norway Ski Team, la nazionale norvegese di sci alpino di Kristoffersen e compagni, che anche nella stagione 2019/2020 prepareranno in Paganella i grandi appuntamenti europei di Coppa del Mondo. Un evento organizzato da Ski Team Paganella e Consorzio Paganella Ski

Pubblicato il - 01 dicembre 2019 - 16:17

ANDALO. La Coppa Europa femminile ha preso dimora sulle nevi della skiarea Dolomiti Paganella. Per la settima volta, dal 2012 ad oggi, il circuito continentale in rosa farà tappa ad Andalo, proponendo due gare di slalom gigante nel weekend di sabato 14 e domenica 15 dicembre.

 

Teatro di gara sarà, come sempre, il collaudato e tecnico pendio della pista Olimpionica 2, la più impegnativa dell’intero circuito per le prove femminili, con un dislivello che sfiora i 400 metri, il massimo consentito. Il tracciato, non a caso, ospita ormai da anni gli allenamenti del Norway Ski Team, la nazionale norvegese di sci alpino di Kristoffersen e compagni, che anche nella stagione 2019/2020 prepareranno in Paganella i grandi appuntamenti europei di Coppa del Mondo.

 

Le nevicate degli ultimi giorni hanno imbiancato la skiarea, che si presenta già nella elegante veste invernale. A garantire alle atlete l’ideale terreno di gara penseranno gli staff dello Ski Team Paganella e del Consorzio Paganella Ski, le due realtà impegnate nell’organizzazione dell’importante due giorni internazionale.

 

Lo scorso anno ad Andalo, dove andò in scena anche una due giorni di Coppa Europa maschile, ci fu la doppietta della polacca classe 1994 Maryna Gasienica-Daniel, che precedette in entrambe le gare la francese Clara Direz. Al cancelletto si presentò anche l’astro nascente del circo bianco, la neozelandese Alice Robinson, recente vincitrice dello slalom gigante di Sölden: la sua trionfale stagione, culminata con la conquista del titolo iridato junior ai Mondiali della Val di Fassa e con il primo podio in Coppa del Mondo ad Andorra, iniziò proprio in Paganella, pur non riuscendo a concludere le due prove.

 

Tra le protagoniste delle passate edizioni delle gare di Coppa Europa disputate ad Andalo figurano anche la campionessa statunitense Mikaela Shiffrin, settima nel 2012 appena diciassettenne, quindi la norvegese Nina Loeseth, l’austriaca Eva-Maria Brem, l’azzurra Marta Bassino (quinta nel 2013) e la slovena classe 1998 Meta Hrovat, vittoriosa in Paganella nel 2017 e ora protagonista sul massimo palcoscenico internazionale.

 

La due giorni di metà dicembre sarà l’occasione per vedere all’opera i migliori nuovi talenti dello sci mondiale, chiamati a un primo esame di maturità su un pendio esigente come quello della Olimpionica 2. Quella di Andalo sarà la quinta tappa del calendario di Coppa Europa femminile 2019/2020, la seconda di slalom gigante dopo quella in programma a fine novembre a Trysil, in Norvegia.

 

Una skiarea, quella della Paganella, che si presenta con una novità rilevante in vista della nuova stagione invernale. Sportivi, agonisti e appassionati di sci quest'anno hanno a disposizione una nuova pista e la nuova telecabina "Dosson - La Selletta", un tracciato di categoria rossa lungo 2 chilometri, con una pendenza media del 26% e massima del 43%, per un dislivello di 500 metri.

Contenuto sponsorizzato
Telegiornale
Ultima edizione
Edizione ore 19.30 del 21 gennaio 2021
Il DolomitiTg, le notizie della giornata in sessanta secondi. Cronaca, politica, ambiente, università, economia e cultura: tutte le news in un minuto
Contenuto sponsorizzato

Dalla home

23 gennaio - 05:01

Ispra suggerisce un deciso cambio di rotta nella gestione dei plantigradi fin qui messa in campo dal Trentino: “Essenziale e necessaria una migliore e più trasparente rendicontazione da parte della Pat di tutti gli episodi potenzialmente critici”. Per gli esperti la prevenzione è più efficace di dissuasioni e abbattimenti: “Spesso comportamenti potenzialmente pericolosi possono emergere negli orsi come conseguenza di comportamenti umani non adeguati”

22 gennaio - 19:59

Il numero dei pazienti covid scende ancora e si posiziona a 260, ma la notizia incoraggiante sta anche nel forte calo dei decessi che oggi si fermano ad 1 solo caso avvenuto a Mori. Dei nuovi casi positivi, gli asintomatici sono 75 mentre i pauci sintomatici sono 96. Ci sono altri 19 casi di bambini e ragazzi in età scolare che hanno contratto il virus (le classi in quarantena ieri erano 24) e di questi 3 piccoli hanno meno di 5 anni. Gli ultra settantenni invece sono 30

22 gennaio - 18:49

Intervenuto nella conferenza stampa sulla situazione Covid in provincia, il direttore della Prevenzione dell'Apss Antonio Ferro spiega l'errore nella somministrazione a 12 operatori dell'ospedale di Rovereto di una soluzione fisiologica al posto dei vaccini. "Questo dimostra quanto siano importanti i controlli"

Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato
Contenuto sponsorizzato